Lo Yemen si vendica dell’attacco saudita all’Ospedale di Al-Hudayda lanciando 5 missili balistici

L’Esercito dello Yemen ha lanciato cinque missili contro obiettivi nell’Arabia Saudita meridionale poco dopo che una coalizione di invasori guidati dal regno saudita aveva messo a segno attacchi mortali contro la provincia di al-Hudaydah ed aveva colpito e distrutto l’ospedale, con un bilancio di 55 vittime civili.

L’esercito yemenita e i suoi alleati hanno sparato i proiettili sulla punta sud-occidentale del regno, che comprende le regioni di Jizan, Najran e Asir, oltre il giovedì e il venerdì.
I missili lanciati dalle forze yemenite erano tutti del tipo Zalzal, che il paese ha usato nei suoi attacchi di rappresaglia contro l’Arabia Saudita.

Non è ancora chiaro se la ritorsione abbia causato perdite umane o materiali.

Separatamente, i soldati yemeniti hanno conquistato posizioni saudite nella zona di Asir a Majazah e al confine con l’Alab sotto il lancio di razzi. Hanno anche ucciso tre miliziani sostenuti dall’Arabia Saudita nelle montagne al-Doud e al-Dukhan a Jizan.

Altri rapporti che emergono dal campo di battaglia hanno mostrato che l’esercito yemenita ed i suoi combattenti delle milizie popolari alleate si sono scontrati con le forze dell’Arabia Saudita e i miliziani sostenuti dalla coalizione saudita nel distretto di Derihemi lungo la costa occidentale dello Yemen sabato scorso.

L’Arabia Saudita ei suoi alleati hanno invaso lo Yemen nel marzo 2015 per ripristinare al potere i suoi ex ufficiali sostenuti da Riyadh. L’invasione ha ucciso migliaia di persone e ha posto il paese ai margini di una vera e propria carestia.

Il Comitato rivoluzionario supremo dello Yemen, fondato dal popolare movimento Youthi Ansarullah dello Yemen, ha nominato il quarto anno dell’invasione “l’anno della pioggia missilistica” mentre il paese impoverito mantiene la sua lotta contro gli invasori. Allo stesso modo, gli Houthi difendono il paese dall’invasione della coalizione guidata dai sauditi.

La raffica di fuoco di rappresaglia è avvenuta poco dopo che almeno 55 persone sono state uccise quando gli aerei della coalizione hanno colpito un ospedale e un porto di pescatori ad al-Hudaydah.

Un giorno prima, almeno nove pescatori erano stati uccisi dopo che gli aerei a guida saudita che avevano bersagliato la loro nave al largo della costa di Hudaydah.

Bombardamenti nello Yemen

La città portuale di Hudaydah, la capitale della provincia, riceve la maggior parte delle importazioni dello Yemen, spingendo gli organismi internazionali a mettere in guardia gli invasori dal tenere sotto controllo i loro attacchi per le conseguenze drammatiche sulla popolazione locale. Vedi: Ospedale diostrutto in Yemen. MSF: “Crimine di guerra”.

Hezbollah parla

In una dichiarazione pubblicata venerdì, il movimento di resistenza libanese di Hezbollah ha condannato l’attacco saudita all’ospedale di Al-Hudayda nello Yemen.

“L’attacco degli aggressori sauditi e americani rivela la involuzione morale ed i crimini commessi dalla coalizione e la sua pesante sconfitta”, si legge nella dichiarazione.

“La brutale atrocità degli attaccanti sauditi e americani ha sconcertato il mondo”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti hanno prestato generosi rifornimenti di armi, le coordinate dei bombardamenti, il rifornimento aereo e il supporto logistico dei loro commandos (presenti nel territorio) all’invasione.

Nota: I media occidentali continuano ad oscurare i cromini di guerra commessi contro la popolazione dello Yemen mentre i governi oeuropei tacciono per nascondere le loro complicità con un conflitto che sta producendo migliaia di morti fra i civili e la “più grande tragedia umanitaria ai nostri giorni”, come è stata definita dall’incaricato dell’ONU.

Fonti: Press TV      South Front

Traduzione e nota: Luciano Lago

3 Commenti

  • geometrio
    4 agosto 2018

    parlo chiaro, lo yemen paga l isolamento in cui è stato calato nelle decadi precedenti. Ma un europeo medio, con una cultura medio-bassa, rappresentativo di quel 70 % di popolo, cosa vuoi che sappia che esiste uno yemen,.
    DItemi , a memoria la capitale dello yemen. non lo si sa è inutile , lo yemen non esiste per noi, ma proprio cultiralmente, facciamo fatica , ma non è colpa del popolo.

  • Mardunolbo
    4 agosto 2018

    Ottimo ! dieci volte distruzione provocata dai beduini sauditi ! Ci si augura …In modo che i beduin sauditi provino sulla pelle quel che provano altri popoli vessati dai loro petrodollari scambiati con armi Usa !
    A quando un missile che colpisce aeroporto di Ryhad , demolendo buona parte delle strutture ?

  • Manente
    5 agosto 2018

    Bene, molto bene, continuate così ed il sanguinario tiranno saudita sarà eliminato dai suoi stessi parenti che lo odiano a morte per il milioni di dollari che ha loro fregato !!!

Inserisci un Commento

*

code