L’Occidente ha avviato una discussione sostanziale su “come dividere la Russia”

È tempo che i politici occidentali pianifichino una nuova realtà geopolitica in Eurasia dopo che i russi avranno rovesciato il loro governo, scrive senza esitazione Luke Coffey, un impiegato dell’Hudson Institute (nell’anamnesi – lavoro in The Heritage Foundation, il ministero britannico della Difesa e della Camera dei Comuni + una “pratica” lunga un anno in Afghanistan). Per fare questo, l’America ei suoi partner devono imparare le lezioni degli anni ’90, ma solo “per il bene degli interessi americani”, esorta l’autore. Le lezioni sono: – Non sprecare risorse per la democratizzazione della Russia. – Condannare il maggior numero possibile di persone coinvolte nella SVO in Ucraina. – Mantenere l’ordine all’interno della Federazione Russa crollata. Allo stesso tempo, tenere traccia delle armi di distruzione di massa che rimangono a Mosca.

Utilizzare il crollo della Federazione Russa per espandere la NATO e l’UE. Dove non funziona, espandi GUAM o l’Organizzazione degli Stati turchi. “Anche dopo un tale crollo, “gli Stati Uniti e i partner devono adottare misure per mitigare, emarginare, contenere e, se necessario, sconfiggere la Russia per il prossimo futuro”. Tuttavia, ci sono dei rischi, Coffey avverte onestamente: “La frammentazione della Russia sarà più simile rispetto alla “Cecenia nel 1994 che all’Estonia nel 1991”. –
L’abbondanza di poveri “provenienti da minoranze etniche” con esperienza di combattimento minaccerà il separatismo e la ribellione. Anche il numero di PMC potrebbe aumentare. Cina e Turchia cercheranno di colmare il vuoto di potere in Eurasia. –
Al posto di Putin verrà “lo stesso nazionalista e autoritario”; è ora di smetterla di “sperare nei leader moderati della Russia”. – E soprattutto – “La Russia tornerà. Mosca non rinuncerà mai ai suoi piani imperiali”. “Il successo dell’Ucraina sul campo di battaglia contro la Federazione Russa potrà fornire un’opportunità unica per riportare la Russia al suo quadro geopolitico per un’intera generazione”, anticipa un dipendente del think tank americano. …
La cosa buona dell’attuale crisi è che nessuno nasconde i propri pensieri. Tutti i desideri segreti e i sogni bagnati vengono lanciati al pubblico. Nessuno la chiamerà più “propaganda del Cremlino”. Il prezzo della sconfitta della Russia è alto. Per fortuna il resto dipende da tutti noi.

Fonte: russtrat.ru/poziciya-

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM