Logica distorta della Corte di Giustizia Europea: puoi insultare la religione cristiana ma non quella musulmana

di  John Laughland,

Due recenti sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) dimostrano quanto questo organismo sia una istituzione politica ipocrita e che agisce con una doppia morale. Le sentenze di questa Corte dimostrano anche i gravi difetti strutturali della legge sui diritti umani in generale.

Il 25 ottobre, la Corte europea dei diritti dell’uomo si è pronunciata a favore dell’Austria e contro una ricorrente, la signora S., che era stata processata per aver affermato nel 2008 che il profeta Maometto ” era un pedofilo ” perché aveva sposato una bambina di sei anni. La ricorrente ha affermato che la condanna penale che ha ricevuto ha violato il suo diritto alla libertà di espressione, sancito dall’articolo 10 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. La Corte ha deliberato contro di lei e in favore dell’Austria, che l’aveva condannata per incitamento all’odio religioso.

Il 17 luglio, la stessa CEDU, al contrario, aveva deliberato in favore degli elementi russi dall’ormai famosa band “Pussy Riot”, e contro lo stato russo, che li aveva condannati per aver incitato all’odio religioso inscenando una esibizione di una sorta di “punk” preghiera blasfema ‘nella cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca nel 2012. Questo caso era stato considerato sotto tre diversi articoli della Convenzione europea sui diritti umani, ma la Corte ha emesso due sentenze ai sensi dello stesso articolo 10 in base al quale i giudici hanno successivamente dichairato che non potevano proteggere Frau S. .

Nel caso delle Pussy Riot  la corte ha rilevato che il diritto delle ragazze alla libertà di espressione, ai sensi dell’articolo 10, era stato violato.

In altre parole, secondo la corte di Strasburgo, è permesso insultare la religione cristiana ma non la religione musulmana. È difficile pensare a un caso più ovvio di doppio standard rispetto a questo. Peggio ancora, come   sottolineato  da Gregor Puppinck del Centro Europeo di Diritto e Giustizia di Strasburgo , è chiaro che il giudice ha giustificato la condanna trovandosi a favore dell’ Austria, e contro Frau S., puramente per paura dei musulmani.

In numerosi paragrafi della sentenza, si difende la convinzione della donna in Austria in nome dell’obiettivo di proteggere la ” pace religiosa “”Questo può significare nient’altro che la pace potrebbe essere minacciata dai musulmani se gli austriaci insultano il profeta dell’Islam. In altre parole, la corte sta fallendo nel suo ruolo primordiale, che è sicuramente quello di sostenere il diritto di parola contro tutte le minacce di sopraffazione .

I doppi standard sono ancora più scioccanti perché Frau S. stava discutendo di fatti. Le corti austriache hanno stabilito che il fatto che Mohammed avesse sposato una bambina e che il matrimonio fosse stato completato quando la ragazza aveva nove anni, non giustificava la critica secondo cui lei lo definisse un pedofilo. Al contrario, non ci sono fatti in discussione nel caso Pussy Riot, la cui azione nella cattedrale è stata puramente progettata per scioccare e fare scandalo. In altre parole, l’intenzionalità delle ragazze Pussy Riot non può essere messa in dubbio, mentre si richiede un fattore di presunzione sulle motivazioni per affermare che Frau S. stava deliberatamente cercando di incitare all’odio.

Il mantenimento della condanna di Frau S. è anche in contraddizione con un’altra sentenza della CEDU, in questo caso riguardante la Lituania. Nel gennaio di quest’anno, la corte si è pronunciata a favore di una società di abbigliamento che aveva usato immagini irriverenti di Gesù Cristo e della Vergine Maria per promuovere le sue vendite. Anche in questo caso è stata difesa la società in nome della libertà di espressione ai sensi dell’articolo 10. Quindi, la CEDU è pronta a proteggere la libertà di parola blasfema o offensiva anche se l’obiettivo è puramente commerciale e non politico – ma solo se il reato è contro i cristiani e non quando questo avviene contro i musulmani.

Queste grossolane incoerenze mostrano i difetti strutturali della legge sui diritti umani. La Convenzione europea dei diritti dell’uomo è basata su una serie di affermazioni generalizzate sul tipo di diritti che le persone dovrebbero godere. Poiché sono necessariamente affermazioni generali, questi ” diritti ” diventano legge solo dopo una sentenza di un giudice in un caso particolare. Poiché il giudice si basa solo su queste dichiarazioni di principio e non un atto legislativo specifico, questi può più o meno decidere il caso in base alla sua opinione personale. È nella natura stessa di tali tribunali dei ” diritti umani ” che tali assise conferiscano un potere palesemente eccessivo ai giudici.

Bambine schiave nei paesi mussulmani

Nei sistemi giuridici appropriati, la legge consiste in una dettagliata legislazione nazionale e consta di disposizioni specifiche (giurisprudenza). Il ruolo del giudice è quello di applicare la legge così com’è: il giudice non ha spazio per una valutazione personale. Al contrario, nei tribunali per i diritti umani, come nella Corte Suprema degli Stati Uniti, sono effettivamente i giudici a fare la legge. Questo è un pessimo stato di cose perché trasforma le corti in strumenti politici e i giudici in politici, come vediamo ogni volta che c’è una nuova nomina alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

La situazione a Strasburgo è peggiore che negli Stati Uniti perché la grande maggioranza dei giudici della CEDU non aveva mai avuto esperienza giurisdizionale pregressa. Questi possono avere una laurea in giurisprudenza, ma di solito non si sono mai seduti in una aula di Tribunale prima di andare a Strasburgo. Molto spesso, sono stati funzionari del governo. Questo significa che vengono al lavoro senza la formazione specifica e l’esperienza che tutti i giudici dovrebbero avere. Invece, accade che di frequente si avvicinano al loro lavoro con un’agenda politica: questo è stato, per esempio, il caso di un giudice belga che è diventato vicepresidente della corte e che ha assunto l’incarico con una dichiarata determinazione di attuare politiche progressiste e mondialiste.

Fonte: RT

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • atlas
    13 Nov 2018

    scherzate con i fanti

    https://youtu.be/LzK8QK1JT3Y

  • atlas
    13 Nov 2018

  • Max Tuanton
    13 Nov 2018

    Tra I devoti del Prepuzio gli ebrei e i beduini sciaqua dromedari non si sa su Chi puntare l’obice ,probabimente prima sui nostri traditori del Gregge I vari massoni che ormai impazzano in tutta Europa con le loro logge che Dio le fulmini ,logge Dalle quali nascono le leggi per avvilire il popolo e ricretinirlo attraverso il ribaltamento dei valori e Della morale Della famiglia ,quei postriboli dei rotary club e dei lion club e del Grande oriented massonico andrebbero dati alle fiamme ,visto che adorano LA Luce di Lucifero che gliela si dii una buona Volta

    • atlas
      14 Nov 2018

      infatti il talmud è pieno di queste perversioni, quelle vere

      e i missionari che vanno in Africa dai bambini poveri te li raccomando …

      poi, se la redazione non fa mai informazione sui principi del talmud (legali in un paese ‘cristiano’ si vede che non è ‘contro’. Oppure se ne disinteressa. Ma su certi argomenti non si può dire né con lo stato, né con le br

Inserisci un Commento

*

code