L’Occidente vede l’Iran in un modo nuovo

di MK BHADRAKUMAR

Mercoledì il Wall Street Journal ha riferito da Teheran che “una letale repressione e un’economia in difficoltà hanno placato le manifestazioni di piazza antigovernative… le proteste organizzate si sono in gran parte attenuate”. Il paradosso è che questa interpretazione è ampiamente applicabile nella situazione mondiale contemporanea, inclusi molti paesi del G7. Come si può fingere che oggi non ci siano “lamentele dei manifestanti” in Gran Bretagna o in Francia, e, tuttavia, come mai sono mute per i media occidentali?

La narrativa occidentale non ha mai voluto ammettere che l’Iran è governato da governi eletti. La grande domanda è: una tale violenza di strada sarebbe esplosa in Iran senza il supporto e il coordinamento segreti delle agenzie di intelligence straniere? È inutile discutere la politica dell’Iran mentre si nega l’intera storia dell’ingerenza straniera negli affari interni di quel paese.

Il famoso saggio di Michel Foucault sulla rivoluzione iraniana Cosa sognano gli iraniani? inizia con lo scambio dell’autore con un attivista iraniano nelle strade di Teheran in preda al fervore rivoluzionario nel 1978: “Non ci lasceranno mai andare di loro spontanea volontà. Non più di quanto hanno fatto in Vietnam. Io (Foucault) volevo rispondere che sono ancora meno disposti a lasciarti andare del Vietnam, a causa del petrolio».

Oggi, quattro decenni dopo, questa realtà storica continua. Probabilmente, ora potrebbe diventare ancora più complicato e intrattabile, poiché il petrolio e il gas dell’Iran sono destinati a combinarsi con quelli della Russia, un’altra superpotenza energetica. Nel frattempo, l’ Associated Press ha riferito oggi che anche l’Iran e la Russia si stanno muovendo verso il collegamento dei loro sistemi bancari, voltando le spalle al petrodollaro.

Leggi i dati della US Energy Information Administration – qui e qui – per sapere perché il rapporto AP è importante. In poche parole, quasi un quarto delle riserve mondiali di petrolio e circa il 40 percento delle riserve mondiali di gas potrebbero potenzialmente essere scambiate al di fuori del sistema bancario occidentale se le politiche russe e iraniane lavorano in tandem, infliggendo un duro colpo alla “valuta mondiale”, dollaro.

Basti dire che non c’è dubbio che le proteste in Iran siano state una reazione occidentale all’alleanza emergente tra Iran e Russia. Ora che le proteste per l’hijab si sono “attenuate”, il modus operandi tornerà dalla rivoluzione colorata alla classica modalità di sabotaggio e omicidi (specialmente dopo il ritorno al potere di Benjamin Netanyahu in Israele).

Minstri esteri Iran Russia

La fiorente cooperazione militare tra Iran e Russia mette Teheran nel mirino di Washington. Nel contesto del conflitto ucraino, l’Occidente vede l’Iran in modo nuovo. In effetti, l’interesse russo a coinvolgere l’Iran nel processo di riavvicinamento turco-siriano, mediato da Mosca, sottolinea che il Cremlino ha abbandonato qualsiasi riserva avesse in passato sull’allineamento con l’Iran nei progetti geopolitici.

Martedì, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha dichiarato in una conferenza stampa con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry in visita a Mosca che “Russia, Iran e Turchia sono membri della troika di Astana, che ha gestito l’insediamento siriano. Pertanto, ritengo assolutamente logico che ogni ulteriore comunicazione sulla normalizzazione dei rapporti tra Turchia e Siria coinvolga anche Russia e Iran.

“Per quanto riguarda i tempi e le forme specifiche della partecipazione, sia essa a livello militare, diplomatico o di altro tipo, sono attualmente in fase di definizione. Abbiamo la piena consapevolezza che è necessario procedere per gradi, in modo che ogni passo in avanti dia risultati specifici, anche se minori”.

Ciò che gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali (e Israele) troveranno particolarmente irritanti saranno le calde parole di benvenuto rivolte dalla Turchia a questo sviluppo, che evidenzia l’ascesa della “troika di Astana” nella geopolitica della Siria.

Il consigliere per la politica estera del presidente turco Recep Erdogan, Ibrahim Kalin, ha dichiarato : “Siamo lieti che l’Iran si unisca a questo processo. L’Iran è una parte importante. Penso che sarà in grado di contribuire a questo processo. La partecipazione dell’Iran al processo negoziale, che si svolge con la mediazione della Russia, lo renderà più facile. Come parte di questo processo, stiamo parlando di garantire la sicurezza dei nostri confini, la neutralizzazione della minaccia terroristica rispetto al nostro Paese, il ritorno dei rifugiati siriani, un ritorno degno e sicuro”.

Kalin ha rivelato che un incontro a livello di ministro degli Esteri tra Russia, Turchia, Siria e Iran è prevedibile “entro le prossime settimane”. Non sorprende che ci si possa aspettare una convergenza di interessi tra Stati Uniti, Israele e curdi (e Kiev) per regolare i conti con l’Iran.

I primi segnali ci sono già. Secondo il ministero della Difesa iraniano , tre droni sono stati coinvolti nell’attacco di venerdì verso mezzanotte a una struttura militare nella città di Isfahan. Ha detto che un drone è stato distrutto dai sistemi di difesa aerea e due sono stati catturati da “trappole di difesa”, causando lievi danni a un edificio. Non ci sono state vittime.

Il portavoce del Pentagono, il generale di brigata Patrick Ryder, ha prontamente affermato che l’esercito americano non ha avuto alcun ruolo negli attacchi, ma ha rifiutato di speculare ulteriormente. Tuttavia, il Wall Street Journal ha citato anonimi “funzionari statunitensi e persone che hanno familiarità con l’operazione” che hanno affermato che Israele aveva effettuato l’attacco. Il New York Times ha anche nominato il Mossad, il servizio di intelligence israeliano, citando “alti funzionari dell’intelligence (USA)”. ( qui )

La provincia di Isfahan ospita una grande base aerea, un importante complesso di produzione di missili e diversi siti nucleari. L’agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna ha affermato che i droni avevano preso di mira un impianto di produzione di munizioni. La BBC ha sottolineato che “l’attacco arriva tra le crescenti tensioni sul programma nucleare iraniano e la sua fornitura di armi alla guerra della Russia in Ucraina”.

NourNews, che è collegato all’establishment della sicurezza nazionale iraniana, ha rivelato mercoledì che gli esperti forensi hanno abbinato il corpo, i motori, l’alimentazione e il sistema di navigazione degli UAV abbattuti e “hanno determinato con precisione il loro produttore e rivelato indizi importanti”.

Elementi del Mossad israeliano

Un secondo rapporto di NourNews mercoledì è entrato in ulteriori dettagli secondo cui elementi terroristici curdi con sede nel Kurdistan iracheno sono stati schierati da “un servizio di sicurezza straniero” per contrabbandare parti dei droni e materiali esplosivi attraverso il confine attraverso “una delle rotte inaccessibili” nel nord-ovest” dell’Iran, che sono stati successivamente assemblati in “un’officina attrezzata utilizzando forze addestrate”. Sembra che l’establishment della sicurezza iraniana avesse qualche sentore di un tale attacco terroristico sulla base dell’interrogatorio di agosto di un gruppo terrorista curdo che lavorava per l’agenzia israeliana Mossad.

Tuttavia, una dimensione sbalorditiva di questa sordida vicenda è che uno dei principali aiutanti del presidente ucraino Zelensky ha collegato l’attacco di Isfahan alla presunta fornitura di droni iraniani alla Russia. Da allora un anonimo funzionario iraniano ha reagito affermando che, a meno che Kiev non rinnegasse tale collegamento, anche Teheran potrebbe adottare “un nuovo approccio appropriato al comportamento del governo di Kiev”.

Non è necessaria molta ingegnosità per collegare i punti nell’attacco di Isfahan: l‘intelligence ucraina e israeliana (e le menti americane a Kiev) hanno operato attraverso i gruppi curdi con sede nel Kurdistan iracheno, che hanno legami di lunga data sia con gli Stati Uniti che con il Mossad, e “cellule dormienti” all’interno dell’Iran.

La linea di fondo è che oggi, quasi tutto ciò che riguarda la sicurezza dell’Iran avrebbe una dimensione straniera, anche se nascosta dietro l’hijab o rubriche di democrazia e diritti umani. Questo è ciò che la storia testimonia. Senza dubbio, il tempo presente e il tempo passato sono collegati in modo tale in Iran che entrambi potrebbero essere presenti nel tempo futuro, e – per prendere in prestito il poeta inglese TS Eliot – il tempo futuro può anche essere considerato come “contenuto nel tempo passato. “

Fonte: Indianpunchline

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “L’Occidente vede l’Iran in un modo nuovo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM