L’Occidente attacca il mondo; il mondo si avvicina alla Russia e alla Cina


di Andre Vltchek.

Francamente e in sintesi: negli ultimi tempi, gli Stati Uniti hanno attraversato diverse linee, commettendo atrocità in molte parti del mondo. In passato, nessun paese avrebbe potuto cavarsela. Tali situazioni porterebbero inevitabilmente alla guerra.

Proteste a Baghdad contro gli USA

Oggi la guerra è “evitata” solo perché il mondo ha troppa paura di Washington e delle sue azioni mafiose. I paesi di tutti i continenti accettano l’anarchia e la brutalit di Washington e dei suoi alleati; amaramente, ma accettano. Quando vengono ordinati, molti di loro cadono in ginocchio, implorando pietà. Se vengono brutalmente attaccati, perdono il coraggio e la forza per reagire.

Nessuna sanzione, nessun embargo è imposto agli Stati Uniti, che sono il più grande trasgressore del diritto internazionale. Non vengono prese misure di ritorsione contro il suo bullismo, i suoi attacchi, le sue operazioni segrete e aperte. L’ONU è diventata lo zimbello di tutti, impotente e irrilevante, sinonimo di interessi occidentali.

Il fatto è che il mondo è spaventato. È pietrificato. Proprio come una piccola creatura è pietrificata e immobilizzata, quando si confronta con un cobra.

Siamo arrivati ​​a questo livello. A livello primitivo, mai visto prima. In passato, le colonie hanno combattuto per l’indipendenza. L’Indocina combatté contro l’Impero occidentale, perdendo milioni di uomini, ma combatté.

Oggi Washington e i suoi alleati commettono crimini e ridono a crepapelle di fronte alle vittime: “E adesso?” Che cosa farai? Mi hai colpito? Basta provare; Brucerò vivi i tuoi familiari, ti spezzerò tutte le ossa ”.

Pensi che sto esagerando? Oh no, per niente! Questo è il livello nel quale l’Occidente è davvero affondato. E quasi nessuno osa parlarne! Tranne … Beh, certo, tranne Russia, Cina, Iran e poche altre nazioni coraggiose.


Ma guarda cosa è successo all’Iran. Questo è solo un esempio della violenza, della follia della politica estera di Washington (se possiamo davvero parlare di politica estera):

L’Iran non ha fatto del male a nessuno, almeno non nella recente storia moderna. Nel 1953, l’Occidente organizzò e realizzò un orribile colpo di stato contro il primo ministro democratico di sinistra Mohammad Mosaddegh. Washington e Londra hanno messo un vero mostro sul trono: lo Shah Reza Pahlavi. Milioni di vite sono state rovinate. Le persone sono state torturate, violentate e assassinate. Poi, nel 1980, l’Iraq è stato armato e scatenato contro l’Iran, ancora dall’Occidente. Di conseguenza, centinaia di migliaia di persone sono morte.

Ma no, non era abbastanza! L’Iran moderno, socialista e internazionalista ha contribuito a difendere l’intero Medio Oriente dal terrorismo che è stato scatenato dall’Occidente e dai suoi alleati nel Golfo. Teheran ha anche collaborato con diversi paesi di sinistra in America Latina, incluso il Venezuela, aiutandoli, tra le altre cose, a costruire alloggi sociali, i media e sviluppare l’industria petrolifera.

L’Iran è quindi diventato l’obiettivo principale degli Stati Uniti e di Israele. Il presidente Trump ha annullato il piano d’azione globale congiunto (JCPOA), un accordo vantaggioso per entrambe le parti. Senza motivo, sono state reintrodotte sanzioni contro l’Iran. Gli alleati dell’Iran in Iraq, Siria, Libano, Yemen e altrove sono stati attaccati da droni e aerei da guerra israeliani e da incessanti bombardamenti sauditi.

Quindi gli Stati Uniti hanno ucciso il più venerabile personaggio militare iraniano, il generale Qassem Soleimani, e lo hanno fatto sul suolo iracheno. Fu un doppio atto di guerra contro l’Iran e l’Iraq, che aveva ufficialmente invitato il generale Soleimani a negoziare il processo di pace con i sauditi.

Quindi è stato messo allo scoperto il vero brigantaggio di Washington.

L’Iran, indignato e in lutto, ha dichiarato che si vendicherà; vendicare l’omicidio del suo eroico comandante, così come gli altri che sono stati uccisi dall’attacco americano vicino all’aeroporto di Baghdad. Trump e il suo entourage hanno immediatamente risposto minacciando l’Iran, dicendo che se avesse osato vendicarsi, avrebbe dovuto affrontare terribili rappresaglie.

Special Forces USA in Siria

Fondamentalmente, gli Stati Uniti affermano di poter uccidere il tuo popolo dove vogliono e, se reagisci, si riservano il diritto di spazzarti via.

Il mondo non ha fatto nulla. Non fa niente. Le Nazioni Unite non stanno prendendo provvedimenti concreti per fermare il più grande tiranno.

Il 4 gennaio 2020, Donald Trump ha twittato in tre messaggi separati, qualcosa che assomigliava vagamente alla lingua delle forze di occupazione tedesche durante la seconda guerra mondiale:

” L’Iran parla in modo molto audace di prendere di mira alcuni beni americani per vendicarsi del fatto che abbiamo liberato il mondo dal loro leader terrorista che aveva appena ucciso un americano e ha ferito gravemente molti altri, senza parlare di tutte le persone che aveva ucciso nella sua vita, tra cui centinaia di manifestanti iraniani di recente. Stava già attaccando la nostra ambasciata e si stava preparando per altri attacchi in altri luoghi.
L’Iran non è stato altro che problemi per molti anni. Lascia che ciò serva da avvertimento che se l’Iran colpisce americani o proprietà americane, abbiamo preso di mira 52 siti iraniani (che rappresentano i 52 ostaggi americani presi dall’Iran molti anni fa), alcuni di altissima importanza per l’Iran e la cultura iraniana, e questi obiettivi, e l’Iran stesso, sarà colpito molto rapidamente e molto duramente. Gli Stati Uniti non vogliono più minacce! “

Menzogne ​​scandalose, manipolazioni di un uomo d’affari primitivo, eletto dal popolo americano per governare il suo paese e il mondo. Un uomo senza cultura (una delle cose che, forse, lo ha reso così popolare tra così tante persone nel suo paese).

Ecco cosa dice in realtà: “Abbiamo rovesciato il tuo governo, abbiamo iniziato una guerra contro di te, abbiamo imposto sanzioni, ti abbiamo impedito di vendere il tuo petrolio e poi abbiamo ucciso il secondo importante per il tuo paese. Tutto questo è molto buono Ma se ti difendi, se hai il coraggio di reagire, di fatto bombarderemo il tuo paese fino a quando non tornerà all’età della pietra, poiché abbiamo bombardato così tanti altri paesi, tra cui Laos, Cambogia e Vietnam ”. Tutto questo perché gli Stati Uniti e l’Occidente in generale credono di essere composti principalmente da persone elette. Sono diversi. Che sono, per definizione, corretti.

Ed è, amici e compagni, la stessa “filosofia” usata dallo Stato Islamico e da Al Qaida. È un fanatismo religioso profondo ed estremista. Poiché gli Stati Uniti usano il fondamentalismo di mercato nelle sue guerre commerciali, applica anche il fanatismo primitivo nel modo in cui tratta il resto del mondo.

In un certo senso, l’ordine mondiale ora assomiglia a quello imposto a Mosul sotto l’occupazione dello Stato islamico.

Dopo l’assassinio del generale Soleimani, il pianeta è esploso con indignazione, tra cui alcuni degli alleati di Washington. Anche Israele ha rifiutato di sostenere gli Stati Uniti in questo caso particolare.

L’UNESCO (che gli Stati Uniti hanno lasciato dopo aver questa riconosciuto la Palestina e rifiutato di seguire il dettato di Washington), ha rilasciato una dichiarazione, riportata da RT :

” Nel frattempo, l’UNESCO ha anche detto agli Stati Uniti di stare alla larga dal patrimonio culturale iraniano, ricordando a Washington che è parte dei trattati che proibiscono esplicitamente di prendere di mira i siti culturali per un certo periodo di tempo. conflitto armato ”.

Ma non è tutto. Non è finita solo con l’Iran.

L’Iraq, oltraggiato per il fatto che l’omicidio degli alleati iraniani è avvenuto sul suo territorio e che alcuni dei suoi abitanti furono anche uccisi durante l’attacco, ha richiesto il completo ritiro delle forze militari americane.

La risposta di Trump:

” Se ci chiedono di andarcene, se non lo facciamo su una base molto amichevole, imponiamo loro sanzioni come non hanno mai visto prima, mai.” Abbiamo una base aerea molto costosa lì. La sua costruzione costava miliardi di dollari. Molto prima del mio tempo. Non andremo via se non ci rimborsano ”.

Ora pensa solo a quello che è successo: l’Iraq ha subito fame e bombardamenti e centinaia di migliaia di persone sono morte a causa dell’uranio impoverito utilizzato nelle testate americane. Poi venne l’invasione americana del 2003. Il paese era completamente in rovina. Una volta orgoglioso l’Iraq, con un indice di sviluppo umano molto elevato (UNDP), praticamente crollato, era divenuto uno stato di accattonaggio. Inoltre, i gruppi terroristici sono stati iniettati nel suo territorio, come lo sono stati in Siria.

E ora il presidente del paese occupante chiede che la vittima, l’Iraq, paghi effettivamente le basi militari costruite sul suo territorio?

Naturalmente questo è completamente folle, grottesco, ma nessuno ride, proprio come nessuno vomita pubblicamente.

E queste tattiche mafiose hanno dato i loro frutti, finora. L’Iraq, che alla fine ha osato sollevarsi, urlando “basta”, dopo l’occupazione, ha iniziato a ritirarsi. L’ufficio di Abdul Mahdi ha rilasciato una dichiarazione:

” Il Primo Ministro ha sottolineato l’importanza della cooperazione reciproca per attuare il ritiro delle truppe straniere, in conformità con la risoluzione del parlamento iracheno, e per stabilire relazioni con gli Stati Uniti su solide basi “.

Naturalmente, le minacce americane e i carri armati americani sul territorio iracheno hanno spaventato troppe persone a Baghdad.

Le forze di occupazione americane non hanno mai portato nulla di buono alle loro vittime.

Il miglior esempio è l’Afghanistan, un paese socialista un tempo orgoglioso, in cui donne e uomini godevano di pari diritti. Dopo decenni di occupazione americana e NATO, questo paese è il più povero del continente asiatico e quello con la più breve aspettativa di vita.

Ci ho lavorato diverse volte e sono rimasto scioccato dalla bestialità della legge americana. Donne in burqa che chiedono l’elemosina con i loro figli, sedute vicino alle basi militari americane. Queste basi sono circondate da campi di papaveri, utilizzati per la coltivazione e la produzione di droghe, sotto la sponsorizzazione degli Stati Uniti e del Regno Unito. Ho anche incontrato imprenditori stranieri, nonché soldati della NATO, che mi hanno raccontato storie orribili di malvagità gratuita: come gli americani che bruciano cibo inutilizzato, mentre le persone muoiono di fame. Come, quando una vecchia base viene abbandonata, viene fatta saltare in aria e demolita. La logica è semplice: “Non c’era nulla quando siamo arrivati ​​e non ci sarà nulla dopo la nostra partenza! “

Ma pagare per le basi di occupazione è qualcosa di nuovo; un nuovo concetto di impero.

Siria. “Vogliamo il petrolio”, ha detto Trump di recente. Nessuna sottigliezza, nessun modo di nascondere il furto. I militari statunitensi rimangono. L’esercito turco, che da anni sostiene i terroristi, rimane. I terroristi uiguri (cinesi) sostenuti dagli Stati Uniti rimangono nella regione di Idlib. Di recente, il 24 febbraio, gli israeliani hanno bombardato la periferia di Damasco.

E tutto questo è permesso. In pieno giorno. Impegnati da persone che sostengono apertamente o addirittura incoraggiano la tortura. Imperialisti che la BBC ha recentemente definito “non interventisti”! In breve: la dieta americana.


Negli ultimi mesi, Washington ha creato e finanziato rivolte a Hong Kong, intimidendo la Cina, cercando di ingannare la nazione più popolosa per agire attraverso i perfidi quadri che chiedono il ritorno del dominio coloniale. Un’invasione britannica e americana.

La Cina sta anche affrontando brutali attacchi da parte della propaganda occidentale, legata al coronavirus.

Washington ha rovesciato il governo socialista, democratico e multietnico della Bolivia e affama milioni di persone, sostenendo nel contempo una figura politica autoproclamatosi (Guaidò ) della destra illegittima in Venezuela.

Le cose che l’Occidente fa alla Cina e alla Russia avrebbero portato alla guerra, se fossero accadute circa 30 anni fa.

Più diplomazia utilizzano la Russia e la Cina, più aggressivi diventano gli Stati Uniti, più Washington è rassicurato dal suo stesso eccezionalismo.

È tempo di ripensare l’intero concetto di impegno con gli Stati Uniti.

Questo perché gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno già superato tutti i limiti e ora stanno tenendo in ostaggio l’intero mondo.

Forse quella che stiamo vivendo oggi non è una guerra, almeno non nel senso classico del termine, ma un’occupazione – brutale e senza vergogna. Quasi l’intero pianeta fu occupato dall’Europa, cento anni fa. Oggi è occupato, direttamente e indirettamente, dalla progenie dell’Europa – gli Stati Uniti. Non è sempre un’occupazione militare, ma è un’occupazione. Il mondo è preso in ostaggio. È pietrificato. Non osa più parlare, sognare, spesso nemmeno pensare.

È l’accordo globale più antidemocratico che si possa immaginare.

Il mondo è caduto in ginocchio. Si è arreso, come in un rituale religioso estremista.

Viene colpito ma non reagisce. È saccheggiato, ma non osa proteggere se stesso e i suoi abitanti.

Tutto ciò non ha senso: i paesi che sono stati occupati, o i cui governi sono stati rovesciati, vivono ora in assoluta miseria, anche in agonia: Iraq e Libia, Afghanistan, Indonesia, Honduras, San Salvador, per citarne solo alcuni.

Per quanto tempo il mondo intero leccherà gli stivali di un paese che ha solo circa 300 milioni di abitanti, che non produce quasi nulla e che governa il mondo con brutalità e paura? Stampa solo soldi. Insulta solo la logica umana. Egli rende popolare tutto quello che è sulla terra, tutto ciò che era sacro per l’umanità.

Devo ricordare a coloro che preferiscono non accorgersene: milioni di persone muoiono ogni anno in tutto il mondo a causa di questa “sistemazione del mondo”. La resa e la sottomissione non salvano vite. L’impero non si ferma mai, non ne ha mai abbastanza.

E un’altra vecchia saggezza: inginocchiarsi davanti al terrore non ha mai portato liberazione o progresso!

In sempre più paesi che visito, in tutto il mondo, le persone ammirano la “via russa” e la “via cinese”. Non l’avresti mai letto sui media occidentali, ma questo è esattamente quello che sta accadendo: i paesi feriti, brutalizzati e umiliati stanno iniziando a orientarsi verso questi grandi paesi che stanno orgogliosamente crescendo e che si rifiutano di arrendersi al terrore occidentale.

https://reseauinternational.net/loccident-attaque-le-monde-le-monde-levite-vers-la-russie-et-la-chine/

Andre Vltchek

Fonte: Reseau International

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti

  • atlas
    15 Marzo 2020

    ” Un’epidemia letale scoppia in Cina e in breve tempo si diffonde e uccide tutti i maschi del pianeta. Uomini, ragazzi e tutti gli altri mammiferi maschi cadono come mosche. Poiché il 99 per cento dei tecnici e degli operai edili sulla terra, così come la maggioranza assoluta dei politici e dei detentori di capitali sono uomini, ne consegue il caos globale.

    Le forze di sicurezza di tutto il mondo vengono neutralizzate ad eccezione di un paese che continua a schierare un esercito efficace: Israele.

    Questo è lo scenario che si svolge nella serie di fumetti post-apocalittica “Y: The Last Man”, dello scrittore americano Brian K. Vaughan. Nell’opera di Vaughan, pubblicata negli anni 2002-2008, Israel Defense Forces è l’unico esercito in cui le donne hanno esperienza in ruoli di combattimento, in particolare nella ricerca di giovani palestinesi nei territori. L’esercito israeliano di donne, guidato dal capo dello staff senza esclusione di colpi Col. “Alter” Tseelon, riesce a preservare il suo vantaggio qualitativo e Israele diventa una forza militare globale. ”

    https://www.maurizioblondet.it/haaretz-la-pandemia-li-fa-sognare/

  • eusebio
    15 Marzo 2020

    Se gli USA cadranno in una grave crisi economica causa coronavirus si prega la Cina di non soccorrerli sul piano finanziario, per poi essere attaccata con rivoluzioni colorate e attacchi batteriologici.
    I cinesi devono svendere subito i loro titoli di debito degli USA e mandarli in bancarotta, per poi lasciare mano libera all’Iran contro i sionisti.

  • Farouq
    15 Marzo 2020

    Il coronavirus sembra un diversivo, forze navali eccezionali dirette verso il golfo, esercitazioni al lancio di atomiche tattiche, spostamento inedito di truppa in Europa, tutto secondo un piano

    Ma quale è il piano?

    • Alvise
      15 Marzo 2020

      Mi chiedo spesso, del perché non nascano più in Europa, organizzazioni armate di auto difesa contro i regimi torturatori di popoli come accadeva in passato. Così, giusto per stigmatizzare.

  • Ubaldo Croce
    15 Marzo 2020

    Caro Farouq,il loro piano è fin tropo evidente.Vogliono
    dominarci e sottoporci alle loro direttive,imponendoci
    ogni nefandezza. Piu’ chiaro di cosi…

  • La soluzione
    15 Marzo 2020

    Gli americani non faranno nulla. Sanno che bruceranno anche loro. Se propuo ci vogliono provare saranno accontentati. Ogni impero muore.

  • nnicholas
    15 Marzo 2020

    Ad ogni azione corrisponde un’azione uguale e contraria (seconds legge della dinamica)
    Prima o poi, gli Usa affonderanno……

  • atlas
    15 Marzo 2020

    anche TGcom24, i più filoameri cani, parlano di ‘guerra mondiale’ al corona virus: questo fa intendere come tutto si svolge per gradi, progressivamente, anche nella comunicazione. E chi ha orecchie per intendere intende

    credo attaccheranno Iran e Russia con armi nucleari. Oppure l’Iran di sicuro con le sole piccole bombe tattiche e vorranno fermare la Russia dall’intervenire con il deterrente atomico. Noi possiamo fare solo ipotesi. E tifare. Ma il fatto che abbiano calcolato tutto, di fermare il mondo a Primavera, rallentare i collegamenti, fermare i movimenti umani e tenere sotto controllo tutti in un periodo che si allontana dai rigidi inverni russi deve fare riflettere

Inserisci un Commento

*

code