L’Occidente collettivo è vicino alla fine di un ciclo? O siamo ancora nel mezzo di questo? Potrebbe essere un punto di svolta storico?

La domanda posta a questo punto è: l’Occidente collettivo si sta avvicinando alla fine di un ciclo? O siamo ancora nel mezzo di tale ciclo? Si tratta di un mini-ciclo di quattro generazioni o di un punto di svolta storico?

La comprensione russo-cinese e l’insoddisfazione tettonica globale per l ‘”ordine basato sulle regole” – che segue una lunga traiettoria di disastri, dal Vietnam all’Ucraina all’Iraq – è sufficiente per portare l’Occidente alla fase successiva del cambiamento ciclico, dall’apogeo alla disillusione, ritiro ed eventuale stabilizzazione? O no ?

Un importante punto di svolta è tipicamente un periodo storico in cui tutte le componenti negative dell’era precedente “entrano in gioco” – tutte in una volta e tutte insieme; e dove una classe dirigente ansiosa ricorre a una diffusa repressione.

Gli elementi di queste crisi di inflessione sono oggi presenti ovunque: una profonda scissione negli Stati Uniti; proteste di massa in Francia e in tutta Europa. Una crisi in Israele. Economie traballanti e la minaccia di una crisi finanziaria, ancora indefinita, che gela l’atmosfera.

Eppure la rabbia esplode all’idea stessa che l’Occidente sia in difficoltà, che il suo “momento di gloria” debba lasciare il posto ad altri, ad altre culture e ad altri modi di fare le cose. La conseguenza di un tale momento intermedio è stata storicamente caratterizzata dall’irruzione del disordine, dal crollo delle norme etiche e dalla perdita di presa su ciò che è reale: il nero diventa bianco, il bene diventa male, l’alto diventa basso.

Eccoci qui – afflitti dall’ansia e dalla disperazione dell’élite occidentale di far girare le ruote della “vecchia macchina”, i cui nottolini si aprono e si chiudono rumorosamente e le cui leve si innestano e si disinnestano – tutto per dare l’impressione di un movimento in avanti quando in verità praticamente tutta l’energia occidentale si consuma solo per mantenere il meccanismo in posizione verticale rumorosamente ed evitare che si fermi e disfunzioni.

Questo, quindi, è il paradigma che governa la politica occidentale oggi: il raddoppio dell’ordine basato sulle regole senza alcun piano strategico di ciò che dovrebbe ottenere – in realtà, nessun piano, tranne le dita incrociate che qualcosa di vantaggioso per l’Occidente emerga, ex machina. Le varie “narrazioni” di politica estera (Taiwan, Ucraina, Iran, Israele) non contengono molto di concreto. È una linguistica intelligente, fa appello all’emozione, senza alcuna sostanza reale.

Tutto questo è difficile da assimilare per chi vive fuori dall’Occidente. Essi, infatti, non si confrontano con la ripetizione

Altre nazioni che non sono influenzate da questa ideologia (vale a dire, appunto, paesi non occidentali) sono perplesse. La guerra culturale dell’Occidente difficilmente colpisce culture diverse dalla sua. Eppure, paradossalmente, domina la geopolitica globale – per ora.

Il “sapore” odierno si chiama “nostra” democrazia liberale – “nostra” intendendo la sua connessione con un insieme di precetti che sfidano una chiara definizione o nomenclatura; ma una democrazia che dagli anni ’70 è scivolata in una radicale ostilità nei confronti del patrimonio culturale tradizionale europeo e americano.

Ciò che è singolare nell’attuale ricostruzione è che mentre la Rivoluzione francese mirava a raggiungere l’uguaglianza di classe, a porre fine alla divisione tra l’aristocrazia e i suoi vassalli, “il liberalismo rappresenta oggi una modifica dell’ideologia” che, secondo lo scrittore americano Christopher Rufo , “ dice che vogliamo categorizzare le persone sulla base dell’identità di gruppo e quindi equiparare i risultati su ciascun asse – principalmente l’asse economico, l’asse della salute, l’asse dell’occupazione, l’asse della giustizia penale – e quindi formalizzare e applicare un criterio generale di livellamento ”.

Vogliono un livellamento democratico assoluto di tutte le disparità sociali – anche tornando indietro nella storia, alle discriminazioni e alle disuguaglianze storiche – e vogliono che la storia venga riscritta per evidenziare queste antiche pratiche in modo che possano essere eliminate dall’imposizione della discriminazione inversa.

Qual è il rapporto con la politica estera? Bene, praticamente tutto assieme (fintanto che il “nostro” liberalismo mantiene la sua presa sul quadro istituzionale occidentale).

Tieni presente questo contesto quando pensi alla reazione dei politici occidentali agli eventi, ad esempio, in Medio Oriente o in Ucraina. Sebbene l’élite cognitiva affermi di essere tollerante, inclusiva e pluralista, non accetta la legittimità morale dei suoi oppositori. Ecco perché negli Stati Uniti – dove la guerra culturale è più sviluppata – il linguaggio utilizzato dagli operatori di politica estera è così intempestivo e provocatorio nei confronti degli Stati che non rispettano le regole.

Sta di fatto che, come ha sottolineato il professor Frank Furedi , il “timbro” contemporaneo non è più solo quello di un avversario, ma quello di un’egemonia incrollabile. Non è una “svolta”. Questa è una rottura: la determinazione a sostituire altri insiemi di valori con un “ordine basato su regole” di ispirazione occidentale.

Essere un “liberal” (in questo senso strettamente ristretto) non è qualcosa che si “fa”, è ciò che si “è”. Pensiamo “come dovrebbe” e parliamo “come dovrebbe”. La persuasione e il compromesso riflettono solo debolezza morale in questa visione. Chiedilo ai neoconservatori americani!

Siamo abituati a sentire i funzionari occidentali parlare di “ordine basato su regole” e sistema multipolare come rivali in un nuovo quadro globale di intensa “competizione”. Tuttavia, ciò significherebbe fraintendere la natura del progetto “liberale”. Non sono rivali: non possono esserci “rivali”; possono essere solo altre società recalcitranti che hanno rifiutato l’analisi e la necessità di sradicare tutte le strutture culturali e psicologiche di disuguaglianza nei propri domini. (È così che la Cina viene perseguita per le sue presunte mancanze nei confronti degli uiguri).

Il privilegio cognitivo della “consapevolezza” è alla base del “doppio gioco” dell’Occidente nell’imporre un ordine mondiale basato su regole: nessun compromesso. L’impresa morale è più legata al suo alto status morale che all’accettazione o alla gestione, ad esempio, di una sconfitta in Ucraina.

Proprio ieri, Bank of America a Londra è stata costretta a interrompere una conferenza online di due giorni sulla geopolitica e a scusarsi con i partecipanti a seguito dell’indignazione per i commenti di un relatore, ritenuti “filo-russi” da alcuni partecipanti.

Cosa è stato detto? Le osservazioni del professor Nicolai Petro durante la sessione in cui ha affermato: ” Qualunque sia lo scenario, l’Ucraina sarebbe la schiacciante perdente della guerra: la sua capacità industriale sarebbe devastata… e la sua popolazione si ridurrebbe man mano che le persone se ne andrebbero Se questo è ciò che si intende per rimuovere la capacità dell’Ucraina di fare la guerra contro la Russia, allora [la Russia] avrà vinto ”. Il professor Petro ha aggiunto che il governo degli Stati Uniti non ha alcun interesse in un cessate il fuoco, poiché ha molto da guadagnare da un conflitto prolungato.

Nessun compromesso è consentito. Parlare in questo modo, abitare la moralità occidentale creando “cattivi”, è chiaramente più importante che confrontarsi con la realtà. I commenti del professor Petro sono stati condannati come “ripetizione dei punti di discussione di Mosca”.

Eppure questi rivoluzionari culturali incappano in una trappola, scrive Christopher Rufo:
“ Il loro compito non è facile. È molto difficile e, in effetti, penso che sia in qualche modo impossibile. Se guardi alla rivoluzione culturale cinese degli anni ’60, vedrai che avevano un programma di livellamento economico e sociale più totalitario e radicale di qualsiasi cosa fosse accaduta in passato. Tuttavia, dopo il crollo della rivoluzione, dopo il periodo di ridimensionamento, gli scienziati sociali hanno esaminato i dati e hanno scoperto che una generazione dopo quelle disuguaglianze iniziali si erano stabilizzate… Il fatto è che il livellamento forzato è molto sfuggente. È molto difficile ottenere questo risultato, anche se lo fai con la punta di una lancia o di un fucile ”.

Poiché il progetto di livellamento è essenzialmente nichilista, è catturato dal lato distruttivo della rivoluzione: i suoi autori sono così assorbiti dallo smantellamento delle strutture che non si preoccupano della necessità di pensare alle politiche prima di intraprenderlo. Questi ultimi non sono in grado di fare politica, di farla “funzionare”.

Pertanto, l’insoddisfazione per la catena di fallimenti della politica estera occidentale sta crescendo. Le crisi si stanno moltiplicando, sia numericamente che nelle diverse dimensioni della società. Forse stiamo per cominciare ad attraversare il ciclo – verso la disillusione, il ritiro e la stabilizzazione; lo stadio che precede la catarsi e il rinnovamento finale. Eppure sarebbe un errore sottovalutare la longevità e la tenacia dell’impulso rivoluzionario occidentale.

La rivoluzione non opera come movimento politico esplicito. Opera lateralmente attraverso la burocrazia e filtra il suo linguaggio rivoluzionario attraverso il linguaggio terapeutico, il linguaggio pedagogico o il linguaggio del dipartimento delle risorse umane aziendale ”, scrive il professor Furedi. “ Poi stabilisce il potere in modo antidemocratico, scavalcando la struttura democratica: usando questo linguaggio manipolatore e morbido – per portare avanti la rivoluzione all’interno delle istituzioni ”.

Alastair Crook

Fonte. Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM