L’ONG HRW critica la società americana Meta per aver censurato contenuti a sostegno dei palestinesi.

Mercoledì, in un rapporto di 51 pagine, l’ONG per i diritti umani Human Rights Watch (HRW) ha accusato le politiche e i “sistemi di moderazione” della società Meta di aver messo a tacere le voci a sostegno dei palestinesi sulle piattaforme Instagram e Facebook.

Meta è un’azienda americana con sede in California che domina i social network come Facebook e Instagram, oltre a WhatsApp.


Il suddetto rapporto si intitola “Le promesse non mantenute di Meta: censura sistematica dei contenuti palestinesi su Instagram e Facebook” e ha documentato i modelli utilizzati sulle piattaforme affiliate a questa società per rimuovere post sui diritti umani palestinesi.

La vicedirettrice ad interim della tecnologia e dei diritti umani di HRW, Debora Brown, ha definito un “insulto” la censura di Meta sui contenuti filo-palestinesi. “I social network sono una piattaforma essenziale affinché le persone possano testimoniare e denunciare gli abusi, mentre la censura di Meta aiuta a cancellare la sofferenza dei palestinesi “, ha sottolineato.
Il rapporto ha esaminato 1.050 casi di censura in più di 60 paesi in tutto il mondo per rivelare che Meta censura i contenuti a sostegno dei palestinesi.

Lo studio ha scoperto che questa società nordamericana utilizza sei modelli per censurare i contenuti che sostengono il popolo palestinese represso: “cancellazione di contenuti, sospensione o cancellazione di account, incapacità di interagire con i contenuti, incapacità di seguire o taggare account, restrizioni sulla utilizzo di funzionalità come Instagram/Facebook Live e shadow blocking” essendo quest’ultimo un termine tecnico per riferirsi alla ridotta visibilità di post o account.

Non è la prima volta che Meta censura i contenuti in questo modo, ma nel 2021 la suddetta ONG ha documentato la censura di Facebook dei contenuti relativi a Israele e Palestina e ha dimostrato che questa piattaforma stava “mettendo a tacere molte persone arbitrariamente e senza spiegazioni”

Brown ha suggerito ai direttori di Meta che “invece di scuse e promesse vuote” prendano sul serio per una volta la questione della censura relativa alla Palestina e intraprendano “passi concreti verso la trasparenza e la riparazione”.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “L’ONG HRW critica la società americana Meta per aver censurato contenuti a sostegno dei palestinesi.

  1. Sai che novità , sui social o i siti generalisti che uno apre cosi tanto per trova solo e sempre notizie in ordine : contro i novax prima , contro la Russia , contro ora il popolo palestinese …cambiando l’ordine degli addendi il prodotto non cambia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM