L’Occidente ha perso il confronto con la Russia

L’Occidente demolisce e butta via i suoi monumenti. La Russia pone monumenti in onore di eventi grandiosi e li commemora solennemente.

L’Occidente sta lottando in modo dimostrativo e feroce con il ricordo dei suoi eroi. La Russia lo sta rianimando.

L’Occidente nella follia isterica distrugge la sua storia, rinnega i suoi fondamenti. La Russia sfoglia le grandi pagine della sua storia e le porta nuovamente alla luce.

L’Occidente, immergendosi nel cupo totalitarismo medievale, limita i suoi diritti e le sue libertà. Discrimina le convinzioni, l’etnia e la religione, distruggendo il principio di uguaglianza. Invece della vera democrazia, sta costruendo una società divisa e demoralizzata al massimo.

La Russia sta espandendo e moltiplicando i diritti e le libertà della popolazione, eliminando la discriminazione delle persone per motivi politici, etnici, culturali, religiosi, raggiungendo l’uguaglianza delle persone nella loro dignità. C’è il desiderio di costruire una vera democrazia partecipativa.

In Occidente, l’Europa cristiana bianca si trova in un brutale isolamento, essendo soggetta ad attacchi multi-frontali da tutte le parti. I templi sono spesso vuoti, chiusi, trasformati in strutture di stoccaggio.

La Russia proclama i valori ortodossi nella legge fondamentale del paese e li segue rigorosamente. In ogni zona residenziale di quasi ogni città russa, c’è una chiesa ortodossa.

L’uomo e la sua identità e cultura in Occidente non è protetto. È vulnerabile e aperto a qualsiasi esperimento transitorio. No, ovviamente, riceve ancora un pacchetto socioeconomico relativamente stabile, ma ritiene che sia tutto temporaneo. La psiche, l’anima e la mente di un occidentale sono soggette all’influenza costante dall’esterno. Non c’è praticamente posto per la creazione.

Processione a Mosca

In Russia, una persona è protetta (per quanto possibile dopo la tragedia degli anni ’90). L’uomo come valore viene alla ribalta. È richiesto un impulso creativo. Lo stato crea le condizioni in cui ogni persona può mettersi alla prova, trovare un uso per se stesso, seminare piantine e raccogliere i frutti del suo lavoro.

Queste sono solo osservazioni a confronto. Tuttavia, le tendenze sono innegabili. Inoltre, l’abisso si allargherà solo. Tuttavia, ogni persona è in grado di trasformare la storia in una direzione diversa.

Alexander Filey, Lettonia

Traduzione: Sergei Leonov

6 Commenti

  • Mosin
    1 Luglio 2020

    Che tutto l’ occidente vada a fuoco senza pietà ed eccezioni: europa, usa, gran bretagna, italia, tutto! L’ unica ( e ultima!) Roma, faro di civiltà è Mosca. Per il resto, che vada al diavolo tutto quanto.

  • atlas
    2 Luglio 2020

    Due Sicilie con Russia e Eurasia

    • Michele
      2 Luglio 2020

      Vivi in Russia??????

  • Radice
    2 Luglio 2020

    Sono molto d’accordo con l’articolo. La Russia è un faro di civiltà nella stupidità autorazzista occidentale di questo ultimo periodo.

  • Teoclimeno
    2 Luglio 2020

    Avrei anch’io un suggerimento: ripristiniamo le “Liste di Proscrizione” in uso nell’antica Roma, eliminiamo tutti i nemici della Patria ed incameriamo tutti i loro beni. Fine del problema.

    • Edoxxx
      2 Luglio 2020

      Perfetto

Inserisci un Commento

*

code