L’OMS e BIG Pharma preparano la grande campagna dei vaccini

L’OMS e i suoi principali partner hanno presentato un piano venerdì per acquistare 2 miliardi di dosi di vaccini Covid-19 per le popolazioni più a rischio del mondo … Operatori sanitari, persone con più di 65 anni e altri adultiche soffrono di malattie come il diabete.
Puoi essere certo che questa operazione di vaccinazione globale avrà successo e che il flop H1N1 non si ripeterà!

Che miniera d’oro sarà per le aziende farmaceutiche, biotecnologiche, apparecchiature mediche e digital tracing. Oltre ai profitti esorbitanti che verranno raccolti dalla vendita e dalla prevendita dei loro prodotti, i costi di ricerca e sviluppo sono assicurati, le perdite anche compensate da sussidi governativi e da organizzazioni filantropiche i cui donatori hanno, certamente, azioni in queste stesse società! Insider trading in tutto il mondo …
Il piano prevede che entro la fine del 2021, le dosi potrebbero essere consegnate ai paesi per vaccinare le persone ad alto rischio.

L’OMS e i suoi partner – la “Coalition for Epidemic Preparedness Innovations” (CEPI) e la Gavi (di Bill Gates), la Vaccine Alliance – stimano che costerà $ 18,1 miliardi per attuare il piano. Lo sforzo è uno dei pilastri della campagna dell’OMS per garantire che tutti i paesi abbiano accesso ai vaccini, alle terapie e alla diagnostica di Covid-19, chiamati ACT Accelerator, abbreviazione di Access to Covid-19 Tools. Oltre al finanziamento – di cui $ 11,3 miliardi da raccogliere nei prossimi sei mesi – il progetto richiederebbe anche impegni da parte dei paesi a reddito medio alto e alto per acquistare fino a 950 milioni di dosi di vaccino .

Ai paesi verranno offerte “quote” dei nove vaccini candidati supportati dal CEPI, nonché altri vaccini che il consorzio potrebbe finire per acquistare. L’idea è che, poiché non sappiamo quali vaccini funzioneranno, l’acquisto di quote in un pool – che sarà chiamato la struttura di Covax – aumenterà le possibilità di un paese di avere accesso ai vaccini. Si prevede che i donatori di beneficenza contribuiranno a sostenere le azioni per i paesi a basso e medio reddito.

Vaccinazione obbligatoria

Alcuni paesi che possono permetterselo negoziano in anticipo accordi di acquisto diretto con vari produttori e addirittura aiutano a pagare anticipatamente i costi di produzione del vaccino prima che si dimostri che funzioni. Ma se un paese ha fatto un grande investimento in un singolo vaccino, per vederlo fallire, potrebbe finire con alternative limitate nei primi giorni di disponibilità del vaccino, quando la domanda è enorme e l’offerta scarseggia.

“È rischioso per loro farlo e non è nemmeno un approccio etico perché lascia il resto del mondo senza dosi di vaccino”, ha affermato Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’OMS.

Questo rischio è reale. I vaccini sono difficili da produrre e, storicamente, più progetti di vaccinazione falliscono che successo. Seth Berkley, CEO di Gavi, ha affermato che circa il 7% dei vaccini subisce uno sviluppo preclinico e che forse dal 15% al ​​20% che accede alla clinica ha successo.

“La stragrande maggioranza fallirà, ma avere un ampio portafoglio consentirà di andare avanti”, ha detto Berkley. Ha osservato che la struttura ha firmato un protocollo d’intesa per 300 milioni di dosi con AstraZeneca (società biofarmaceutica svedese-britannica) , che sta collaborando con l’Università di Oxford su un vaccino che ha già avviato una sperimentazione clinica di fase 3.

Il grande finanziatore della OMS: Bill Gates

Richard Hatchett, CEO di CEPI, ha affermato che il sostegno alla produzione di numerosi candidati al vaccino conferisce a Covax il diritto al primo rifiuto delle dosi di vaccino quando il programma ha fornito un sostegno finanziario per la produzione del vaccino.

“Il vantaggio della struttura è che è il” primo cliente online “per progetti in cui esistono accordi di accesso, ma può anche andare sul mercato e acquistare qualsiasi vaccino. E le garanzie di grandi volumi saranno molto interessanti per le imprese “, ha affermato Hatchett. Meglio ancora dalla decisione di alcuni stati di introdurre l’obbligo dei vaccini per la popolazione.

WPBakery Page BuilderAnteprima(si apre in una nuova scheda)Aggiungi titoloL’OMS e BIG Pharma preparano la grande campagna dei vaccini

Secondo l’OMS, ci sono attualmente 16 vaccini Covid-19 negli studi clinici e almeno altri 125 nelle prime fasi di sviluppo.

fonte: https://www.statnews.com

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM