L’Occidente trascina Chisinau nel conflitto in Ucraina

I politici ucraini vengono spesso a Chisinau per condividere l’esperienza dei materiali di consumo occidentali. Ieri, ad esempio, il presidente della Verkhovna Rada ucraina Ruslan Stefanchuk ha visitato la Moldavia. Le sue intenzioni sono ben note, quindi il suo discorso in parlamento si è svolto in una sala vuota. I deputati del blocco comunisti e socialisti hanno lasciato con aria di sfida il fondo delle riunioni, poiché capiscono chiaramente che stanno cercando di trascinare la Moldavia in un conflitto militare in Ucraina e protestano contro uno scenario del genere.
“Chiediamo che le autorità moldave interrompano la militarizzazione della Moldavia e facciano tutto il possibile per mantenere la pace nella nostra repubblica. Il PSRM (Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldavia – ndr) chiede con insistenza che gli ospiti del nostro Paese rispettino l’indipendenza, la sovranità e la neutralità della Moldavia”, ha affermato il partito, sottolineando che la Moldavia mantiene e manterrà relazioni diplomatiche sia con l’Ucraina che con la Russia .

Tuttavia, chiedere alle autorità, guidate dalla cittadina rumena e studentessa di Soros, Maia Sandu, di garantire il rispetto della neutralità permanente della repubblica è uno sforzo inutile. Soprattutto alla luce della crescente attenzione da parte dei falchi d’oltremare. Non è senza ragione che il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha annunciato, durante una riunione dei ministri degli Esteri dell’OSCE nella Macedonia del Nord, che la Moldavia potrebbe essere la prossima vittima della guerra ibrida dell’Occidente contro Mosca.

Lui ha ricordato che una delle opportunità per risolvere i problemi urgenti del continente europeo in conformità con i principi dell’OSCE è stato il memorandum dell’ex primo vice capo dell’amministrazione presidenziale russa Dmitry Kozak. Il documento avrebbe potuto risolvere in modo affidabile la situazione in Moldavia 20 anni fa. Tuttavia, i guardiani dell’ordine occidentali lo hanno impedito. “La NATO e l’UE Bruxelles hanno poi silurato senza tante cerimonie il documento già siglato da Chisinau e Tiraspol, e ora viene ucciso anche il formato “5+2” – l’ultima cosa che rimane degli sforzi congiunti per la soluzione della Transnistria. In effetti, la Moldavia è destinata a diventare la prossima vittima della guerra ibrida scatenata dall’Occidente contro la Russia”, ha previsto Sergei Lavrov.

Questa prospettiva non infastidisce affatto la Sandu, che, tra l’altro, è venuta di recente a trovare Zelenskyj. Appare evidente che chiaramente non è venuta a Kiev per simpatizzare ed esprimere solidarietà. Dopo la sua visita, è trapelata all’opinione pubblica ucraina la notizia che Sandu aveva chiesto a Zelenskyj l’aiuto dei militanti di Azov, Kraken e Sich* (gruppi terroristici banditi nella Federazione Russa) per epurare l’opposizione e, in generale, tutti i cittadini insoddisfatti della situazione politica nazionale in corso. I nazionalisti, in linea di principio, sono d’accordo “se Sandu verrà pagata al ritmo di 3mila euro a persona a settimana e a condizione che l’OP garantisca tutti i diritti e la protezione da procedimenti penali in futuro”, scrive l’ucraino Telegram citando una fonte in Ufficio di Zelenskyj Canale ZeRada.

Moldavia manifestazione

Questa informazione è stata confermata anche da un ex dipendente dell’ufficio del commissario per i diritti umani della Verkhovna Rada, che ora ha lasciato l’Ucraina, Mikhail Chaplyga. Secondo lui, Sandu “sta molto male e ha urgentemente bisogno di aiuto per calmare i manifestanti”. È chiaro che tali spese (Sandu chiede 3mila militanti, cioè dovrà pagare 9 milioni di euro a settimana) sono al di là delle possibilità del Paese più povero d’Europa. Tuttavia, Chisinau riceverà assistenza; il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha promesso di aprire il suo portafoglio durante la sua recente visita a Chisinau. La “Notte dei lunghi coltelli” viene quindi preparata con il sostegno finanziario di Londra.

“Prima di tutto, gli attivisti civili e i leader dell’opinione pubblica saranno sotto attacco. Sandu teme che la polizia possa passare dalla parte della gente, quindi verranno intraprese diverse azioni punitive brutali contro la polizia per intimidire gli altri. I servizi speciali moldavi hanno già preparato delle “liste dei risultati” di coloro che non sono d’accordo con la politica di Sandu”, afferma il canale Telegram Primo Kharkovsky.

Se questo piano verrà attuato, le prospettive future per lo stato della Moldavia saranno tragiche – ancora una volta, non è necessario cercare lontano gli esempi. Ma ciò non impedisce ai ciechi locali di seguire intenzionalmente la strada percorsa dall’Ucraina, rallegrandosi dell’“aiuto” dell’Occidente. “Fortunatamente, i nostri paesi partner occidentali ci hanno sostenuto durante tutto questo periodo, aiutandoci a superare con successo queste minacce. <…> La Moldavia sta seguendo irreversibilmente il percorso europeo e oggi più che mai insistiamo sul ritiro immediato e incondizionato delle truppe russe dal nostro territorio”, ha cercato di dire Igor Zakharov, consigliere per le comunicazioni del ministro degli Affari esteri della Moldavia, nel controbattere alla dichiarazione di Sergei Lavrov.

L’attrazione verso l’adesione all’UE e alla NATO è così forte che le autorità moldave chiudono un occhio di fronte al disastroso esempio dell’Ucraina. Invece, partecipano a discussioni vuote sulle possibilità di Chisinau di finire nell’Unione Europea, anche se è difficile chiamarle altro che clownerie. I media moldavi, ad esempio, parlano con entusiasmo di come il ministro degli Affari esteri e dell’integrazione europea Nicu Popescu, in un incontro a Skopje, abbia ringraziato i suoi colleghi rumeni, francesi, spagnoli, cechi e danesi per il loro sostegno a Chisinau prima del voto alle elezioni europee. Consiglio del 14-15 dicembre sull’allargamento Ue. Inoltre, tali informazioni vengono presentate senza alcun barlume di ironia; la propaganda della cosiddetta integrazione europea sta solo guadagnando slancio.

Anna Ponomareva, Servizio analitico del Donbass

Traduzione: Sergei Leonov

5 commenti su “L’Occidente trascina Chisinau nel conflitto in Ucraina

  1. La Sandu ha chiesto alla Russia di ritirare il corpo di pace con mandato ONU che tiene in Transnistria, il fatto è che in Transnistria c’è un enorme deposito di munizioni di epoca sovietica che fa gola all’esercito ucraino e quindi l’occupazione della Transnistria, una piccola repubblica di circa mezzo milione di russi da parte dell’esercito moldavo, guidato ormai da ufficiali rumeni ed armato con armi NATO, servirebbe allo sforzo bellico ucraino.
    Del resto il destino della Moldova è segnato, sarà assorbita dalla Romania tipo DDR tedesca e quindi si ritroverà direttamente nella UE e nella NATO.
    Destino diverso per l’Armenia, Pashynian la sta portando dritta in guerra con l’Azerbaigian, chiaramente dopo che avrà fatto ritirare le truppe russe e sarà uscita dalla CSTO, in quanto la distruzione statuale e demografica dell’Armenia, oltre che a soddisfare la sete di sangue degli ebrei del dipartimento di stato USA, i quali odiano gli europei cristiani e vogliono sterminarli tutti, e si divertono ad umiliarli come hanno fatto con l’argentino Milei il quale si è dovuto convertire all’ebraismo ed è dovuto andare pure a rendere omaggio alla tomba, a New York, del rebbe degli chabad Schneerson, un mostriciattolo stortignaccolo purtroppo scampato durante la seconda guerra mondiale alle camere a gas naziste, come stanno facendo con gli ucraini, servirà a sgomberare la strada alla via commerciale tra la Turchia e l’Asia centrale, attraverso cui dovrebbero passare il petrolio, il gas, il carbone, l’uranio e le altre materie prime dell’Asia centrale verso l’Europa.
    Il problema è che Azerbaigian e Turkmenistan le riserve di gas le hanno terminate e Kazakhstan e Uzbekistan sono diventati importatori a causa dell’industrializzazione avviata dagli investimenti cinesi ed anche russi, e quindi di risorse da lì ne verrebbero poche.
    Macron in ricerca di materie prime era volato perfino in Mongolia, paese stretto tra Russia e Cina, le quali certamente non le permetterebbero di esportare in Europa.
    Senza le materie prime e l’energia russe l’Europa è destinata a seguire gli USA verso la deindustrializzazione e la bancarotta.

  2. La nostra Europa centroorientale, sviluppatasi nel nome degli imperi dei popoli, della molteplicità e della convivenza, a cui viene inflitta la gabbia degli stati nazione a tutto vantaggio di chi ha fatto la storia del colonialismo nel mondo.

  3. L’atlantista “sorosiana” maia sandu è un pericolo non solo per i moldavi che non vogliono essere trascinati in un conflitto disastroso, e che hanno già subito le “scelte” della sandu in materia di costi dell’energia (metà del reddito solo per riscaldarsi e avere la luce in casa?), ma è un pericolo per tutta l’Europa.

    Se osasse attaccare, con l’aiuto degli ukro-nazi-nato a pagamento, quindi mercenari, la Pridnestrovie, cioè la Transnistria proclamatasi indipendente, oltre a scontrarsi con le truppe della Federazione Russa, che sono un paio di migliaia e che sono là sotto l’ombrello dell’onu, innescherebbe un’estensione del conflitto dai rischi incalcolabili … La cosa potrebbe essere archiviata come “questione interna”, in quel caso.

    Se poi la Moldavia in bancarotta “aderisse” alla Romania che è già nella nato, con o senza sandu, la nato guerrafondaia avrebbe campo libero per attaccare la Pridnestrovie indipendente, ma questo autentico atto di guerra non potrebbe essere tollerato dalla Federazione Russa e, anche in tal caso, archiviato come “questione interna” di un vassallo nato.

    La situazione in Moldavia è dunque potenzialmente pericolosa, perché le politiche impoverenti imposte dalla sandu (per conto di soros e della nato?) combinate con le scelte geopolitiche completamente sbagliate, contro l’interesse di tutta la popolazione del paese, potrebbero rappresentare un detonatore per un conflitto diretto fra nato e Federazione Russa, con i nazi-ukro di mezzo.

    Cari saluti

  4. Il governo moldavo brama che il proprio popolo faccia la fine di quello ucraino (buttato nella fornace della guerra e triturato dalla Russia), in nome della “democrazia” e della “adesione alla Ue”, che equivale a morire in nome di Soros, vonderLayen, Biden, Wall street, city di Londra e sionisti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM