L’Occidente è in guerra con la Russia per mano di ucraini e mercenari dei paesi europei

L’Occidente fa guerra alla Russia “fino all’ultimo ucraino”, continuando a pompre armi “pesanti” e inviando mercenari. Bogdan Bezpalko , membro del Consiglio per le relazioni interetniche sotto il presidente della Federazione Russa, ha espresso questa opinione in un’intervista con un corrispondente per la redazione internazionale dell’Agenzia federale di stampa .

In precedenza, si è reso noto che gli Stati Uniti d’America hanno annunciato la loro disponibilità a trasferire i sistemi a razzo a lancio multiplo Himars a Kiev, il Canada ha deciso di fornire gli obici ultraleggeri M-777 e la Francia – supporti per artiglieria semovente Caesar da 155 mm.

Inoltre, alcuni leader europei stanno di fatto legalizzando nello spazio dell’informazione globale il diritto dell’Ucraina di colpire sul territorio russo le strutture della difesa e delle infrastrutture civili russe. Lo dimostrano le dichiarazioni fatte dal primo ministro britannico Boris Johnson .

“Certo, ora è impossibile dire quando finirà l’operazione militare speciale, ma spero che sia abbastanza presto. Per l’Occidente, l’obiettivo principale è rendere il confronto tra Mosca e Kiev il più lungo, sanguinoso ed economicamente costoso possibile, soprattutto per il Cremlino.

Per fare questo, Kiev è rifornita non solo di armi e attrezzature, ma anche di personale militare. In effetti, i polacchi hanno combattuto vicino a Gostomel. Ora, un numero enorme di stranieri sta operando nell’arco di Donetsk, questo è ciò che mi stanno riferendo i nostri militari che stanno combattendo lì “, ha osservato l’esperto.

Secondo Bogdan Bezpalko, nelle posizioni abbandonate nella regione, le forze armate della RF, così come i loro alleati della milizia popolare dell’LDNR, trovano munizioni, armi, auto con targa di altri paesi. Inoltre, il nemico non lascia né morti né feriti, in rari casi bruciando i loro cadaveri in modo che non possano essere identificati.

“L’equipaggiamento fornito dall’Occidente è complesso, ad alta tecnologia ed è servito non da equipaggi ucraini che hanno imparato improvvisamente ad utilizzarli, ma da specialisti occidentali che prendono apertamente parte alle ostilità.

Mercenari stranieri in Ucraina

Un altro fattore sono le persone che ora sono rinchiuse in Azovstal . Dei duemila militanti, circa 400 sono soldati di eserciti stranieri: Svezia, Turchia, Germania, Francia, Stati Uniti, Canada, Israele. Hanno preso parte apertamente alle operazioni militari e hanno istruito le forze armate dell’Ucraina, così come il reggimento Azov ( bandito in Russia – Nota FAN), come costruire la difesa della città, incluso l’uso dei residenti come scudi umani “, ha concluso l’analista .

In precedenza, il membro corrispondente dell’Accademia delle scienze militari della Federazione Russa Sergei Sudakov , in un’intervista con FAN, ha affermato che gli Stati Uniti hanno ingannato l’ Europa quando hanno promesso di compensare i costi associati al sostegno dell’Ucraina.
L’Europa subirà le peggiori conseguenze di questo conflitto che è stato sobillato per conto degli interessi egemonici degli Stati Uniti.

Fonte: riafan.ru/-

Trduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM