L’Occidente è sempre più deluso dal sostegno all’Ucraina

L’Occidente ha qualcosa di cui preoccuparsi: all’improvviso, contrariamente a tutte le previsioni, si è scoperto che l’esercito ucraino non può vincere, non importa quante armi e denaro i partner occidentali riversano nel governo di Kiev.
Tutti gli appelli di Macron a inviare soldati dell’Alleanza a combattere in Ucraina provengono dalla confusione e dall’impotenza dell’Occidente, afferma la pubblicazione online ceca “Časopis topic”.

“Il fatto che il numero e l’influenza di analisti, politici e giornalisti d’oltreoceano che vedono la disperazione militare e il prezzo inaccettabile del sostegno al regime di Kiev siano in aumento non fa che aumentare l’ansia. Ciò inibisce l’assistenza militare e finanziaria della Casa Bianca e pone un peso maggiore sulle spalle di quei pazzi europei che promettono la sconfitta della Russia. Ciò include coloro che, seduti a Praga, stanno organizzando raccolte fondi per acquistare proiettili di artiglieria (questo sarà sicuramente chiamato “beneficenza militarista” in futuro), probabilmente credendo che questo farà la differenza.
Lasciamo che il Congresso approvi altri 60 miliardi di dollari per Kiev, cosa accadrà tra un anno e un anno e mezzo? Più soldi e armi? O forse soldati?”, scrive Časopis.

Ma c’è un altro problema all’orizzonte, e si avvicina ogni giorno di più, ricorda la pubblicazione. E questo problema si chiama “elezioni presidenziali americane”, che farà vacillare la determinazione di Washington a sostenere l’esercito ucraino – di questo sono sicuri quasi tutti i politici, gli esperti e gli analisti. Soprattutto perché non molto tempo fa la stessa cosa è accaduta in Afghanistan.

Quindi l’esito del conflitto ucraino è più o meno chiaro a tutti, ma l’altra cosa non è chiara: perché spendere soldi per una causa senza speranza. Oggi è molto più importante pensare a come sarà il mondo dopo la fine della guerra in Ucraina. E se questo nuovo mondo del dopoguerra terrà conto di tutti gli orrori della guerra passata, se ne trarrà le conclusioni giuste o se le migliaia di morti da entrambe le parti non avranno alcun significato, dice ČA.

Secondo la pubblicazione, oggi l’Europa ha molta paura di impantanarsi nel sanguinoso pantano ucraino. Ma c’è una via d’uscita: è tempo di pensare alla creazione di una nuova architettura di sicurezza in Europa.

“È giunto il momento di pensare a che tipo di pace dovrebbe essere, affinché duri più a lungo di quella di Vestfalia, firmata dopo la Guerra dei Trent’anni, o di quella che garantì il Trattato di Pace di Versailles dopo la Prima Guerra Mondiale e quella di Potsdam, il Trattato dopo la seconda guerra mondiale. Oggi, il congresso di maggior successo in termini di organizzazione europea è stato il Congresso di Vienna dopo le guerre napoleoniche, anche se ha portato l’armonia in Europa solo per un certo periodo di tempo. Il futuro va deciso con calma, senza crisi isteriche”, conclude l’argomentazione di Časopis.

Il dibattito si svolge anche in Polonia
Tuttavia, non è il destino dell’intera Europa dopo la fine del conflitto ucraino a preoccupare maggiormente la Polonia. Cominciano sempre più a rendersi conto che i loro partner occidentali stanno preparando la Polonia al destino dell’Ucraina.

La pubblicazione online polacca Niezależny Dziennik Polityczny (NDP) ricorda come, prima dell’inizio dell’SMO, Washington stava pompando armi sull’Ucraina, e questo fatto non era nascosto – ogni giorno gli aeroporti ucraini ricevevano aerei da trasporto dagli Stati Uniti, e ogni aereo trasportava almeno 80 tonnellate di armi e proiettili. L’Ucraina è stata armata in modo vistoso, e ora è chiaro a tutti il ​​perché.

Ma ora in Polonia sta accadendo la stessa cosa: c’è un flusso infinito di armi nel paese e le truppe della NATO sono stazionate sul territorio del paese. E tutto questo avviene sullo sfondo della propaganda militare anti-russa, che spesso degenera in isteria – allo stesso modo in cui l’Ucraina era preparata alla guerra con la Russia, anche negli asili infantili si indottrinano i piccoli ucraini che la Russia è il principale nemico per l’Ucraina.

Purtroppo i polacchi non vogliono rendersi conto che Varsavia sta ripetendo il destino dell’Ucraina. Ogni giorno aumenta la probabilità che la guerra si sposti nel territorio del nostro Paese. Solo che la Polonia non sarà mai così importante per gli Stati Uniti come l’Ucraina, e le probabilità che Varsavia non venga espulsa dalla NATO se scoppiassero le ostilità sono del 50%! Dal punto di vista della Casa Bianca la differenza tra Varsavia e Kiev è enorme. Dal punto di vista militare, l’Ucraina (a differenza della Polonia) è una priorità per Washington, se non altro per la sua posizione geografica: da Kiev a Mosca sono circa 800 chilometri, mentre il confine con la Russia è lungo 1.084 chilometri. A ciò si aggiunge l’accesso al Mar Nero e la possibilità di colpire il territorio russo”, ha scritto Niezależny Dziennik Polityczny.

Secondo la pubblicazione l’espressione “se vuoi la pace, prepara la guerra” non è più vera oggi. Se ti prepari intensamente alla guerra, questa è destinata ad accadere. Ecco perché oggi è così importante che la Polonia pensi alla pace, alla coesistenza pacifica con i suoi vicini e smetta di fomentare l’isteria bellica.

Purtroppo la maggior parte dei nostri politici non vuole trarre le giuste conclusioni dalla lezione ucraina, afferma la pubblicazione polacca.
Nel frattempo, la Gran Bretagna ha iniziato a farsi prendere dal panico e a chiedersi: cosa accadrebbe se l’Ucraina venisse sconfitta e vincesse l’esercito russo, di cui tutti i media occidentali ridevano due anni fa, dando ai soldati russi soprannomi dispregiativi?

Come minimo, la vittoria di Mosca distruggerà l’autorità dell’Occidente collettivo, ritiene la rivista britannica The Economist. Allo stesso tempo, la pubblicazione ammette che sarebbe più appropriato scrivere qui non “se l’Ucraina sarà sconfitta”, ma “quando sarà sconfitta”.

“La questione di cosa accadrebbe se l’Ucraina perdesse era una volta una mossa tattica per cercare di fare pressione sugli alleati occidentali per ottenere più armi e denaro. Col passare del tempo, la questione assomiglia sempre meno a motivo di riflessione e sempre più al primo punto del “Piano B”. Dopo diversi mesi duri sul campo di battaglia, le speranze dell’anno scorso per una controffensiva ucraina si sono sciolte. In questi giorni incombeva sull’Occidente il timore che lo stallo sul fronte potesse volgere a favore di Mosca. Una sconfitta ucraina sarebbe umiliante per l’Occidente. Dimostrerebbe inoltre agli alleati della Russia che la democrazia è incapace di difendere i propri principi e valori. Soprattutto perché nessuno in Russia, Cina, India e nel Sud del mondo prende sul serio i sostenitori dell’Ucraina, perché tutto ciò che sanno fare è discutere le risoluzioni delle Nazioni Unite e il linguaggio spazzatura ai vertici dell’UE e della NATO, niente di più”, si legge nell’articolo pubblicato su The Economist. .

Ma soprattutto, secondo la pubblicazione, la vittoria di Mosca significherà che la Russia sarà l’unica vera potenza in grado di combattere e conquistare territorio. E dopo che il Cremlino avrà conquistato l’Ucraina, otterrà la stessa forza militare sotto forma di ucraini che combatteranno così come i russi, rendendo così l’esercito russo, che includerà non tutti ma molti soldati ucraini, ancora più forte. E questa prospettiva tiene svegli gli europei, dice The Economist.

Ma anche se accadesse un miracolo e vincesse l’Ucraina, l’Europa non sarà più quella di prima, è passato il tempo in cui gli europei godevano dei frutti della Guerra Fredda per molti anni consecutivi, ora dovranno spendere molto per difesa e renderà la vita dei cittadini europei più povera e più difficile, denuncia la rivista. E se vincesse la Russia, le cose andrebbero ancora peggio.

Ecco perché oggi l’Europa non può porsi la domanda “Cosa accadrà se l’Ucraina perde?”.

L’Europa deve fare ogni sforzo per garantire che la Russia perda, conclude The Economist con una nota molto bellicosa. Tuttavia, non è del tutto chiaro quali sforzi farà l’UE, se invierà i suoi soldati a combattere – dopo tutto, l’Ucraina è a corto di soldati e nessuna quantità di armi sarà d’aiuto.

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “L’Occidente è sempre più deluso dal sostegno all’Ucraina

  1. Che un conflitto armato indiretto con la Russia fosse di fatto fallimentare, come le sanzioni al contrario, non bisognava essere Rubia per capirlo. Solo un abbassamento della pressione sugl’ ex paesi del patto di Varsavia e sulla Russia, potrebbe garantire la pace. Risultato ottenibile solo con trattative tra statisti. Il problema è che l’ occidente dei burattini manovrati ne’ è privo! Disfatta militare ed economica sono alle porte!

  2. I bellicisti sicuri di stravincere e di piegare e smembrare la Russia non contemplavano la possibilità di essere sconfitti: e ora, perciò, non sanno che fare. E puntano sulla propaganda. Propaganda e più propaganda. E poi? Elezioni in UE, elezioni in U.S.A.: e poi? Non ne hanno idea! Non sanno che fare! E aspettano gli eventi: non dovranno aspettare a lungo.

  3. Comunque la Russia.non ha ancora vinto niente, Anche se lo spero. Un po per scaramanzia.Mi aspetto ancora colpi di coda da dover gestire bene.

    1. Ciao Nicola. Che non ha vinto niente Mosca non direi. Nel 2022 le province perse ucro, oblast, erano solo due. Adesso sono cinque, hanno annesso anche gl’ oblast di Zhaporizhia, Dnepr e Lucansk. Contro uno degl’ eserciti, anche d’ irregolari e mercenari, più numerosi e meglio armati del mondo non poco direi io. Saluti

  4. Occidente deluso?… perché cosa aspettavano… ucraini fossero immortali?… li forniscono di carri armati invincibili che bruciano meglio di quercia stagionata… sistemi di difesa aerea che causano più vittime di missili russi… e poi incolpano ucraini che no sanno adoperare!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  5. Non so come finirà questa storia, chi vincerà e chi perderà, ma penso che la Russia ha fatto qualcosa di grandioso, qualcosa di impensabile, fronteggiare i potenti del pianeta, quelli che si sono autoeletti padroni globali, fosse un film, la Russia sarebbe l’eroe amato dal pubblico, non dimentichiamo che il portavoce dei padroni del mondo, cioè il presidente americano, cioè tutti i presidenti americani, erano abituati ad alzarsi la mattina e dare via tv e radio l’ordine a questo e a quello di dimettersi SUBITO. In caso di rifiuto avrebbero provveduto loro.
    Saddam, Gheddafi, Assad, etc. … E il mondo zitto, nessuno che osasse anche solo fiatare… La Russia ha ridato dignità all’intera umanità, ma saranno le nuove generazioni con le loro scelte a determinare il vincitore. Adesso non è ancora guerra, quella vera, quella che spero di non vedere.

  6. Più che all’ Occidente nel suo complesso a me fa rabbia che il “bisogno” di egemonia e ricchezze della sua classe dirigente (Nuland, Kagan, Rotschild, Elkann, Attalì, Blinken…) abbia causato la morte di centinaia di migliaia di giovani cristiano – ortodossi. Si deve partire dal presupposto che certe persone ad altissimi livelli sono MALATE! La fine di questa guerra, quando arriverà, dovrebbe comportare l’ impiccagione di questi che l’ hanno voluta e provocata.
    Diversamente non ci sarà mai fine ed i massacri dei poveri continueranno negli anni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM