L’OFFENSIVA RUSSA “SARÀ UN MASSACRO” PER L’UCRAINA, AFFERMA L’EX UFFICIALE DELL’INTELLIGENCE STATUNITENSE

Un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti non solo ha avvertito che la Russia sta intensificando la sua operazione militare speciale in Ucraina, ma che questo si tradurrà in “un massacro” per l’Ucraina. La sua dichiarazione arriva mentre circolano molte speculazioni in seguito alla nomina di Valery Gerasimov a comandante dell’intera campagna ucraina, con l’idea preminente che ci sia stato un “rimpasto”.

Il ministero della Difesa russo ha annunciato l’11 gennaio un riallineamento dei comandanti che guidano la guerra in Ucraina, con il generale Valery Gerasimov, capo dello stato maggiore russo, che diventa il comandante generale della campagna. L’ex comandante, Sergey Surovikin, è ora uno dei suoi tre vice.

“È giunto il momento in cui 300.000 riservisti sono stati mobilitati, addestrati, equipaggiati. La Russia si sta preparando a cambiare la natura del conflitto”, ha dichiarato Scott Ritter , un ex ufficiale dell’intelligence del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nel Golfo Persico durante l’Operazione Desert Storm e in Iraq supervisionando il disarmo delle “armi di distruzione di massa”.

Ritter ha affermato che lo Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa si sta evidentemente preparando ad espandere l’operazione militare speciale in Ucraina a uno sforzo bellico completo. Dalla sua esperienza, non c’è stato un grande fallimento russo, come vorrebbero far credere i media occidentali, e piuttosto, mettere Gerasimov nella sua posizione è un’indicazione che l’operazione militare in Ucraina si espanderà.

L’ex ufficiale dell’intelligence ritiene che la Russia completerà la sua smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina nel 2023. Gerasimov che ha maggiori responsabilità ne è un’indicazione.

“Quando la Russia finirà questa attuale campagna militare, credo che l’esercito ucraino sarà fisicamente distrutto”, ha detto. “Tragicamente questo significa che decine di migliaia, se non centinaia di migliaia di soldati ucraini perderanno la vita. Questo sarà un massacro, un massacro, ma hanno optato per questo quindi ne pagheranno il prezzo”.

Ha anche avvertito che probabilmente ci sarà una “campagna aerea strategica dedicata” con l’obiettivo di distruggere l’Ucraina così tanto che “non ci sarà una nazione funzionante”. Ritter ha spiegato che questo forzerà il crollo definitivo del regime di Zelensky e consentirà a un nuovo governo di salire al potere e accettare la resa.

Tuttavia, affinché la fase successiva della campagna ampliata abbia successo, qualcuno dell’esperienza di Gerasimov è il più adatto in quanto contribuirà a migliorare l’efficacia del processo decisionale e a coordinare le azioni delle forze armate russe nella zona di combattimento e il loro approvvigionamento di attrezzature.

Putin e i suoi generali

Sebbene la Russia avesse già un comandante, la sua autorità non copriva l’intera gamma di compiti necessari per il successo dell’operazione militare. Con la Russia che evidentemente si sta preparando per una grande offensiva, molte questioni devono essere risolte e rapidamente, come l’effettiva fornitura di armi e attrezzature alle truppe, l’evacuazione dei feriti e altri.

Si ricorda che il comandante dell’aeronautica militare, il generale dell’esercito Sergey Surovikin, nominato comandante dell’operazione militare ucraina nell’ottobre 2022, era responsabile solo delle unità che si trovavano direttamente in prima linea nei combattimenti. Tuttavia, alcune unità militari coinvolte nelle operazioni di combattimento, principalmente aviazione e marina, erano dislocate al di fuori dell’area dell’operazione, il che ha causato alcuni problemi nel coordinamento delle decisioni e nella sincronizzazione delle azioni.

Ora Gerasimov sarà a terra tra i suoi soldati in prima linea. Nella guerra moderna, la presenza fisica dell’ufficio militare di più alto rango sul campo di battaglia è eccezionale, soprattutto data la natura ibrida dei conflitti moderni che potenzia la tecnologia avanzata. Tuttavia, la tecnologia non può sostituire completamente le truppe sul campo e la presenza di Gerasimov sarà sicuramente un enorme impulso morale.

Poiché Gerasimov avrà più influenza per garantire un migliore coordinamento delle forze aeree, terrestri e navali russe contro l’esercito ucraino, si può tranquillamente presumere che ci sarà un’intensificazione del conflitto, probabilmente in primavera. Ciò è anche in linea con la convinzione di Ritter che la distruzione totale dello stato ucraino sia un’eventualità inevitabile nel 2023.

È per questo motivo che solo poche settimane prima del primo anniversario dell’operazione militare, l’Occidente si sta affrettando a inviare una raffica di veicoli corazzati offensivi e altro equipaggiamento all’esercito ucraino, anche se inizialmente c’erano timori su come avrebbe reagito la Russia. Sfortunatamente per l’Occidente, però, la guerra in Ucraina ha raggiunto una fase in cui tutte le nuove attrezzature vengono rapidamente trasformate in rottami metallici.

Ora, la situazione attuale sta per diventare ancora più difficile per l’Ucraina con il trasferimento di Valery Gerasimov.

Scritto da Ahmed Adel , ricercatore di geopolitica ed economia politica al Cairo

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • nicolass
    Inserito alle 13:41h, 20 Gennaio Rispondi

    Bene.. se sei talmente idiota da farti utilizzare come carne da cannone in una guerra per procura ad esclusivo interesse degli Usa e della Nato allora è giusto che tu faccia la fine che meriti. Amen

  • alcide pirazzi maffiola
    Inserito alle 20:36h, 20 Gennaio Rispondi

    Indifferibile far tornare quel sostantivo indeterminato (Ukraina) a quello che era prima del 1939

Inserisci un Commento