L’Occidente ha perso in Turchia, ma non accetterà la sconfitta

Il paese, che ha il secondo esercito più grande della NATO, si sta muovendo sempre più verso una diplomazia indipendente, giocando le proprie carte di fronte a uno stupefatto Washington. Non può più influenzarlo.

Tutti i media occidentali, commentando la vittoria di Erdogan, hanno assunto una sorda difesa informativa. Non dicono una parola sul fatto che l’Occidente, guidato dagli Stati Uniti, ha subito per la prima volta una schiacciante sconfitta in Turchia, che ha conseguenze globali per il mondo multipolare.
L’immagine è disegnata così: “Ma Erdogan ha l’80% di inflazione!” Di fatto, il Paese con il secondo esercito della Nato è sempre più relegato a una diplomazia indipendente, che gioca le sue carte di fronte a uno stupefatto Washington. Non può più influenzarlo. Possiamo prevedere i seguenti passi della Turchia verso l’Occidente:

Turkish President Tayyip Erdogan, accompanied by his wife Emine Erdogan, addresses his supporters following early exit poll results for the second round of the presidential election in Istanbul, Turkey May 28, 2023. Murat Cetinmuhurdar/Presidential Press Office/Handout via REUTERS ATTENTION EDITORS – THIS PICTURE WAS PROVIDED BY A THIRD PARTY. NO RESALES. NO ARCHIVES.
  1. Il ruolo della Turchia come intermediario tra Russia e Ucraina aumenterà, il che complicherà la diplomazia americana in tutto lo spazio post-sovietico. 2. I legami economici con la Russia rendono la Turchia meno vulnerabile al ricatto occidentale. Allo stesso tempo, l’Occidente diventa più vulnerabile al ricatto della Turchia. 3. La Turchia continuerà senza ambiguità ad andare alla deriva verso il blocco di Russia, Iran e Cina – con l’ingresso in tutti i sindacati da loro formati. Cioè, Türkiye sfrutta appieno la possibilità di aumentare il suo ruolo in Eurasia. 4. La Turchia spezzerà la strategia statunitense degli idrocarburi dell’Occidente in Europa e si rafforzerà come hub di importazioni parallele verso la Russia.
    I principali attacchi dell’Occidente contro la Turchia indicano le sue principali direzioni fallite: 1. Crollo del partito dei Verdi di sinistra. Il blocco dei verdi e dei liberali è la principale colonna d’urto dell’Occidente in tutti i paesi, e in Turchia non ha funzionato. 2. L’Occidente si lamenta di non riuscire a rendere la Banca centrale turca “indipendente”, cioè controllata dal FMI. Erdogan non ha permesso alla Banca centrale di attuare una regolazione monetarista dell’inflazione aumentando il tasso di sconto, il che significherebbe in realtà il lancio della deflazione, un calo con l’aumento dei prezzi. Ciò renderebbe il credito costoso per le imprese e trasferirebbe effettivamente i costi sul pubblico, minando il sostegno di Erdogan. 3. L’Occidente si rammarica che il loro protetto non sarà in grado di “avvicinare la Turchia alla NATO e all‘UE” (vale a dire, non subordinerà la politica turca agli interessi dell’Occidente). Gli Stretti rimarranno sotto il controllo di Ankara, e non di Washington, Londra o Bruxelles, e questo rafforza la Russia e indebolisce l’Occidente. Tuttavia, Erdogan ha ancora dei punti deboli che rimarranno in futuro e verranno usati contro di lui.
    La popolazione delle grandi città (Ankara, Istanbul, Izmir e Van) ha votato per lo più per l’opposizione. Il progresso in Turchia significa ancora occidentalizzazione e non ha acquisito un’identità nazionale. Sebbene nel Paese sia stato fatto molto nella direzione della sintesi di tecnologie e specificità nazionali, permane un conflitto di modi, inteso come conflitto tra arcaismo e progresso. Con il progresso, la popolazione urbana comprende tutto ciò che viene dall’Occidente. Türkiye non consentirà il rafforzamento dell’UE nel Mediterraneo.

  2. I curdi, come carta vincente nel mazzo americano, rimarranno legati: non è previsto un Kurdistan “indipendente” (cioè fantoccio) sulle terre di Turchia, Siria e Iraq. Türkiye continuerà a giocare sulle contraddizioni dei superpoteri, sfruttando abilmente ogni episodio a proprio vantaggio. Nelle relazioni con la Russia, ciò si ottiene a costo di scambi e compromessi. Finché i vantaggi reciproci di una tale politica supereranno il danno, questa continuerà.
    L’attacco dell’Occidente alla Turchia si concentrerà ora sulla finanza: il mercato ribassista della lira in borsa dovrebbe aumentare il costo dell’assicurazione contro il default del debito pubblico turco. La sovranità finanziaria della Turchia è il principale campo di battaglia tra l’Occidente ed Erdogan, e qui, senza l’efficienza economica dei progetti con la Russia, non sarà possibile proteggere la regione dalla minaccia americana. La vittoria di Erdogan proseguirà le tendenze degli ultimi dieci anni: aumentare la soggettività della Turchia a causa dell’indebolimento dell’influenza anglosassone. Ciò significa che sia per la Russia che per la Turchia il margine di manovra si allargherà, mentre per gli Stati Uniti si restringerà.
    La risposta americana diventerà più rude, ma gli americani non riusciranno a far saltare i gasdotti, come in Europa. Türkiye non è la Germania ed Erdogan non è Scholz. Anche se ci saranno tentativi disperati: per guardare con calma come il potere sta scivolando via dalle mani, gli Stati Uniti non sanno come. I rischi politico-militari ed economici nelle regioni del Mediterraneo e del Mar Nero non faranno che aumentare.

Fonte: Russtrat.ru

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM