“Lo Yemen collabora con Russia e Cina contro l’egemonia occidentale”


Un alto leader di Ansarolá sostiene che lo Yemen collabora con Russia, Cina e BRICS per indebolire l’egemonia e l’unilateralismo occidentale nel mondo.

Ali al-Qahoum, membro del consiglio politico del movimento popolare yemenita Ansarollah, ha assicurato sabato sui social network World) c’è una costante cooperazione e sviluppo di relazioni, nonché uno scambio di conoscenze ed esperienze in vari settori.

“Questo è necessario per sprofondare gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’Occidente nel pantano della crisi attorno al Mar Rosso, impantanandoli, indebolendoli e rendendoli incapaci di mantenere l’unipolarità”, ha aggiunto il leader yemenita.

Secondo il rappresentante di Ansarolá, lo spostamento verso il multipolarismo nell’equilibrio globale dei poteri è avvenuto dopo l’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina nel febbraio 2022, e ha subito un’accelerazione durante l’attuale escalation del conflitto israelo-palestinese, iniziata lo scorso 7 ottobre.

In questo senso, ha precisato che lo Yemen è entrato nell’importante e strategica equazione del sostegno alla Palestina attraverso le operazioni nel Mar Rosso, che hanno portato ad un equilibrio tra benefici militari, di sicurezza, politici ed economici.

“Lo Yemen pianifica il prossimo futuro e si prepara alla storica sconfitta degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’Occidente, e al crollo del progetto coloniale e dell’egemonia occidentale nella regione e nel mondo”, ha sottolineato Al-Qahoum.

In solidarietà con i palestinesi di Gaza, che affrontano una guerra dichiarata il 7 ottobre da Israele, le forze yemenite hanno iniziato nel novembre 2023 operazioni militari per impedire alle navi israeliane e a quelle legate al regime sionista di passare attraverso il Mar Rosso, al fine di tagliare fuori dalle rotte di rifornimento dell’entità sionista.

Lo Yemen ha poi preso di mira le navi degli Stati Uniti e del Regno Unito, due paesi che hanno formato una coalizione navale a dicembre per contrastare le operazioni dello Yemen nel Mar Rosso e hanno iniziato a bombardare il paese arabo a sostegno del regime israeliano.

Le forze armate yemenite hanno annunciato venerdì l’espansione del raggio delle loro operazioni navali contro il regime israeliano dall’Oceano Indiano alla punta meridionale dell’Africa.

Missili Houthi

Israele ha scatenato una guerra genocida contro l’enclave costiera assediata come rappresaglia per il fallimento subito durante l’operazione Al-Aqsa Storm, portata avanti dal Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) il 7 ottobre, in risposta a decenni di crimini da parte dell’entità sionista contro il Popolo palestinese.

I bombardamenti indiscriminati e l’offensiva di terra del regime israeliano contro la Striscia di Gaza hanno lasciato un bilancio mortale di almeno 31.500 morti, secondo il bilancio del Ministero della Sanità palestinese aggiornato questo giovedì.

In solidarietà con i palestinesi di Gaza, che affrontano una guerra dichiarata il 7 ottobre da Israele, le forze yemenite hanno iniziato nel novembre 2023 operazioni militari per impedire alle navi israeliane e a quelle legate al regime sionista di passare attraverso il Mar Rosso, al fine di tagliare fuori dalle rotte di rifornimento dell’entità sionista.

Lo Yemen ha poi preso di mira le navi degli Stati Uniti e del Regno Unito, due paesi che hanno formato una coalizione navale a dicembre per contrastare le operazioni dello Yemen nel Mar Rosso e hanno iniziato a bombardare il paese arabo a sostegno del regime israeliano.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: luciano Lago

I

2 commenti su ““Lo Yemen collabora con Russia e Cina contro l’egemonia occidentale”

  1. Interessante che “lo spostamento verso il multipolarismo nell’equilibrio globale dei poteri è avvenuto dopo l’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina”. Lo Yemen contribuisce allo scacco matto delle forze del male. Ufficiali americani sostengono che ha alta tecnologia e che stanno per entrare in linea missili balistici con gittata fino a 5000 km ! Sostengono altresì che ha una intelligence efficace, in grado di individuare le navi da attaccare in acque lontane. Sembra che i bombardamenti dell’Israele con missili e droni continueranno …………… I porti ? Già gli Iracheni hanno attaccato Haifa, gli Yemeniti Eilat …………………..

  2. Finalmente l’ asse della resistenza si dichiara e si compatta contro i sionisti. Il conflitto mediorientale s’ allarga e le conseguenze potrebbero essere devastanti, soprattutto per i poveri sfollati. Se è rimasto un barlume di buonsenso e di umanità nelle autorità ebraiche, spero che accettino un accordo di cessate il fuoco permanente. Ma francamente mi pare una speranza vana ed irrealistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM