"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’operazione di Washington in Siria aprirà un conflitto generale dalle funeste conseguenze

di  Luciano Lago

Mentre si prepara l’attacco alla Siria e la flotta aeronavale USA si muove verso il Mediterraneo ed il Golfo Persico, risulta che l’amministrazione Trump in questo momento è impegnata negoziare con la Gran Bretagna, la Francia e altri alleati, inclusi i governi arabi, circa i loro ruoli nell’operazione siriana.

Da alcune fonti affidabili (riservate) è trapelato che Donald Trump, il quale ha assunto il berretto di comandante in capo delle operazioni, questa volta sta esaminando una grande operazione in Siria, che si svolgerà per diversi giorni e porterà ad un attacco concertato della coalizione alleata sia contro i centri di comando e controllo delle forze siriane, sia in contemporanea contro la presenza militare iraniana insediatasi in quel paese. In pratica sembra evidente che l’operazione era pianificata da tempo e mancava solo il pretesto per l’intervento, creato appositamente con l‘operazione “false flag” dell’attacco con i gas di cui sono stati incaricati i ribelli sotto direzione di CIA e Mossad.

Trump cerca di ottenere l’appoggio della Gran Bretagna ed ha imposto al primo ministro britannico, Theresa May, la restituzione del “favore”: devi ricambiare il mio sostegno per averti appoggiato contro la Russia nell’affare della ex spia avvelenato; adesso tocca alla Gran Bretagna sostenermi nell’attacco contro la Russia e l’Iran in rappresaglia per il finto attacco chimico in Siria, quello prefabbricato dai mercenari filo USA.

La Gran Bretagna mantiene una base aerea a Cipro che metterebbe a disposizione della coalizione USA. Allo stesso tempo la Francia di Macron è ansiosa di mettere già da subito a disposizione le sue forze ma l’unica portaerei francese, la Charles de Gaulle-R 91, è in banchina per lunghe riparazioni. Il 6 aprile 350 aviatori francesi hanno iniziato un addestramento congiunto a bordo della USS George HW Bush nell’Atlantico occidentale. Il loro trasferimento implicherebbe un complicato e dispendioso coordinamento tra i due quartieri generali. Saranno a disposizione del comando integrato USA.

Trump ha promesso di prendere una decisione sull’operazione siriana entro giovedì dopo aver consultato i suoi consiglieri per la sicurezza e gli alleati. Quello che Trump ha in mente è molto più di un unico bombardamento simile all’assalto per mezzo dei missili Tomahawk che aveva ordinato su una base aerea siriana, un anno fa, sempre in risposta ad un altro presunto attacco chimico avvenuto allora.

Difesa aerea Pansir S-1 in Siria 2

È probabile che questa operazione sia sostenuta per diversi giorni e continui fino alla seconda metà di aprile. Questo renderà più pericolose le reazioni della Russia e dell’Iran. Israele fra gli altri si aspetta una imminente reazione iraniana e russa in risposta all’attacco della base siriana dove 7 consiglieri iraniani sono periti nel bombardamento. Teheran lo ha promesso che questa azione non rimarrà impunita e si prevede che l’attacco potrà essere effettuato con i missili strategici iraniani contro obiettivi sul territorio di Israele.

Le reazioni russe non sono facilmente prevedibili ma il rappresentante diplomatico russo a Beirut ha assicurato che la Russia reagirà all’attacco non soltanto con l’intercettare e distruggere i missili USA in arrivo sulla Siria ma anche colpendo a sua volta le basi (navali o terrestri) da cui saranno sparati tali missili.

Non si può escludere che anche le basi USA attualmente insediate illegalmente in Siria, come quella di AL Tanf, al sud del paese vicino al confine giordano, possano essere oggetto di una rappresaglia russa e iraniana. Tali basi sarebbero vulnerabili nell’ipotesi di una forte reazione militare russo iraniana all’attacco della coalizione diretta da Washington.
Alle reazioni russe e iraniane a quel punto si possono prevedere contro reazioni statunitensi e, da quel momento, tutto diventa possibile, anche il coinvolgimento di obiettivi situati in altri paesi e l’allargamento del conflitto che sarebbe ad un passo dal divenire nucleare.

La peggiore delle ipotesi non si può escludere quando la politica risulta nelle mani di paranoici e guerrafondai come quelli che albergano a Washington, Londra e Tel Aviv.

P.S. Niente di quello che appare dalle TV e dai media occidentali corrisponde alla realtà. L’operazione di propaganda di guerra è in pieno svolgimento.

Vedi anche: Soltanto gli imbecilli credono alla propaganda di guerra di Washington

*

code

  1. La soluzione 1 settimana fa

    Prima o poi doveva succedere. E la volta che l’america assaggera la vera guerra con una super potenza. Si gioca la liderscip e lo sa benissimo che ne uscirà con le ossa rotte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 1 settimana fa

      “liderscip”??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Marco 1 settimana fa

      Leadership

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dolphin 1 settimana fa

    Intanto la potaerei in riparazione é un ottimo bersaglio prima che diventi operativa, e prima che ne costruiscano un altra ne passa di tempo, se di tempo ne avranno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 1 settimana fa

      Sarebbe un bersaglio facile comunque, anche se fosse completamente operativa in navigazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mardunolbo 1 settimana fa

    Come volevasi dimostrare, i Serpenti Uniti stanno raccogliendo le forze dei loro lacche’ per “punire” chi resiste ai loro ordini.
    Intanto le navi dei Serpenti viaggiano verso la Siria e rullano i tamburi di guerra. Soltanto un pazzoide megalomane, tipico dei presidenti Usa, poteva rispondere al monito russo, in quel modo provocatorio e sfrontato. Del resto i bulli ameri-cani non hanno mai capito altro che le botte ed i pugni.
    Persino in Cina il tweet allucinante di Trump e’ arrivato e lo commentano come sanno farlo i cinesi che odiano di tutto cuore ameri-cani e quanto segue loro.
    Insomma e’ confermato il segnale di Trump e le sue intenzioni bellicose per “fargliela pagare” ai ribelli agli ordini Usa ! Penso pero’ che questa volta i rischi vadano ben aldila’ di una guerra europea, ma questo gli ameri-cojons non possono capirlo, ma DEVONO capirlo direttamente sperimentandolo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio 1 settimana fa

    Una risposta come quella data da trump, in totale dispregio di tutto, della vita degli altri, della diplomazia e del buon senso, merita una pallottola in fronte.. senza neanche bisogno di parlare.. un colpo alla nuca e canzone finita.. e una alla nuca di bibi merdagnau..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 1 settimana fa

      la Russia è preparata e calcola tutto. Non mi stupirei se per prima cosa sistemasse in un attacco a sorpresa Ukraina, Lettonia, Estonia e Lituania

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Manente 1 settimana fa

    Siamo alla follia della ennesima guerra scatenata per volontà e nell’interesse dei Rothschild e dei satanisti del “popolo eletto”. Visto che lo scontro sembra ormai inevitabile, voglia Iddio che questo criminale attacco al martoriato popolo siriano segni la fine della entità sionista, dei Rothschild, Soros e di tutti i servi dell’impero della menzogna, Inghilterra e Francia per primi !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. paolo calvo 1 settimana fa

    La Russia ci incenerirà, all’istante!
    E armageddon sia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. redfifer 1 settimana fa

    Se non fosse per le conseguenze, io li lascerei fare. E’ ora che l’America prenda due sonori sganassoni che la riportino a questo mondo e la smetta di comportarsi da ragazzina viziata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Tania 1 settimana fa

    Gli americani sono folli, pericolosi, criminali, feccia bullista, è ora che il pianeta, tutto il male nasce dagli USA, un popolo/soldato che vive di ARMI, la CANAGLIA che affligge il pianeta. CHE SCHIFOOOOOOOO, l’ORRORE! Qualcuno li fermi, si curino, sono degli squilibrati fanatici…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Citodacal 1 settimana fa

    Giornalisti d’accatto: spergiurano sulla certezza dell’attacco chimico di Assad, ma nemmeno sanno riconoscere un tipo d’aereo dall’altro. La Botteri infatti è riuscita a definire come “caccia” i grossi velivoli da pattugliamento marittimo – e dunque disarmati – Boeing P-8 Poseidon decollati da Sigonella: figurarsi quanto risultino maneggevoli nei confronti di un Flanker-E Sukhoi Su-35S…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tania 1 settimana fa

    Viene il giorno che bisogna smettere di essere tifosi e bisogna pensare alla famiglia, al Paese, al pianeta, tutti qua, costretti a convivere, i confini hanno permesso la sopravvivenza del popolo della Terra, è stata una scelta necessaria, chiunque viola i confini altrui è portatore di Caos, Morte, Sofferenze, Carestie, tribolazioni inaudite, macerie su macerie. Io accuso gli USA di violare sistematicamente tutti i paesi del pianeta, di essere portatori di tutto quello che può uccidere, sterminare milioni di esseri umani, io chiedo che il pianeta istituisca un processo contro questa CANAGLIA, stare in silenzio equivale ad esserne complici, complici dei più grandi criminali che l’umanità abbia mai visto, scatenano guerre finedelmondo con la stessa leggerezza con cui si va al cinema! Ogni frase dei presidenti americani è frase di film!!!!!!!!!!!! SONO FOLLI, chiunque li appoggia deve fai un esame di coscienza e assumersi le sue responsabilità, compresa la distruzione della propria stessa famiglia che una guerra mondiale porterà ad un olocausto. Ogni madre e padre devono proteggere la propria famiglia da questi folli. Ci vorrebbero manifestazioni di massa contro gli USA. BASTA con la loro follia, è immorale, è contro il nostro istinto di conservazione non dire niente!
    Quei porci del PD, così pieni di buonsenso, perché non prendono posizione contro questo paese dittatore ed imperialista all’ennesima potenza? Tutti gli uomini del pianeta sono chiamati al loro dovere di difendere la loro libertà contro questo Paese che sembra guidato da Satana in persona…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mirella 1 settimana fa

      Hai detto la verità, gli stati uniti d’america sono guidati da satana in persona! leggete la bibbia nei passi contro la moderna Babilonia, parladell’america

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Ubaldo Croce 1 settimana fa

    Infatti l’occidente sionista ne uscirà definitivamente sconfitto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Christian 1 settimana fa

    Ricordate la Corea del Nord? Ricordate le panzane di Trump? “FUOCO E FURIA COME IL MONDO NON HA MAI VISTO PRIMA!”… e poi? Nulla… E sono convinto che anche in questo caso, alla fine, oltre alle sparate su Twitter, non si andrà; non attaccheranno la Siria, vedrete. Intanto, la Russia, senza troppo clamore stà velocemente dispiegando molti mezzi e sistemi d’arma in Siria…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 1 settimana fa

      invece la guerra ci sarà. Perché ? Perché si è troppo vicini a Tel Aviv in quella zona

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Christian 1 settimana fa

        E invece l’attacco alla Siria non ci sarà, e infatti la situazione si stà già sgonfiando. In compenso consolati con il fatto che l’aeronautica turca ha abbattuto un caccia Mirage 2000 dell’Aeronautica greca.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Christian 1 settimana fa

          Rettifica: il Mirage 2000 greco non è stato abbattuto, è precipitato per un guasto e il pilota è morto. Il Ministero della Difesa greco ne ha dato conferma.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Christian 1 settimana fa

        E dovresti anche uscire da questa mentalità secondo cui il regime sionista è onnipotente e controlla tutto e tutti. Le cose cambiano.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. atlas 1 settimana fa

          è cambiato qualcosa dai protocolli dei savi di sion di inizio ‘900 ad oggi ? Cosa ti fa pensare che non siano in grado di provocare la terza grande guerra

          e cosa ti fa pensare che rinuncino alla grande Israele oggi che il 98% di loro sono sionisti…li vedi forse più deboli ?

          E’ solo questione di tempo e loro non ne hanno da perdere avari come sono. Il tempo è ‘denaro’

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. atlas 1 settimana fa

            non comprendo poi perché dovrei ‘consolarmi’ con l’aereonautica turca…se mi segui qui avrai compreso che non ritengo merdo can e il suo partito musulmano, ma anzi, nemico dell’Islam

            Mi piace Non mi piace
          2. Christian 1 settimana fa

            “Cosa ti fà pensare che rinuncino alla ”grande israele di stò cazzo”?… E dai.. dagliè con stà mentalità da “sionisti padroni incontrastati dell’universo”… ma è così difficile vedere come sono cambiate le cose??

            “Li vedi forse più deboli?” Certo che si, è un dato di fatto, è incontrovertibile. è talmente evidente che è fin superfluo parlarne.

            “E’ solo questione di tempo e loro non hanno da perdere come sono”… dai, davvero, questa te la potevi risparmiare. Vedi? siamo sempre li, con stà mentalità infida dura come la roccia da scalfire, nonostante i fatti attuali, secondo coi il regime sionista “scatenerà l’armaggheddon in terra contro i suoi schiavi goym”, e che “non hanno niente da perdere”.

            Adesso ti faccio un breve quadro della situazione: Cos’è Israele? Di fatto, cos’è? E’ semplicemente un regime sionista, colonialista e razzista, che occupa abusivamente una superficie meno grande della regione Lombardia, con si e no 8 milioni di persone, che stà in piedi solo perchè gli americani e alcuni Paesi della Nato gli passano annualmente armi e soldi; nel concreto, il regime sionista militarmente non è certo “invincibile” come Hollywood e i media mainstream lo hanno apposta dipinto, basta vedere gli ultimi episodi della sua aviazione di quest’anno in Siria, e delle sonore sberle che ha preso da Hezbollah nell’agosto del 2006. Dov’è, dimmi, l’invincibilità del regime sionista??? NON C’E’. E il fatto che abbiano presumibilmente le armi nucleari non significa nulla, perchè chiunque segua seriamente queste cose sà benissimo che le armi nucleari sono uno strumento di deterrenza. Cosa fà il regime sionista che perde su tutta la linea, delegittimato sempre più, secondo te?? Si mette a lanciare armi nucleari? Sai cosa vorrebbe dire? In primis proprio la FINE del rergime sionista. Il tuo problema, e d tanti altri, e che leggendo su internet chissà cosa chissà dove, è che vi siete gradulamente convinti che il regime sionsta sia un regime di fanatici pronti a “sacrificare la terra in nome di Yahwè”, ma è solo propaganda di guerra atta a dipingere il regime sionista come una gabbia di pazzi furiosi incontrollabili, un pò come cerca di fare Trump mettendo in pratica la teoria del “cane pazzo”, facendo finta di fare il pazzo incontrollabile per spaventare i nemici; guarda un pò come ha funzionato con Trump, che scrive le sue puttanate su Twitter su “fuoco, furia e fiamme”, e poi dopo poche ore fà marcia indetro. I dirigenti sionisti e le autorità religiose sioniste, sono senz’altro infami, razzisti e genocidi, un pò come gli americani, ma la prospettiva di vedere il loro regime incenerito per rappresaglia dalle armi nucleari dei nemici, li fà desistere dal tentare passi folli da dove non si torna indietro. Non è come negli anni 40 dove solo l’America aveva qualche testata nuclare, oggi le armi nucleari c’è le hanno molti Paesi, compresi i Paesi che più o meno si oppongono a Tel Aviv. Anche perchè in caso contrario i PRIMI a sparire se dovessero tentare qualche pazzia, sarebbero proprio i sionisti (da non confondere con la totalità degli ebrei, dove qua è pieno di “intelligentoni” che inneggiano all’uccisione indiscriminata di OGNI ebreo… ovviamente inneggiano a che siano ALTRI ad uccideerli, mica lo loro stessi). Hezbollah ha sconfitto il regime sionista 12 nni fà, e i sionisti stessi sanno bene che allo stato attuale Hezbollah è ben più preparato, motivato, e ben armato, da poter colpire le strutture strategiche del regime sionista in profondità e portare la guerra nel suo territorio, e nonostante le roboanti minacce del cane Lieberman e altri decerebrati a Tel Aviv, non si azzarderanno a muoversi contro Hezbollah. L’Iran ormai è ad un punto che il regime sionista può solo SOGNARE di sconfiggerlo, non parliamo poi di Paesi come Russia e Cina. Se non fosse per i soldi e le armi che ricevono più che altro dall’America e dalla Germania, concretamente e militarmente parlando non sarebbero niente, una barzelletta, e nonostante soldi e armi che ricevono dall’estero PERDONO su tutta la linea, e il mainstream controllato o influenzato in buona parte da loro ha semore meno credibiltà. Se fosse come dici tu, si sarebbero mossi BEN PRIMA di ora; ora è TARDI, non è fattibile, fattene una ragione…. ma loro sono invincibili, certo, certo…. e “sicuramente” ci sarà la guerra in Siria (come doveva esserci in Corea del Nord).

            Mi piace Non mi piace
        2. Christian 1 settimana fa

          “La guerra invece di sarà”. E dimmi Atlas, dov’è ora la guerra?? Ma vi volete riprendere dai fumi della sbornia di frenesia bellicista e catastrofista a prescidenre?? Tutti a girdare al lupo al lupo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. atlas 7 giorni fa

            piccolo particolare che ‘dimentichi’ : i milioni di giudei che ti stanno a fianco ovunque vai nel mondo e la loro posizione nelle società. Anche se ti mentono sul loro cognome, idee politiche, religione … TU non li puoi evidentemente riconoscere, ma io sì

            Mi piace Non mi piace