L’Occidente sta finendo sia il tempo che le scuse in Ucraina

di Martin Jay

L’ultimo espediente mediatico – i carri armati – metterà la NATO su un’altitudine più alta da cui cadere, ovviamente questo se i carri armati stessi arrivano anche in Ucraina e non vengono rivenduti sul mercato nero

Sorprendentemente, è stata proprio la richiesta di Zelensky di carri armati dall’Occidente, in particolare il carro armato Leopard II, prodotto in Germania, che ha suscitato scalpore nei media a gennaio. Inizialmente, la Germania aveva esitato poiché lo Scholz, personaggio senza spina dorsale che cede sempre all’opinione pubblica piuttosto che attenersi ad nessuna delle sue politiche, non voleva che i carri armati di fabbricazione tedesca, siano essi parte dell’esercito tedesco o anche quelli usati dalla Polonia, fossero inviati in Ucraina. La preoccupazione è sempre la stessa: vendetta di Putin.

Scholz si preoccupa costantemente di questo e guarda indietro alla storia e riflette su ciò che accadde durante la seconda guerra mondiale quando i russi combatterono contro i tedeschi. Ha puntato i piedi e inizialmente è stato provocatorio nei confronti dei carri armati inviati. E poi ha ceduto a quella che molti pensavano fosse una pressione pubblica e politica. È uno scenario che si ripete più e più volte mentre la Germania è confusa su ciò che spera di ottenere in Ucraina. Non vuole certo battere Putin in modo leale e diretto sul campo di battaglia perché teme rappresaglie in seguito, visto che tra i due Paesi c’è solo il terreno aperto della Polonia.

Ma Joe Biden si è appoggiato a Scholz? È interessante notare che, pochi istanti dopo che Scholz ha fatto l’annuncio, è arrivata la notizia dal campo di Biden che in effetti l’America avrebbe, dopotutto, inviato carri armati Abrams in Ucraina, il che è stata un totale inversione di marcia su quello su cui Biden aveva sempre insistito.

Kampfpanzer Leopard 2 A5 bei einer Lehr- und Gefechtsvorführung. ….

Quindi cosa sta succedendo?

È opinione dell’autore che sia solo un’altra cortina fumogena per ritardare e guadagnare tempo per l’Occidente i cui leader stanno lottando per trovare una valida giustificazione per cui la costosa campagna della NATO sta andando avanti e non raggiunge una conclusione. È come se l’idea dei carri armati fosse stata creata da esperti di pubbliche relazioni come un modo perfetto per lanciare ai giornalisti qualche chilo di carne da masticare mentre i leader della NATO rivalutano come aprire nuove strade alla guerra stessa, che ha subito un rallentamento a causa del maltempo .

I numeri inizialmente sono così piccoli che è difficile credere che i carri armati degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Germania possano avere un impatto su un “confine” che si estende per 1000 km. Inoltre, è altamente improbabile che fino a 50 carri armati nel primo lotto che potrebbe arrivare in primavera vengano utilizzati in modo di una “punta di lancia”, come descritto dagli analisti militari occidentali, in quanto ciò li metterebbe direttamente nella mascella del leone e le cause sarebbero essere troppe da sopportare per la macchina da guerra della NATO, in termini di copertura mediatica negativa. In aggiunta a questo, quasi certamente non saranno usati nella guerra urbana in quanto ciò li pone come un netto svantaggio per le forze russe.

Anche l’addestramento dei soldati ucraini e della squadra di supporto per servirli richiederà almeno due mesi e quindi ci si deve chiedere quale sia davvero lo scopo dell’intera idea dei carri armati se non quello di guadagnare più tempo per l’Occidente e anche per esaurire i numeri dei carri armati europei per gli stessi governi dell’UE in modo che siano costretti ad acquistare carri armati americani per colmare il divario.

I carri armati ucraini sul campo di battaglia in qualsiasi numero serio si ritorceranno contro Zelensky, contro Washington e gli europei che li stanno inviando. Molto probabilmente saranno utilizzati a titolo difensivo per essere posizionati tatticamente sui perimetri delle città che le forze ucraine già detengono e non utilizzati a titolo offensivo rischiando che un numero elevato di essi venga fatto saltare in aria. I carri armati americani, tedeschi e britannici di ultima generazione sono sicuramente superiori a quelli russi, ma la questione critica è l’esperienza degli uomini che ci stanno dentro, che nel caso degli ucraini saranno dei ‘novizi’. In realtà, la storia dei carri armati è davvero una notizia falsa in quanto i carri armati non sono il proiettile d’argento che Zelensky sostiene di essere, che non è certo un esperto militare.

Carri armati USA An M1 Abrams

I carri armati potrebbero essere esattamente l’opposto. Una volta che l’Occidente inizierà a perderli in numero considerevole, potrebbe indirizzare il conflitto su un altro livello che coinvolge missili a lungo raggio o persino attacchi aerei tattici, che finora Putin ha evitato. A breve termine, naturalmente, i giornalisti saranno ora in grado di mantenere lo slancio della guerra e compiacere i loro padroni della NATO, quindi aspettati MOLTE storie su carri armati, carri armati, carri armati.
L’unica storia che non leggerete sarà quella dei generali del Pentagono che dicono ai giornalisti che non esiste un sistema di tracciamento nei carri armati statunitensi per verificare che siano addirittura arrivati ​​nel Paese, poiché questa è la più grande menzogna dell’intera guerra. quindi aspettati MOLTE storie su carri armati, carri armati, carri armati.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM