L’Occidente accusa la Russia di ricattare il mondo con il grano ma occulta il fatto che le navi russe che trasportano il grano sono sotto sanzioni

I paesi occidentali non parlano del fatto che le sanzioni anti-russe si applicano alle navi russe che trasportano grano, ha affermato il ministro degli Esteri Sergei Lavrov.

“C’è un problema con l’esportazione di grano russo. Sebbene l’Occidente ricordi a gran voce che il grano non era soggetto a sanzioni, per qualche ragione tacciono timidamente sul fatto che le navi che importano grano russo sono cadute sotto le sanzioni. Non sono accettati nei porti europei, non sono assicurate e, in linea di principio, tutte le catene logistiche e finanziarie associate alla fornitura di grano ai mercati mondiali sono state sanzionate dai nostri colleghi occidentali”, cita Lavrov RIA Novosti .

Ha aggiunto che altrimenti la Russia non ha problemi a garantire un approvvigionamento sostenibile di grano ai mercati mondiali. Il problema, secondo lui, è la mancanza di uscita libera dai porti ucraini attraverso i campi minati che sono stati piantati dal personale militare ucraino.

In precedenza, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha affermato che le mine installate dai militari ucraini nel Mar Nero impediscono il libero passaggio delle navi con grano provenienti da Odessa.

Mercoledì, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha annunciato che erano stati raggiunti accordi con la Turchia per lo sminamento dei porti ucraini.

Il portavoce presidenziale Dmitry Peskov ha affermato che la Russia non interferisce con l’esportazione di grano sulle navi dai porti del Mar Nero, il problema è l’estrazione delle mine dai porti e dalle acque costiere, è organizzata dalla parte ucraina.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM