L’operazione di Gerusalemme desta la preoccupazione delle autorità dell’occupazione: la polizia chiede ai coloni di portare le armi

I media israeliani riportano la decisione dell’ispettore generale della polizia, Kobi Shiftai, di innalzare lo stato di allerta al massimo livello dell’occupazione israeliana, a seguito di una valutazione della situazione da lui fatta in relazione all’operazione di Gerusalemme
L’occupazione israeliana che ha detto che chiunque “ha una licenza per portare un’arma, lasciate che porti la sua arma con sé”.

L’ispettore generale della polizia, Kobi Shiftai, ha emesso una decisione che “ha incaricato di portare lo stato di allerta al massimo livello in tutto Israele”, a seguito di una valutazione della situazione che ha fatto in relazione all’operazione di Gerusalemme.

Il sito web israeliano “Walla News” ha indicato che il Capo di Stato Maggiore Herzi Halevi ha annunciato questa mattina il ripristino delle forze della Brigata Paracadutisti da schierare nella Cisgiordania occupata.

Il sito ha aggiunto che dopo la visita del ministro della sicurezza nazionale nel governo di occupazione, Itamar Ben Gvir, sulla scena dell’attacco, si è trovato di fronte alle urla dei coloni che hanno protestato dicendo: “Questo è successo durante il tuo turno”. e il ministro israeliano ha risposto loro: “È nostro dovere dimostrarlo”.

Il corrispondente di Al- Mayadeen ha sottolineato che i media ebraici hanno descritto l’operazione del commando a Gerusalemme come “la più professionale, e che c’è un grande allarme per le forze di occupazione in Cisgiordania ea Gerusalemme”.

Israel Hayom: L’attacco a Gerusalemme è un evento che cambia la realtà
Da parte sua, Yoav Limor, analista di affari militari per il quotidiano Israel Hayom, ha dichiarato: “L’attacco di ieri a Gerusalemme è il tipo di attacco che ha il potenziale per cambiare la realtà”.

Ha aggiunto: “Non solo l’alto numero di vittime e il fatto che l’attacco sia avvenuto in una sinagoga di Gerusalemme alla vigilia di un sabato, ma anche perché rafforza il fatto che l’arena palestinese è in una escalation di tendenza particolarmente esplosiva .”

A sua volta, il capo dell’Istituto israeliano per la ricerca sulla sicurezza nazionale, Tamir Hayman, ha dichiarato: “L’attacco di ieri è molto duro… e il sangue ribolle”.

Da parte sua, la Casa Bianca ha annunciato che il presidente Joe Biden aveva discusso telefonicamente con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu dell’attacco alla Gerusalemme occupata.

La Casa Bianca ha indicato, in una dichiarazione, che il presidente Biden si è offerto di fornire tutti i mezzi appropriati di sostegno al governo e agli israeliani nei prossimi giorni.

In risposta alla recente aggressione portata avanti dalle forze di occupazione israeliane contro il campo di Jenin , i media israeliani hanno confermato, venerdì, che un certo numero di coloni israeliani sono stati uccisi e feriti in un attacco con armi da fuoco nei pressi di una sinagoga a Neve Yaakov nella Gerusalemme occupata.
Fonte: media israeliani

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM