L’Occidente non ha più alleati contro Putin e Xi

di Petr Akopov

Ancora una volta, in Occidente, come nel 1941, una coalizione si sta unendo per combattere, o sostanzialmente per fare guerra alla Russia – una dichiarazione di Sergey Lavrov che affronta la realtà, anche in questi tempi turbolenti. Il Ministro degli Affari Esteri è stato il più preciso possibile:

“Abbiamo poche illusioni e non crediamo che l’attuale accusa russofobica nell’UE in qualche modo ‘dissiperà’ o cambierà nel prossimo o lontano futuro. Il percorso scelto dagli europei ricorda l’inizio della seconda guerra mondiale. Hitler radunò molti, se non la maggior parte, dei paesi europei sotto la sua bandiera per la guerra contro l’Unione Sovietica. Oggi, allo stesso modo, l’UE, insieme alla NATO , sta costruendo una moderna coalizione per combattere e, nel suo insieme, dichiarare guerra alla Federazione Russa. Esamineremo tutto questo con molta attenzione”.

Un commento così duro è arrivato in risposta a una domanda sulla concessione all’Ucraina dello status di candidato all’adesione all’UE – e dopo che il ministro ha ricordato che Mosca “ha sempre pensato che l’UE non fosse un blocco politico-militare. Contrariamente all’Alleanza Nord atlantica, lo sviluppo delle sue relazioni con i Paesi che lo desiderano non crea per noi nessuna minaccia e nessun rischio”. Non c’è alcuna contraddizione particolare qui – perché l’enfasi è sul fatto che questa è la posizione iniziale della Russia, e Mosca è ora consapevole che “l’Unione Europea è sostanzialmente e anche radicalmente cambiata, negli ultimi anni, per acquisire sfumature ideologiche aggressive, principalmente russofobe ”.

Per questo Lavrov si è azzardato a paragonare il percorso intrapreso dall’Ue con quello di Hitler – dopotutto, la natura non militare dell’Ue non significa che non possa diventare uno strumento nelle mani dei blocchi militari. Ed è esattamente ciò che sta accadendo: l’UE, che era già un “avatar civile della NATO”, sta diventando sempre più un punto di incontro per una coalizione globale, e nemmeno europea. E non solo contro la Russia.

La prossima settimana ci sarà un vertice della NATO cui parteciperanno per la prima volta i leader di Australia, Nuova Zelanda, Giappone e Corea del Sud. L’Alleanza del Nord Atlantico attrae quindi paesi del Pacifico: cos’è se non un passo verso la sua trasformazione ufficiale in un’alleanza globale? Era già, in sostanza, un’alleanza globale, con ambizioni globali e una presenza americana globale (e una presenza britannica e francese che si estendeva oltre l’Europa), ma è rimasta atlantica ed europea nei suoi obiettivi militari. Il coinvolgimento dei quattro stati del Pacifico invia un segnale inequivocabile alla Cina: l’America sta valutando una deterrenza globale contro il Regno di Mezzo, non solo nel Pacifico da parte delle proprie forze e di quelle dei suoi alleati,

Finora, l’espansione formale della NATO nel Pacifico è irrilevante; gli europei non sono categoricamente pronti per questo. Ma è solo questione di tempo, perché anche gli europei non volevano scontrarsi con la Russia, si stavano preparando per questo da otto anni. La Cina non è ancora nominata come una minaccia diretta, ma sarà menzionata nella nuova strategia della NATO come un paese il cui potere crescente pone una sfida agli interessi, ai valori e alla sicurezza dell’alleanza.

Alla fine, poco importa se la NATO abbia un senso su scala globale o se sia meglio per gli americani avere due alleanze separate: una contro la Russia in Europa e l’altra contro la Cina in Asia. Tuttavia, è molto più difficile mettere in piedi la seconda alleanza: anche i quattro paesi invitati al vertice della NATO non sono tutti pronti ad entrare in un blocco apertamente anti-cinese. È quindi più facile oggi per gli Stati Uniti costruire un fronte comune contro le “potenze revisioniste autoritarie”, cioè Russia e Cina, presentando Russia e Cina come una minaccia comune all'”ordine mondiale democratico”.

L’Europa gioca un ruolo cruciale nella costruzione di questa coalizione, non solo come una delle due componenti dell’Occidente, ma anche come forza di attrazione per altri centri di potere e Stati: asiatici, africani e latinoamericani. Sebbene l’Unione Europea non disponga di una politica estera comune coerente, i suoi paesi membri hanno una grande influenza su diverse parti del mondo (comprese le ex colonie) – questa è un’opportunità per lavorare attivamente per reclutare nuovi membri nell’alleanza”anti-revisionista”

Leader del gruppo dei BRICS

Questo lavoro ha avuto successo? No, e gli ultimi quattro mesi lo hanno chiaramente dimostrato. La stragrande maggioranza dei paesi del mondo non ha firmato le sanzioni anti-russe, nonostante sia stata pesantemente sottoposta a pressioni o addirittura costretta a farlo non solo dagli anglosassoni, ma anche dagli europei. Inoltre, anche l’impegno attivo dell’Occidente ha provocato una reazione negativa. Mosca e Pechino, che in precedenza avevano sostenuto di riunire tutte le forze insoddisfatte del progetto globalista occidentale, ora hanno intensificato la loro azione.

Il vertice BRICS, che si è appena concluso, ne è un esempio. Questo stesso G5 si oppone sempre più al G7 occidentale. Il vertice è stato ospitato dalla Cina e, sebbene si sia svolto in formato video, il secondo giorno ha avuto luogo un evento molto importante: l’incontro “BRICS+”, al quale hanno partecipato altri 13 Stati. Il formato BRICS Plus è apparso cinque anni fa. Solitamente è il Paese ospitante a stilare l’elenco dei partecipanti, che comprende molti Paesi della regione di appartenenza o con cui condivide un confine. Ma questa volta, oltre a questi paesi, ci sono molti stati importanti.

C’erano due paesi del G20… Indonesia e Argentina, tre paesi importanti nel mondo islamico – Egitto, Iran e Algeria, tre paesi del sud-est asiatico – Thailandia, Malesia e Cambogia, uno dei più grandi paesi africani Etiopia e attuale Presidente dell’Unione Africana il Presidente del Senegal. Erano rappresentati due paesi dell’Asia centrale… Kazakistan e Uzbekistan. E anche l’Oceania non è stata dimenticata: era rappresentata dalle Isole Fiji.

Ancora più importante, quasi la metà di questi paesi (e il più grande di essi) aspira ad aderire ai BRICS. E mentre l’allargamento del G5 aveva precedentemente destato una certa cautela, il clima comincia a cambiare. Lo testimoniano i discorsi di Xi Jinping e Putin.

Il presidente cinese ha sottolineato che “negli ultimi anni molti Paesi hanno manifestato il loro interesse ad aderire al nostro G5:

“Naturalmente, i nuovi membri daranno nuova vita alla cooperazione BRICS e ne aumenteranno la rappresentanza e la credibilità. Quest’anno la questione dell’allargamento dei BRICS è stata discussa in dettaglio in varie piattaforme. Penso che sarebbe una buona idea promuovere questo processo per unire più persone che la pensano allo stesso modo intorno al G5”. »

E Vladimir Putin ha osservato che “la rilevanza dell’interazione con partner che condividono i nostri valori è aumentata notevolmente nell’attuale contesto di relazioni internazionali squilibrate”.

Naturalmente, i BRICS non sono un’alleanza militare, ma questa è la loro forza, non la loro debolezza. Perché per resistere ai tentativi del progetto anglosassone in declino di estendere il proprio dominio, è necessario agire prima non sul piano militare (che Russia e Cina non hanno dimenticato, anche insieme), ma su quello finanziario, commerciale, logistico e piani ideologici. Ed è qui che sono importanti tutti gli attori seri, quelli che scommettono sulla futura formazione di un mondo multipolare, sullo sviluppo di nuovi meccanismi di interazione globale (alternativi agli anglosassoni), nonché sul rafforzamento della propria indipendenza . L’Indonesia e l’Egitto, l’Argentina e l’Iran, la Malesia e l’Algeria vogliono tutti unirsi ai BRICS. E c’è anche l’Arabia Saudita e gli Emirati, Messico e Turchia che sfiorano i cinque. In altre parole, il potenziale dei cinque grandi è davvero molto importante ed è la migliore risposta alla coalizione che l’Occidente sta cercando di mettere insieme.

La risposta del blocco anti imperialista è allo stesso tempo anche cinese. Perché, come ha affermato Xi Jinping al vertice BRICS+, “la nostra era è piena di sfide ma anche di speranze, dobbiamo valutare con sobrietà la tendenza dello sviluppo globale, costruire fiducia, unire le volontà in una volontà comune come una forza e unire le energie per avanzare sviluppo globale.

Lo sviluppo globale, cioè lo sviluppo del mondo intero dove l’Occidente non potrà imporre agli altri la sua volontà e le sue regole. Bene, i russi e i cinesi sanno come rafforzare la loro volontà e possono mostrare agli altri un esempio di come farlo.

Fonte: Ria Novosti

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 00:22h, 28 Giugno Rispondi

    italiani in maggioranza contro la Nato – Virus – golpe e sfruttamenti – W Russia

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:05h, 28 Giugno Rispondi

    Valore di G7 sempre più apparigliato a quello di assemblea condominiale dove un solo proprietario detiene maggioranza assoluta di millesimi…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • eusebio
    Inserito alle 20:39h, 28 Giugno Rispondi

    Venerdì scorso un aereo da ricognizione e raccolta dati USA Poseidon P8-A ha attraversato impunito lo Stretto di Taiwan, irridendo le affermazioni cinesi che considerano lo Stretto acque interne cinesi.
    Lo Stretto di Taiwan è molto importante per il commercio internazionale in quanto per paesi come Corea del Sud e Giappone far arrivare petrolio e gas liquefatto dal Golfo Persico e inviare ad ovest le loro merci girando ad est di Taiwan sarebbe un aggravio economico a causa della maggiore strada da percorrere, per cui gli USA hanno tutto l’interesse ad arrivare all’indipendenza di Taiwan, sia per tutelare il loro maggiore fornitore di microchip sia per sostenere soprattutto l’economia del Giappone, grande detentore del debito pubblico USA ma alle prese con un drammatico crollo demografico e della valuta, tanto che per sostenere lo yen sul dollaro la banca centrale nipponica sta vendendo titoli di stato USA a man salva.
    Forse se i cinesi avessero abbattuto quell’impiccione aereo yankee negli USA capirebbero che la Cina li ha sostituiti come massima potenza mondiale.

Inserisci un Commento