L’Occidente sa fare solo una cosa: minacciare! Non ha più niente da offrire. La storia si fa altrove

di Alastair Crooke

Abbiamo vissuto un “ diluvio di vertici ”: il vertice NATO di luglio, dove il presidente Zelenskyj si è raffreddato; poi c’è stato il vertice dei BRICS, durante il quale sono stati ammessi sei nuovi membri. Questo è stato seguito dal G20 di Delhi. Il presidente Putin ha partecipato virtualmente alla riunione dei BRICS, ma né lui né il presidente Xi (che aveva partecipato personalmente alla riunione dei BRICS), hanno visitato il G20. Nessuno dei due era presente all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA).

Il presidente Putin, tuttavia, ha ospitato l’incontro del Forum economico orientale che si svolge ogni anno dal 2015 per evidenziare la massima priorità dello spostamento della Russia verso il proprio Estremo Oriente – che, insieme ad altre economie dell’Estremo Oriente, sta rapidamente diventando la dinamo economica del mercato globale.

Ma all’UNGA (Nazioni Unite) si è visto qualcosa di importante. Hai visto i discorsi dei capi di Stato? È stato sorprendente: nelle riprese dei MSM tutti erano lì, al loro posto, ad ascoltare Zelenskyj, ma la realtà era diversa: se ti guardi intorno, troverai filmati dell’Assemblea Generale mentre Zelenskyj parlava, ed era quasi interamente vuoto o, nella migliore delle ipotesi, pieno per un terzo.

La maggioranza mondiale si è ritirata.

E guardiamo oltre: anche il Primo Ministro Netanyahu si è rivolto all’Assemblea Generale, così come il Cancelliere Scholtz, e ancora una volta, per ciascuno di essi, l’auditorium delle Nazioni Unite ha ospitato una manciata di appunti e , nel caso del Primo Ministro Netanyahu , “ un piccolo gruppo di lealisti – ministri del governo , consiglieri, aiutanti e sostenitori – che hanno fornito una colonna sonora di applausi per gli israeliani che guardavano il discorso da casa ”. (Va anche notato che durante il suo discorso all’Assemblea Generale, Netanyahu ha mostrato una mappa dove ha completamente cancellato la Palestina dalla mappa)

Non è mai stato così in passato. Cosa sta succedendo ?

Il professor Michael Hudson, che ha notato lo stesso fenomeno, ha osservato: “ Quindi in realtà ci sono due mondi diversi, e non sembrano più mescolarsi, tranne nella misura in cui gli Stati Uniti possono tentare di intervenire – e rallentare l’intero processo”. e cercare di fermare il movimento dell’orologio .

Il tentativo di congelare le lancette dell’orologio è stato infatti molto evidente nel discorso del presidente Biden. Il messaggio di Biden era che non ci sarebbe stato alcun compromesso per quanto riguarda l’Ucraina. Ha dichiarato:

“ Ma vi pongo la seguente domanda: se abbandoniamo i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite, per placare un aggressore, uno Stato membro può avere la garanzia di essere protetto? Se lasciamo che l’Ucraina si divida, sarà garantita l’indipendenza di una nazione? La risposta è no. Dobbiamo opporci a questa palese aggressione oggi – [per] scoraggiare altri potenziali aggressori domani ”. [Il corsivo è nell’originale]

Per essere chiari, quando Biden dice che “ non permetterà che l’Ucraina venga divisa ”, sta dicendo che non può esserci alcun compromesso territoriale riguardo all’Ucraina. “ La risposta è no; dobbiamo resistere all’aggressione totale ”.

Forse lo dice per salvare la sua candidatura dall’umiliazione, ma le parole hanno un significato. E il significato che ha appena attribuito loro avrà delle implicazioni.

Vertice paesi Asiatici

A Mosca si sono dovute trarre dure conclusioni.

Sergei Karaganov, uno dei fondatori del Club Valdai, ha dichiarato senza mezzi termini a Vladivostok che i giorni in cui la Russia cercava di allearsi con l’Occidente sono “finiti” e, così facendo, ha puntato il dito sul cambiamento radicale di cui l’Assemblea Generale è stata emblematica. . Karaganov ha affermato senza mezzi termini che la Russia non sarebbe mai tornata a quei tempi, e verso la fine dei suoi commenti ha aggiunto: “Chi vorrebbe comunque allearsi con l’Occidente ? È noioso. La vera eccitazione è in Asia ”.

Ebbene, è ovvio che la noiosa vecchia Europa sta cadendo a pezzi: le economie europee stanno crollando, mentre il resto del mondo, riunito a Vladivostok, si sta “costruendo”.

Un aspetto del fatto che i paesi non occidentali taglino sempre più – o riducano in modo significativo – i loro legami con l’Occidente potrebbe essere il quasi completo abbandono della diplomazia in Occidente.

Il discorso di Biden all’Assemblea Generale non ha nemmeno tentato di toccare la geostrategia o il linguaggio diplomatico appropriato. Oggi tutto è una minaccia, esplicita o implicita. Sembra che il resto del mondo sia annoiato dalle minacce e sia impegnato a costruire soluzioni alternative.

Ebbene, Biden dopo aver detto “ una cosa ” all’inizio della settimana (niente ATACMS per l’Ucraina), ha fatto marcia indietro alla fine della settimana e ha detto “sì” – ma “ solo pochi ”.Successivamente, ha nominato un ispettore generale per l’Ucraina per riferire sulla richiesta di finanziamenti statunitensi da parte di Kiev. Finora non è stata effettuata alcuna contabilizzazione delle spese .

Chiaramente, Biden spera, attraverso questi passi, di convincere i repubblicani ad approvare un disegno di legge che include ulteriori 24 miliardi di dollari per l’Ucraina – insieme ad altre voci non correlate, come gli aiuti statunitensi per il disastro alle Hawaii.

Basterà questo ai ribelli repubblicani che chiedono di votare da soli sul finanziamento dell’Ucraina? Finora, il gruppo repubblicano rimane fermamente contrario al finanziamento della guerra in Ucraina, poiché l’opposizione al finanziamento della guerra in Ucraina cresce all’interno della base del Partito, quando le esigenze interne sono così presenti.

È probabile che questo alla fine passi. La pressione politica sui “ribelli” è intensa. Ma ricorda che i 24 miliardi di dollari sono stanziati per un solo trimestre (ovvero dal 1° ottobre al 31 dicembre), dopodiché dovranno essere approvati altri 24 miliardi di dollari.

Il bilancio federale annuale totale dell’Ucraina richiede circa 50 miliardi di dollari solo per gestire i servizi governativi – senza contare le spese militari e belliche che variano tra i 60 e i 100 miliardi di dollari. Ciò significa che l’Ucraina ha bisogno di un totale di circa 100 miliardi di dollari o più all’anno per gestire lo Stato e portare avanti la guerra. Ecco perché le iniezioni di 25 miliardi di dollari attualmente dibattute a Washington sono essenzialmente “ trimestrali ”.

La dura realtà è che anche se l’Ucraina ricevesse questa tranche trimestrale, la “ domanda ” per la prossima sarà quasi certamente ancora più problematica. I soldi finiranno il 31 dicembre, quando la capacità dell’Ucraina di opporre resistenza militare sarà messa in discussione – in assenza di un piano di salvataggio dell’UE. Ma è fattibile un piano di salvataggio dell’UE mentre gli standard di vita dell’Europa crollano?

Fonte: Bruno Bertez

Traduzione: Gerard Trousson

6 commenti su “L’Occidente sa fare solo una cosa: minacciare! Non ha più niente da offrire. La storia si fa altrove

  1. Gli usa parlano di aggressione hanno aggredito tutti, colpi di stato, rivoluzioni colorate, ricatti finanziari,occupazioni vedi Siria e raccontano balle,andiamo avanti verso la vittoria totale e occhio lungo.

  2. In Italia nonostante nel mondo e in Europa si aprono dei varchi per discutere e rinegoziare l’invio di armi , solo qui la famigerata Rai play , Rai news , Rai multimediale , quotidiano.net , Corsega continiuano a sfornare storie alla hollywood sulla gloriosa vittoria ucraina , sui dorni ucraini , su questto e quello , uno stillicido propinatoci dai MEDIA NARCOS tipo MSN news che raccoglie le notizie che piu aggradano la Nato dei giornaloni dei tuttologi italioti….E’ assurdo tutti i giorni h24…non ho visto un articolo degno del nome informazione sulla Russia….

  3. In questo articolo si dice tutto, l’occidente sotto controllo sionista ormai completamente deindustrializzato, depopolato e meticciato, forse per un pluridecennale piano di vendetta del “popolo eletto” sui bianchi cristiani che durante la WW2 lo hanno decimato, non ha più le risorse umane ed economiche per proteggere, sostenere ed alimentare la sua signora entità sionista e il suo regime quisling di Kiev, da lei considerato antemurale in quanto se la Russia ortodossa dilagasse nei Balcani fino al Mediterraneo orientale, e da qui la fissa anglo-sion per la Crimea, taglierebbe le comunicazioni logistiche dell’entità sionista con il suo retroterra strategico europeo, a sua volta collegato al grande golem di oltre Atlantico.
    Il quale peraltro comincia a sfuggire al controllo dell’entità sionista stessa in quanto il vecchio zoccolo duro dei protestanti filo-sionisti, un tempo decine di milioni di persone, comincia a dissolversi, sia a causa del declino demografico sia perchè i bianchi di destra ormai hanno capito di essere stati mandati in guerra a massacrare i musulmani del Medio Oriente, nonchè derubati dei soldi delle loro tasse per finanziare queste guerre, e quindi smettono di seguire queste chiese protestanti in agonia.
    Le economie di Nord America ed Europa sono praticamente a brandelli, prima della guerra l’economia della UE era sempre più integrata con quella russa, la forza dell’euro, che nello SWIFT aveva una quota delle transazioni finanziarie al 37% mentre ora è sceso al 24, derivava dal fatto che il commercio UE con Russia e Cina era denominato appunto in euro, oggi il commercio russo si rivolge ad est ed è denominato in rubli e yuan, lo yuan sta diventando sempre più forte nello stesso SWIFT dove raggiunge una quota quasi del 4%.
    Le economie di Europa e Nord America non sono affatto complementari, il Nord America non ha le materie prime e le risorse energetiche che occorrono all’Europa, mentre il collasso della domanda interna americana non sostiene le esportazioni delle merci europee, che sono più costose di quelle asiatiche.
    La Russia con la sua determinazione nel voler giustamente distruggere il regime di Kiev in fondo inconsapevolmente riprende la sua storica spinta ad ovest, che si stava manifestando prima della guerra.
    Del resto gli slavi ortodossi oggi arrivano all’Adriatico, non ci sono più grandi potenze dei secoli passati come l’Austria.Ungheria o la Prussia-Germania a sbarrare il passo alla Russia, e anche la Turchia di Erdogan anche so molto forte non è l’Impero Ottomano.
    Anche stati baltici come Estonia e Lettonia oggi sono a maggioranza relativa slavo-ortodossi o quasi, quindi il crollo imminente di NATO e UE ridarà alla Russia la sua vecchia frontiera zarista occidentale ed anche di più.

  4. L’Occidente e cioè USA, la iena inglese e i loro complici tipo Mario Draghi ormai promettono solo guerra , terrorismo, immiserimento e morte. Sconfitti dalla Russia in Ucraina organizzano il terrorismo diretto principalmente dalla iena inglese. E la Francia che potrebbe staccarsi da costoro , è bloccata dal servo della finanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM