L’Occidente e gli USA rischiano di perdere il vantaggio militare su Cina e Russia


L’Occidente sta lentamente perdendo la competizione per preminenza nell’emergente ordine internazionale. La Brexit è solo una manifestazione della crisi di fiducia che avvolge le democrazie liberali assediate da un’ondata crescente di dissenso, insicurezza, identità politica e una perdita di fiducia nelle istituzioni fondative dell’ordine post-seconda guerra mondiale. Ma la costante erosione delle capacità militari statunitensi è ancora più preoccupante perché il tradizionale vantaggio dell’Occidente nel campo del potere militare ha sostenuto queste istituzioni e le loro norme guida. Se l’Occidente perde il suo vantaggio militare, cosa impedirà agli avversari di minare le nostre società e prendere ciò che loro vogliono con pressione o forza?

Alla fine degli anni ’80, Ronald Reagan aveva trasformato l’esercito americano in una forza tecnologicamente superiore estenuando Mosca in una corsa agli armamenti che non avrebbe mai potuto vincere, portando al collasso dell’Unione Sovietica. Ma negli anni seguenti, gli Stati Uniti hanno perso la loro superiorità militare convenzionale nella guerra globale al terrore e nel drenare i conflitti in Afghanistan e nel Medio Oriente, senza riuscire a ricapitalizzare e innovare per le guerre del futuro o prepararsi all’inevitabile aumento di concorrenti autoritari.

Sebbene includano potenze regionali ostili come l’Iran e la Corea del Nord con armi nucleari, la sfida maggiore è rappresentata da Cina e Russia. Entrambi hanno riversato enormi risorse in programmi di modernizzazione della difesa decennali, migliorando drammaticamente le loro capacità militari e la portata strategica. Il risultato è un cambiamento potenzialmente rivoluzionario nell’equilibrio globale del potere a favore di quelle che l’Occidente considera le autocrazie.

La Cina raggiungerà presto la parità militare con gli Stati Uniti in Asia. La maggior parte degli esperti di difesa ritiene che ciò si verifichi probabilmente intorno al 2025. Altri, come l’ex comandante supremo della NATO James Stavridis, ritengono che l’Esercito popolare di liberazione abbia già raggiunto un’effettiva parità. E la Russia, sebbene chiaramente superata dagli Stati Uniti a livello globale, è in una buona posizione per raggiungere la superiorità locale sulla NATO in ogni crisi regionale di breve durata che potrebbe svilupparsi lungo la sua periferia eurasiatica.

Questo spostamento nell’equilibrio militare al punto in cui è mette in dubbio che gli Stati Uniti potrebbero prevalere in un conflitto convenzionale con Cina e Russia allo stesso tempo. E Washington potrebbe non essere in grado di sconfiggere né i conflitti regionali vicino a casa, come l’Ucraina e Taiwan, senza rischiare perdite che sarebbero inaccettabili per un elettorato stanco della guerra e politicamente diviso.

Come è arrivato a questo? L’arroganza americana, la tensione eccessiva, l’autocompiacimento, la divisione e il trionfalismo hanno tutti avuto un ruolo insieme a una decisione risoluta di Cina e Russia per rimediare a umilianti sconfitte passate e riaffermarsi come maggiori potenze.

La potenza militare statunitense ha raggiunto il picco alla fine della seconda guerra mondiale. Dal 1939 al 1945 l’esercito passò da una forza di 187.000 a quasi 8,3 milioni di soldati in servizio attivo. Anche la marina e l’aeronautica si espansero esponenzialmente. Alla fine della guerra le navi della 6768 della marina includevano 28 portaerei e 23 navi da guerra, mentre l’aviazione schierava 80.000 aerei, il 41 per cento dei quali era in combattimento. E gli Stati Uniti sono stati l’unica potenza nucleare fino a quando l’Unione Sovietica non ha testato la sua prima bomba atomica nel 1949.

Questi numeri erano ovviamente insostenibili per una forza in tempo di pace. Ma per la maggior parte della Guerra Fredda la forza militare degli Stati Uniti, in particolare la sua capacità di proiettare il potere a livello globale, era superiore a quella del suo rivale più vicino, l’Unione Sovietica, e sminuzzava quella di ogni altra nazione. Questa disparità era ancora più pronunciata all’inizio del secolo, quando gli Stati Uniti guidavano quasi ogni misura significativa del potere militare.

Tuttavia, i semi del declino furono gettati alla fine della Guerra Fredda quando gli Stati Uniti iniziarono a perdere il loro vantaggio nelle principali tecnologie militari e a duplice uso. Dagli anni ’50 alla metà degli anni ’80, gli Stati Uniti sono stati i principali attori di chip per computer, munizioni e spazio guidati con precisione. La ricerca sulla difesa in queste aree ha stimolato i progressi nel settore privato, riducendo i costi, rendendo la tecnologia ampiamente disponibile e riducendo il controllo e il ruolo di guida del Pentagono.

Oggi la maggior parte delle nuove tecnologie di difesa escono dal settore privato e hanno proliferato ampiamente. La Cina e la Russia hanno investito molto nelle tecnologie emergenti con applicazioni militari come robotica, cyber, propulsione elettromagnetica, veicoli ipersonici e intelligenza artificiale, consentendo loro di colmare il divario tra tecnologia militare e Stati Uniti. Il presidente russo Vladimir Putin crede che il paese che riesce a dominare il campo dell’IA “diventerà il governante del mondo”, un sentimento che la sua controparte cinese, Xi Jinping, sembra condividere.

Lo zelo evangelizzatore e di costruzione della nazione dei neoconservatori di George W. Bush, che credevano erroneamente di poter “democratizzare” il Medio Oriente, e la presunta guerra globale al terrore hanno consumato gran parte del surplus di bilancio accumulato sotto le precedenti amministrazioni. Le preziose risorse della difesa sono state reindirizzate verso operazioni antiterrorismo e contro-insurrezionali estremamente costose in spazi non governati in tutto il mondo, consumando gran parte delle attrezzature militari e svuotando gli inventari di munizioni e materiali costosi.

Tra il 2002 e il 2017 gli Stati Uniti hanno speso ben 2.800 miliardi di dollari per finanziare la guerra contro il terrorismo e le guerre di destabilizzazione in Iraq, Afghanistan e Siria, equivalenti al 16% dell’intero bilancio discrezionale del governo. In confronto, si stima che la Seconda Guerra Mondiale sia costata circa 4 trilioni di dollari in dollari di oggi.

Per quasi due decenni l’America ha distolto lo sguardo dal gioco principale mentre la Cina, la Russia e altri potenziali avversari hanno costruito i loro arsenali e cercato di neutralizzare i vantaggi degli Stati Uniti. Ad aggravare questo errore di giudizio, le amministrazioni Bush e Obama hanno sottovalutato la determinazione di Cina e Russia a riaffermarsi in Asia e in Europa.

L’uso eccessivo e il sottoutilizzo delle armi convenzionali hanno indebolito i nervi di questo esercito, una volta impareggiabile, uno sviluppo preoccupante per alleati come l’Australia a causa della sua dipendenza dalla difesa negli Stati Uniti. Il budget della difesa degli Stati Uniti è stato pianificato sotto Barack Obama. I tagli alla difesa forzata da parte del Congresso, noto come sequestro, hanno esacerbato i problemi di finanziamento del Pentagono dal 2013. Nel 2017 l’ex segretario alla difesa degli Stati Uniti Jim Mattis ha dichiarato: “Nessun nemico sul campo ha fatto di più per danneggiare la prontezza al combattimento dei nostri militari che non il taglio delle spese”.

I segni del declino militare americano sono inconfondibili. Due terzi degli aerei da combattimento della marina non possono volare e più della metà degli aerei della marina sono a terra. Le navi, comprese le portaerei e i sottomarini, impiegano più tempo nella manutenzione e meno tempo in mare. Ci sono gravi carenze di personale chiave e nei pezzi di ricambio.

La flotta delle navi cargo affronta la prospettiva di un imminente collasso a causa dell’età avanzata delle navi che verrebbero utilizzate per trasportare fino al 90% delle attrezzature militari e dei corpi marini in caso di un grave conflitto oltreoceano. Solo tre delle 10 divisioni dell’esercito sono pronte al combattimento. Meno della metà degli aerei dei corpi dei marines sono operativi. Anche l’aviazione è nei guai. Poco meno della metà in servizio è stata capace di svolgere missione nel 2016 contro il livello richiesto dell’80%.

Anche gli Stati Uniti stanno esaurendo le bombe intelligenti e le munizioni che hanno iniziato a dilapidare rapidamente in Afghanistan e su altri teatri operativi. Nonostante i piani per investire più di $ 20 miliardi nel loro rifornimento, la contrazione della base industriale della difesa potrebbe non essere in grado di sostituirli rapidamente e altri componenti vitali come motori a razzo solido, batterie termiche, fusibili e piccoli motori a turbina.

Un rapporto della Casa Bianca in ottobre ha identificato più di 300 vulnerabilità specifiche nella base industriale della difesa che vanno dal terreno (materiale di approvvigionamento per costruire tende e uniformi) a quello strategico (terre rare critiche per equipaggiamenti militari di fascia alta come radar, armi ad energia diretta, armi laser, bombe intelligenti e droni). In molti casi i principali o unici fornitori sono cinesi, il che pone gli Stati Uniti nella posizione insostenibile di affidarsi a un potenziale avversario per minerali e componenti fondamentali per le operazioni.

Donald Trump ha iniziato ad affrontare queste carenze autorizzando i due più grandi bilanci della difesa nella storia degli Stati Uniti: $ 700 miliardi nel 2018 e $ 716 miliardi quest’anno. Ma sostenere questi aumenti sarà difficile in quanto il deficit annuale del budget USA si avvicina a $ 1 trilione di dollari incredibili e insostenibili. Gli accresciuti bilanci della difesa di Trump saranno prolungati dall’aumento dei costi del personale e dalla necessità di sostituire i vecchi sistemi legacy (comprese le forze nucleari e missilistiche statunitensi) in concomitanza con l’altrettanto urgente necessità di investire in nuove capacità per affrontare le sfide cinesi e russe.

Il problema di Washington è che non ha le risorse per superare le capacità militari combinate di Cina e Russia e continuare a svolgere il ruolo di poliziotto globale. Trump riconosce questo dilemma, che è una delle ragioni per cui vuole ritirarsi dall’Afghanistan e altri costosi impegni all’estero e tornare a un tradizionale ruolo di bilanciamento offshore che richiede alleati e delegati a fare più del pesante sollevamento regionale.

I rapidi passi militari della Cina stanno portando una nuova urgenza al compito. Il PLA si è trasformato da una forza arretrata e antiquata in un rivale di pari livello nello spazio di 20 anni ed è sulla soglia di diventare una potenza militare a spettro completo. Questo risultato è stato ottenuto grazie a un’infusione massiccia e prolungata di denaro ea una strategia intelligente e ben implementata che promette di realizzare il sogno del presidente Xi di un PLA completamente aggiornato entro il 2035 in grado di dominare il Pacifico occidentale e di proiettare il potere a livello globale.

Mentre le cifre principali mostrano che il budget della difesa di Trump è più grande di quello dei prossimi sette paesi, combinando la Cina in eccessi di oltre tre a uno, la differenza effettiva è molto inferiore perché la Cina ottiene un botto operativo molto più alto per lo yuan. È stato in grado di scavalcare le vecchie tecnologie, imparare dagli errori degli altri, comprare o rubare le ultime tecnologie ed evitare conflitti stranieri debilitanti e costosi. Inoltre, il suo budget ufficiale per la difesa del 2018 di $ 175 miliardi non include molti articoli regolarmente inclusi nell’equivalente statunitense, come il costo di acquisto di armi e attrezzature straniere e la ricerca e lo sviluppo nel settore della difesa. Quello che sappiamo è che la Cina ha aumentato le spese per la difesa del 356% tra il 2001 e il 2017,

Di conseguenza, il paese vanta già la forza più grande al mondo di missili balistici e da crociera armati convenzionalmente. Per quanto riguarda le tendenze attuali, la marina cinese avrà circa lo stesso numero di navi da guerra degli Stati Uniti entro il 2021, ma con una proporzione maggiore di navi moderne. La sua flotta di sottomarini è già più grande di quella degli Stati Uniti e la marina è sulla buona strada per avere sei portaerei entro il 2030, il che consentirebbe di schierare quattro potenti gruppi portanti per sostenere le rivendicazioni territoriali di Pechino nei mari dell’est e del sud della Cina.

L’esercito è stato ridimensionato e modernizzato mentre l’aviazione, che è ancora in ritardo rispetto all’America, sta acquisendo rapidamente capacità avanzate.

Ciò significa che le forze statunitensi schierate in avanti in Giappone, Corea del Sud, Guam e persino nelle Hawaii sono ora vulnerabili agli attacchi di bombardieri cinesi e missili lanciati dalla terraferma, isole di guarnigione nel Mar Cinese Meridionale e la flotta cinese.

Darwin è uno dei pochi posti nel Pacifico occidentale dove le forze statunitensi possono operare in relativa sicurezza. Ma non si può dire lo stesso di Taiwan, che è il punto focale del riarmo della Cina. Molti analisti ritengono che i progressi militari della Cina renderanno estremamente difficile per gli Stati Uniti difendere Taiwan da un attacco cinese senza ricorrere alle armi nucleari.

Forse la più grande minaccia alla preminenza militare degli Stati Uniti è l’approccio strategico unico della Cina allo sviluppo delle tecnologie e delle capacità abilitanti cruciali per il futuro status di grande potere in contrasto con l’approccio statunitense disarticolato e controverso degli Stati Uniti.

Cinam sfilata missili

Lo spazio è illustrativo. Un tempo neofita dello spazio, il recente sbarco di un esploratore lunare sul lato oscuro della luna è stata una dimostrazione impressionante della determinazione della Cina a diventare la potenza spaziale di questo secolo. Viceversa, la tanto sospirata forza spaziale del Presidente degli Stati Uniti è improbabile che possa scendere dalla rampa di lancio a causa dell’opposizione del Congresso. Lo sbarco sulla Luna cinese è il risultato di obiettivi chiari, finanziamenti sostenuti e stabilità programmatica, mentre la politica spaziale statunitense non è focalizzata e cresce e cala con la marea politica.

Inoltre, Trump non può concentrarsi solo sulla Cina. Ha anche a che fare con un esercito russo ringiovanito e dotato di capacità nucleare. Con un’economia delle dimensioni del Texas e una popolazione in diminuzione, che invecchia, la Russia non rappresenta più una minaccia globale per gli Stati Uniti. Ma Putin ha rinforzato la cooperazione militare con la Cina come mezzo di bilanciamento contro gli Stati Uniti e la NATO in Europa, sfruttando la crescente forza militare della Cina.

Prendendo spunto dal libro dei giochi cinesi, Putin ha anche ricostruito assiduamente un esercito decimato dal crollo dell’Unione Sovietica, concentrando le sue limitate risorse sullo sfruttamento delle vulnerabilità statunitensi ed europee e sviluppando selettivamente capacità hi-tech come i missili ipersonici e le armi cibernetiche.

Tra il 2000 e il 2016 la spesa annua della difesa russa è passata da $ 20 a $ 69 miliardi (misurati in dollari del 2016). Nel suo punto più alto, questo ha rappresentato oltre il 4 per cento del PIL. Gran parte di questo denaro è stato speso in modi strategicamente astuti, causando problemi ai pianificatori della difesa statunitensi ed europei. Nonostante un colpo al bilancio negli ultimi tre anni a causa della caduta del petrolio e del gas, Mosca prevede ancora di spendere altri $ 700 miliardi nel prossimo decennio.

Come un piccolo gatto inarcando le spalle per spaventare grandi cani e gatti, Putin si vanta regolarmente delle capacità militari del suo paese e snocciola la gabbia degli avversari minacciando di usare armi nucleari se i principali interessi della Russia sono minacciati.

Ciò ha reso gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO più cauti nel rispondere alle provocazioni russe in Ucraina e nel Caucaso. Per molti anni il bluff è riuscito come i politici statunitensi caratterizzavano la Russia come una minaccia più grande della Cina, un giudizio imperfetto che è stato solo ora rettificato dalla designazione dell’amministrazione Trump della Cina come suo principale rivale.

Nulla di ciò suggerisce che i militari cinesi e russi siano alti 10 piedi o che l’esercito americano sia sull’orlo del collasso. L’America continua a guidare su indicatori più importanti della forza militare.

David Ochmanek, ex alto funzionario della difesa degli Stati Uniti, ritiene che molti dei problemi che affliggono il Pentagono potrebbero essere risolti con un modesto e sostenuto aumento della spesa mirata alla difesa di circa US $ 55 miliardi l’anno, equivalente a non più dello 0,3 per cento del PIL.

Ma il divario con la Cina, e in misura minore con la Russia, si è ristretto al punto in cui, a meno di una guerra a tutto campo, la supremazia militare statunitense e occidentale non può più essere assunta in diversi punti strategici regionali, specialmente nelle zone marittime occidentali Pacifico, dove una volta la flotta degli Stati Uniti governava le onde.

La dura realtà è che, anche se fossero state implementate tutte le raccomandazioni per migliorare l’esercito contenute nella strategia di difesa nazionale del 2018, queste non avrebbero ripristinato la schiacciante superiorità militare convenzionale di cui Washington aveva goduto.

(Fonte: The Australian) – Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Mardunolbo
    27 Gennaio 2019

    Ma poveri Serpenti Uniti ! Che grave disagio militare ! Proprio l’articolo giusto per convincere gli americojons ad investire ancor più nella richiesta e pianificata superiorità militare…

  • SU 35
    27 Gennaio 2019

    articolo che parte da presupposti falsi fornendo poi informazioni non vere, come che la russia abbia investito somme immense nel riarmarsi. La realtà è che la corruzione USA sta drenando unorme risorse al bilancio che è poi il motivo reale per cui gli USA stanno aggredendo tutti gli stati che possono e continuamente perdono anche perchè il loro scopo non è vincere quello che non potrebbero mai governare ma perpetrare questa condizione di guerra non guerra per potere, gli strati sociali parassitari americani, le enormi risorse finanziarie dei loro bilanci.

  • nicholas
    27 Gennaio 2019

    L esercito Usa è composto in maggioranza da cecche e drogati(a parte i pochi reparti speciali).
    Ma dove vorrebbero andare.
    In Europa, per ringiovanire l’esercito stanno facendo entrare gli africani.

Inserisci un Commento

*

code