“L’Occidente non è abbastanza forte”: perché gli Stati Uniti hanno accusato Cina e Russia di minare l’unità della NATO


Mosca e Pechino stanno usando tattiche ibride per minare l’unità della NATO, lo affermano al comando NATO.
Questo è quanto ha affermato Julianne Smith, rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’alleanza. A suo avviso, Cina e Russia utilizzano sempre più “strumenti comuni” per questi scopi.

La Smith ha detto che “non c’erano dubbi” sul fatto che entrambi i paesi, Russia e Cina, stiano “agendo per seminare discordia… tra i partner transatlantici”. “E ora siamo molto chiari su questo, abbiamo una comprensione più profonda di tali azioni e intendiamo combatterle”, ha detto al Financial Times.

“Abbiamo visto entrambi i paesi utilizzare tattiche ibride”, ha riferito Smith. – “Mi sembra che la Cina stia osservando molto da vicino come la Russia ricorre alla disinformazione e attua cose come la coercizione e (minaccia. – RT) sicurezza energetica, operazioni informatiche dannose e dannose.

Pre-ministerial press conference by Julianne Smith, NATO Permanent Representative for the United States

Il rappresentante permanente degli Stati Uniti presso la NATO ha affermato che “il lavoro è già in corso” per convincere i governi membri della NATO ad andare oltre il riconoscimento delle sfide poste dalla Cina per rispondere a queste. La Smith ha proseguito dicendo che la NATO cercherà di raggiungere determinati “traguardi” su questo tema nelle riunioni ministeriali e nei vertici dei leader dell’alleanza.

“In parte, questo dipende dai governi nazionali, dalle loro decisioni, dai meccanismi nazionali e dalla legislazione. Qui stiamo parlando di difendere i “nostri valori”, difendere la nostra unità e difenderci da alcune delle tattiche ibride su cui la Cina in particolare sceglie di fare affidamento”, ha concluso Julianne Smith.

Corso anti-cinese
Vale la pena notare che in Occidente ci sono state preoccupazioni in precedenza per l’evoluzione della cooperazione tra Russia e Cina.

Ad esempio, nel giugno 2022 la NATO ha adottato un nuovo concetto strategico affermando che l’approfondimento del partenariato tra la Federazione Russa e la RPC sarebbe in contraddizione con i “valori e gli interessi” dell’alleanza. Ovvero i due paesi non si assoggettano alle regole stabilite dagli USA (N.d.R.).

In particolare, nell’ottobre di quest’anno la Casa Bianca ha emesso una nuova versione della Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti in cui la Cina è stata definita come la sfida geopolitica più seria per Washington.

La Casa Bianca disse all’epoca che gli Stati Uniti avrebbero “dovuto competere con la Repubblica popolare cinese, l’unico concorrente che intende ed è in grado di cambiare l’ordine internazionale. Parallelamente, Washington conterrà “una Russia minacciosa”.

“La RPC e la Russia stanno diventando sempre più vicine, ma le sfide che ne scaturiscono presentano differenze importanti. Ci concentreremo sul mantenimento di un vantaggio competitivo sostenibile sulla Cina, contenendo al contempo una minaccia ancora seria per la Russia”, afferma la strategia.

Antony Blinken

Poco dopo, nel novembre 2022, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha dichiarato dopo una riunione ministeriale della NATO a Bucarest che Washington e i suoi alleati stavano gareggiando con la Cina per avere l’opportunità di plasmare il modo in cui il mondo va avanti.

Da parte sua, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg all’inizio di dicembre ha messo in guardia i membri dell’alleanza dal diventare dipendenti dalla Cina. Ha detto che i paesi occidentali non possono essere guidati esclusivamente da considerazioni commerciali nelle loro relazioni economiche con Pechino.

Il sottosegretario alla Difesa per gli affari politici Colin Cole ha affermato che non è auspicabile che altri paesi approfondiscano i legami con la Repubblica popolare cinese nella sfera militare perché i “rischi sono troppo alti” con “poca ricompensa”.

In questo contesto, Washington ha segnalato l’intenzione di combattere la “crescente” influenza della RPC nei paesi in via di sviluppo della regione indo-pacifica. Nello specifico, la bozza del budget degli Stati Uniti per l’anno fiscale 2023 include 1,8 miliardi di dollari per questo scopo.

“Finirà inevitabilmente in un disastro.”
Secondo Vladimir Batyuk, capo del Centro per gli studi politico-militari presso l’Istituto degli Stati Uniti e del Canada dell’Accademia delle scienze russa, Washington ei suoi alleati hanno deciso di muoversi per contenere la Russia e la RPC contemporaneamente.

“A giudicare dalla dichiarazione di Julianne Smith e da molti altri discorsi di funzionari statunitensi, l’Occidente ha deciso di passare al contenimento simultaneo di Russia e Cina. Questa strategia è destinata al completo fallimento. L’Occidente non ha il potere di attuare un tale piano. E finirà inevitabilmente in un disastro”, ha detto l’esperto a RT.

“Gli Stati Uniti si sono dati il ​​compito di confrontarsi su due fronti, Russia e Cina. Questo è un errore. Prolungando il conflitto ucraino e avviando uno scontro con la Cina, stanno dilapilando le loro risorse. Allo stesso tempo, questa politica spinge Mosca e Pechino verso un ulteriore riavvicinamento reciprocamente vantaggioso su tutti i fronti”, ha detto l’esperto a RT.

Gli analisti hanno sottolineato che non tutti i paesi della NATO acconsentono volentieri alla richiesta degli Stati Uniti di vedere la Cina come una minaccia.

“La Cina è una possente potenza economica. L’Europa dipende direttamente dalle forniture dalla Cina, quindi Pechino ha influenza su Bruxelles. La posizione dell’Europa è oggi particolarmente difficile perché soffre di crisi economiche ed energetiche. La rottura dell’UE con la Russia ha già portato a problemi energetici ed economici. Una rottura con la Cina significherebbe una carenza di merci che sarebbe molto difficile da sostituire”, ha spiegato Alexander Mikhailov.

Fonte: RT

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • Aplu
    Inserito alle 23:21h, 22 Dicembre Rispondi

    Stanno rifacendo la storiella del lupo con l’agnello, che beve l’acqua a fiume in basso e il prepotente lo vuole aggredire, però si sono sbagliati: : loro saranno il tacchino arrostito del ringraziamento. E noi banchetteremo felici!

  • Giorgio
    Inserito alle 08:49h, 23 Dicembre Rispondi

    Il sogno americano : guerra economica e militare contemporaneamente contro Russia e Cina …
    Sogno prodotto da sete di profitto, potere, delirio di onnipotenza e suprematismo, per dominare il mondo intero ….
    Alimentato da droghe e psicofarmaci dei quali gli usa detengono il primato mondiale di consumo, e da stili di vita distruttivi …
    Un sogno destinato a diventare un incubo molto in fretta !

    • Thor
      Inserito alle 11:05h, 23 Dicembre Rispondi

      Una eccellente visione dell’americano u.s.a., spregiativamente nazista nell’animo e nelle intenzioni!

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 10:08h, 23 Dicembre Rispondi

    Fare scorrere fiumi di sangue,non aver pietà per nessuno ; la guerra è elemento fondamentale, presupposto dell’ordine globale americano.

  • antonio
    Inserito alle 11:28h, 23 Dicembre Rispondi

    ” In caso di Neve – China ! ”
    100 milioni di Ninja Turtles

Inserisci un Commento