L’ONU giudica Nulla e Senza Valore l’annessione israeliana sul Golan siriano

L’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha ribadito la richiesta al regime israeliano di conformarsi alle risoluzioni sul Golan siriano occupato.
Questa posizione è stata espressa nel testo della risoluzione intitolata “Il Golan siriano occupato” adottato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA), approvata venerdì da 157 paesi, mentre due paesi hanno votato contro, gli Stati Uniti. e il regime di Israele, e 20 si sono astenuti.
L’ agenzia di stampa siriana ufficiale, SANA , ha riferito che la risoluzione respinge come “nulla” la decisione presa dal regime di Tel Aviv di imporre la sua legislazione, giurisdizione e amministrazione sul Golan siriano.
Dopo aver affermato che la conquista di territori con la forza contraddice il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite, il documento invita Israele a smettere di cambiare l’identità architettonica, la formazione demografica, la struttura istituzionale e lo status giuridico del Golan.
La risoluzione esorta inoltre il regime a impedire la costruzione di insediamenti nei territori palestinesi occupati, chiedendo che Israele smetta di imporre la nazionalità israeliana e carte d’identità ai cittadini siriani nel Golan.

Residenti siriani del Golan manifestano a favore del Governo di Assad

Questo avviene mentre l’esercito israeliano ha schierato ultimamente un gran numero di forze militari nel Golan occupato per paura delle proteste dei residenti siriani dell’altopiano. Si sono verificate nelle ultime settimane diverse manifestazioni di protesta contro l’occupazione israeliana da parte dei siriani residenti nel Golan.

Residenti siriani del Golan protestano contro Israele

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, aveva riconosciuto lo scorso marzo la sovranità di Israele sulle Alture del Golan , in una misura che contrasta con le risoluzioni delle Nazioni Unite.
Circa 40.000 persone vivono attualmente nel Golan occupato, il 50% dei quali sono drusi, una minoranza religiosa araba, e sono considerati cittadini siriani.
Il regime israeliano aveva occupato la maggior parte dell’altopiano del Golan, circa 1800 chilometri quadrati, dopo la guerra dei sei giorni nel 1967, e aveva incorporato quel territorio siriano nel suo sistema legale nel 1981, il che significa un’annessione di fatto. Tuttavia, molti paesi e organizzazioni in tutto il mondo avevano rifiutato di riconoscere tale annessione.
Il governo di Damasco denuncia continuamente l’occupazione illegale del Golan da parte del regime di Tel Aviv e ha promesso di liberare ogni centimetro del suo territorio, chiunque possano essere le forze occupanti.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • Santini
    15 Dicembre 2019

    Digitate” Ida magli il potere ebraico” ma va la ‘ ma son tutte fantasie di fissati maniaci che non hanno niente di meglio da fare che prendersela con quel popolo di perseguitati di tutte le Ere di Santi gli Ebrei , fasssisti ! questa vecchiettina ida magli di 90 anni che oggi non c’e’ piu ‘ e’ passata a migliore vita era una Pericolosa Fasssista nazzista razzzista impenitente mentre invece la Sua coetanea Ebrea Segre trattasi di una Colomba la Bocca Della Verita’ dove passa lei si sente profumo d’incenso ,I sindaci come Sala a milano invece di un tappato Rosso volevano Fare loro stesso dei bei tappetini di saliva in modo che la Segre potesse trionfalmente passare austera con la sua carrozzina la sua flebo e la padella di scorta ,pouah ! Tra cioccolatini e ebrei in Italia ci vorrebbe un bel maremoto purificatorio

  • eusebio
    15 Dicembre 2019

    L’entità sionista è vicina all’epilogo, il ministro golpista dell’interno boliviano Murillo ha chiesto l’intervento di Israele per combattere i sostenitori del presidente legittimo Morales, torturandoli ed eliminandoli come fanno con i palestinesi, e magari arricchendosi con il traffico di organi come fanno con i palestinesi e come hanno fatto con i rapiti serbi in Kossovo.
    Durante la guerra in Kossovo i sionisti mandarono l’ospedale militare da campo del loro esercitucolo in Kosovo per assistere i profughi albanesi in fuga dall’esercito serbo, in realtà i profughi non c’erano e probabilmente hanno spegato ai terroristi wahabiti kosovari come espantiare gli organi ai rapiti serbi.
    Gli ebrei odiano i cistiani ortodossi e li vogliono sacrificare in memoria delle presunte vittime dei pogrom, come vogliono sacrificare i tedeschi per le presunte vittime della shoah, gli italiani per la caduta di Gerusalemme ad opera di Vespasiano e gli spagnoli per le persecuzioni di Torquemada.
    Chissà, forse se la sono presa con gli irakeni di Mosul per la conquista assira di Samaria e con quelli di Baghdad per la presa babilonese di Gerosilemme.
    Comunque sono stati i russi a rendere noti i casi dei serbi rapiti per l’espianto degli organi, Putin dovrebbe smetterla di avere la mano leggera con l’entità sionista e lasciare mano libera all’Iran.

Inserisci un Commento

*

code