L’Occidente sta preparando nuove guerre in Africa, Asia e America?

di Carlos Santa Maria

Le analisi del geopotere sono di fondamentale importanza, poiché la maggior parte dei governi dispone di team specializzati nello studio approfondito delle idee avanzate, dei possibili percorsi e della prognosi degli eventi, fino a quando non mostrano nuovi e insospettati punti di conflitto, tutto questo allo scopo di organizzare il politica estera e interna delle loro nazioni.

Pertanto, l’uso della pianificazione da parte delle élite è fondamentale, poiché contribuisce alla selezione dei conflitti che consentono loro di raggiungere i loro obiettivi incentrati sul neocolonialismo, sull’aggressione e, soprattutto, sulla violenza politico-militare da applicare.

Diversi continenti sono attualmente nel mirino di ciò che è noto come Deep State, Corporatocrazia o élite di potere transnazionale. Quello che è veramente insolito è la debolezza cognitiva degli occidentali, perché come organizzatori di molti colpi di stato, non riescono a credere che le ribellioni siano possibili senza l’intervento straniero (quello occidentale), come hanno sempre fatto, ma che questi accadano per la libera volontà dei popoli che vogliono sfuggire all’oppressione del potere dell’ Occidente stesso.

Dopo che il governo degli Stati Uniti ha praticamente distrutto machiavellicamente il potere e l’economia dell’Europa, i conflitti attuali stanno guadagnando importanza, generati perversamente, dove alcuni membri della Comunità economica degli Stati dell’Europa orientale e dell’Africa occidentale (ECOWAS), sostenuti e incoraggiati da Francia e Stati Uniti. In Africa sono questi a minacciare un intervento militare o un piano di aggressione da avviare al più presto in Niger, per spodestare la giunta militare al potere nel paese dopo il rovesciamento del suo presidente filooccidentale, soprattutto perché il presidente deposto e i suoi complici locali e stranieri saranno processato con prove davanti alle competenti autorità nazionali e internazionali per alto tradimento, attentato alla sicurezza interna ed esterna del Niger, e soprattutto per aver incitato all’invasione del Paese.

Diamo un’occhiata alla realtà attuale.
America
Il recente conflitto in Colombia per una disputa familiare che coinvolge il figlio del presidente Gustavo Petro non ha diminuito gli interessi di Washington nel riconquistare il mercato e il dominio in quel paese.


Come è noto, Nicolás Petro (nella foto) è stato denunciato dalla moglie alla rivista di estrema destra “Semana” per presunti guadagni illeciti legati al traffico di droga e alla campagna presidenziale. Sulla base di queste dichiarazioni giornalistiche, il sistema giudiziario ha arrestato Nicolas e sua moglie e li ha consegnati alla giustizia nel contesto di un processo rapido, cosa mai avvenuta prima. Il risultato è che entrambi sono liberi, con alcune limitazioni, senza nulla di provato finora, ma con una spettacolare campagna di diffamazione da parte dell’opposizione che già chiede le dimissioni di Gustavo Petro e annuncia marce spettacolari.

Vale la pena ricordare tre eventi simili: il rovesciamento di Pedro Castillo in Perù e la repressione della provvisoria Dina Boluarte, che indica l’uso dell’apparato giudiziario e militare; il rovesciamento o l’incapacità di diversi presidenti progressisti, come in Honduras, Bolivia e Brasile, per esempio; l’assassinio di Allende dopo aver provocato un clima di violenta crisi. Il regime di Washington ha avuto un’influenza diretta su questi eventi e la narrazione mediatica è stata decisiva nel generare il caos ed eliminare gli oppositori.

Pertanto, in America Latina, si identificano possibili punti di conflitto e opzioni per il ritorno a governi neoliberisti, come nel caso del Cile, la polarizzazione in Argentina, l’opposizione esterna ad Arévalo in Guatemala, tra gli altri, senza dimenticare il crudele blocco di sanzioni subito per anni dal Cuba, Venezuela e Nicaragua, da parte del Pentagono.

Africa
Si ricorda qui che più di 30 milioni di africani furono rapiti e portati come schiavi in ​​Europa, Stati Uniti e America Latina, con una violenza senza pari da parte del Belgio, della Gran Bretagna e di altri paesi, che permise loro di arricchirsi a scapito dei sofferenti di questi popoli. Mai i popoli africani erano stati a pieno titolo soggetti della storia così come propone il mondo multipolare (BRICS).

Di fronte al rovesciamento del presidente del Niger da parte di una giunta patriottica, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna, tra gli altri, hanno avvertito che ci sarebbe stato un intervento diretto se Mohamed Bazoum non fosse stato reintegrato immediatamente. A tal fine, con tale “incoraggiamento”, alcune nazioni della Comunità economica degli Stati africani (ECOWAS) hanno dichiarato che interverranno militarmente contro la giunta militare entro una settimana.
Ricordiamo solo due fatti essenziali: la Francia ha più di 2800 tonnellate di riserve auree estratte da questo territorio senza possedere miniere, mentre il Niger, con quasi 700 miniere, non ha riserve auree. Inoltre, il progetto del gasdotto da 13 miliardi di dollari che collega i giganteschi giacimenti di gas della Nigeria all’Europa, che sarebbe minacciato dal recente colpo di stato in Niger, è in fase di stallo.

A questo proposito, il Consiglio Nazionale per la Salvaguardia della Patria (CNSP), guidato dal generale Abdourahamane Tchiani e sostenuto da Mali e Burkina Faso, ha chiesto il ritiro delle forze militari francesi e si è reso conto che la situazione non era più la stessa di prima, quando la NATO aveva inviato il suo imponente esercito e la situazione si era conclusa con un massacro. Le persone sono scese in piazza per dare il loro sostegno incondizionato.

La Nigeria, uomo di punta dell’Occidente, ha vacillato quando il Senato della Repubblica ha rifiutato l’autorizzazione per un attacco armato, il Ghana ha espresso la necessità del dialogo, il Burkina Faso e il Mali hanno aggiunto che qualsiasi attacco al Niger sarebbe considerato una dichiarazione di guerra contro di loro, il gruppo Wagner sembra essersi già mosso, l’Algeria e il Ciad hanno adottato una posizione di sovranità africana, il che indica che non sarà così facile distruggere questo processo anti-neo-colonialista. Un gremito teatro di turbolenze per il cambiamento è stato il catafalco di Macron, integrato dalle massicce manifestazioni di sostegno al Niger che si sono estese al Ghana, anche se quest’ultimo paese afferma di non riconoscere il nuovo governo.

È ormai fondamentale ascoltare la lettura che i popoli africani fanno della propria realtà in questi nuovi processi di emancipazione da sempre respinti nel sangue e nel fuoco dalle potenze coloniali. In ogni nazione africana assetata di sviluppo bisogna essere molto attenti alle aggressioni, ai blocchi, ai sabotaggi (erroneamente chiamati sanzioni), perché la destabilizzazione non è cessata. Libia, Sudan, Burundi, Mauritania, la stessa Nigeria, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sud Sudan, sanzionati dall’Occidente, sono nel suo mirino per continuare la crisi, oggi ancora più forti per il loro sostegno ai gruppi terroristici.

Asia
Il crescente dominio degli Stati Uniti su Taiwan e la sua eccessiva militarizzazione potrebbero presto portare ad uno scontro che provocherebbe una guerra internazionale.
L’Occidente e le sue agenzie di intelligence, utilizzando armi di distruzione di massa, stanno promuovendo un conflitto sul Kashmir che coinvolga India e Pakistan, o Cina contro India, le due Coree, o semplicemente promuovendo una guerra contro l’Iran a fianco dell’alleato sionista. La Siria resta occupata ed è un punto cruciale. La Palestina potrebbe presto diventare un punto critico che esploderà su larga scala.

Altri punti di scontro
La guerra USA-NATO contro la Federazione Russa attraverso l’Ucraina è già pianificata con l’avanzata della Russia negli oblast di Kharkov e Odessa, limitando ulteriormente le presunte controffensive che, fallite, portano gli Stati Uniti a interrogarsi sulla durata di questa guerra . La conferma delle informazioni di Zelenskyj sulla colpevolezza di Biden, che lo affonderebbero, rende comprensibile che egli continui quando tutto indica l’assurdità di questo progetto.

Allo stesso modo, le crisi della Polonia con la Bielorussia, la questione del Kosovo che ricatta la Serbia, l’Armenia e il Kazakistan che si scontrano, i tentativi di denigrazione dell’Iran tuttora in vigore, la destituzione del primo ministro in Pakistan, tutto questo con l’obiettivo di fare della morte la propria miglior alleato, continua ad essere incoraggiato artificialmente.

Infine, quando il popolo giapponese si mostra grato per la catastrofe di Hiroshima e Nagasaki, che ha sofferto crudelmente, e quando il governo giapponese, il Segretario generale dell’ONU, l’Occidente, nascondono falsamente il vero autore di questo orrore, autore che è il governo americano, e affermano che ” la morte è (semplicemente) caduta dal cielo ” (Barak Obama), mentre sottolineando la presunta minaccia nucleare proveniente dalla Russia, la chiarezza è totale e non c’è motivo di sbagliarsi: cambiare la storia è il loro obiettivo è una dimostrazione di disperazione poiché in campo militare la loro codardia e il loro fallimento sono evidenti.

fonte: Geoestrategia

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “L’Occidente sta preparando nuove guerre in Africa, Asia e America?

  1. Woitila e Bergollio sono papi di Washington che han portano divisione e l’ imperialismo dell’ occidente – il primo ha dato fuoco alla Polonia da guerra e il secondo alla ripresa dei Banderas in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM