Lo stupido e “macho” sistema elettorale statunitense spingerà Biden in una guerra condannata

di Finian Cunningham

Gli stupidi politici americani si stanno scavando una fossa e non hanno la consapevolezza di come invertirla, scrive Finian Cunningham.

Com’era prevedibile, Joe Biden viene criticato dai repubblicani per l’uccisione di tre soldati americani in Siria (al confine della Giordania) da parte di militanti iracheni.

Il presidente democratico viene criticato dai suoi avversari politici per essere debole e codardo.

Donald Trump, il suo principale rivale repubblicano, ha deriso Biden definendolo un “perdente” e ha affermato che gli attacchi alle truppe statunitensi erano dovuti alla “debolezza e alla resa” del presidente.

Anche Nikki Haley, l’altra repubblicana in lizza per le elezioni presidenziali di quest’anno, ha deriso Biden per aver mostrato debolezza nei confronti dell’Iran. Ha chiesto una ritorsione diretta contro la Repubblica islamica “con tutta la forza della forza americana”. Logicamente, ciò potrebbe implicare l’uso di armi nucleari.

All’unanimità in tutto lo spettro politico statunitense, si presume che l’Iran sia il responsabile ultimo dell’attacco mortale alla base militare statunitense di domenica in Giordania, dove tre militari sono stati uccisi e 34 sarebbero rimasti feriti, secondo i primi rapporti.

L’attacco è stato rivendicato dai militanti iracheni Kata’ib Hezbollah, come parte di un gruppo ombrello noto come Resistenza Islamica. Si ritiene che i militanti siano un’alleanza di milizie con sede in Iraq, Siria, Palestina, Libano e Yemen. Gli ultimi due includono Hezbollah e il movimento Ansar Allah noto anche come Houthi. Tutti sono alleati con l’Iran. Ma si ritiene che ciascuno abbia la propria autonomia nel dirigere ed eseguire le operazioni.

Questi gruppi hanno effettuato centinaia di attacchi contro le basi statunitensi e israeliane dal 7 ottobre, quando Israele ha lanciato la sua offensiva su Gaza in seguito al raid mortale di Hamas contro Israele. Gli yemeniti apportano una dimensione marittima alla resistenza regionale, prendendo di mira navi statunitensi e di altro tipo nell’area del Mar Rosso.

Elite di potere di Washington

L’Iran ha negato di essere coinvolto nell’ultimo attacco alla base americana in Giordania. Teheran nega anche di essere dietro le operazioni yemenite nel Mar Rosso.

L’Iran e i gruppi di resistenza affermano di essere un’alleanza antimperialista unita dall’opposizione al genocidio sionista a Gaza sostenuto dagli Stati Uniti. Questi gruppi non sono “islamici” sul modello dello Stato Islamico e delle sue ramificazioni sunnite (wahhabite o takfiri). Lontano da esso. I gruppi di resistenza erano motivati ​​a sconfiggere gli islamisti che erano stati fomentati e sostenuti segretamente dagli Stati Uniti per la loro guerra di cambio di regime in Siria. Quella guerra per procura è stata sconfitta dopo che la Russia è intervenuta nel 2015 a sostegno della Siria.

Gli americani sono bloccati in una spirale discendente creata dalla loro stessa logica imperfetta e dall’occupazione imperialista cumulativa nella regione.

Anche il presidente Biden ha accusato l’Iran di essere responsabile dell’uccisione dei tre militari statunitensi. Biden ha promesso di rispondere in un momento “da noi scelto”.

Quindi, Washington stabilisce senza dubbio che il principale colpevole è l’Iran. Ciò significa che gli Stati Uniti si sono impegnati ad attaccare Teheran senza alcuna prova o comprensione realistica di dove porterà tale direzione. Cioè, quanto potrebbe andare male per gli americani.

In un anno elettorale americano che si preannuncia più difficile che mai, e con Biden alle prese con un calo dei numeri nei sondaggi, il presidente in carica della Casa Bianca è molto suscettibile di essere pungolato dagli avversari repubblicani.

Trump ha già martellato Biden perché è debole e fragile. Con il Medio Oriente che si trasforma in un calderone per il massacro israeliano a Gaza, il comandante in capo è costretto a mostrare coraggio.
Biden è ostaggio della stupida politica machista e dell’imperialismo americano in bancarotta. La diplomazia semplicemente non è un’opzione per l’impero, secondo la sua logica e le sue illusioni.

Dopo l’attacco mortale dei droni alla base americana in Siria, il senatore repubblicano Tom Cotton ha incitato alla vendetta con il solito farneticare e delirante guerrafondaio: “L’unica risposta a questi attacchi deve essere una devastante ritorsione contro la forza terroristica iraniana… Qualunque cosa di meno confermerà Joe Biden come un codardo.”

Il leader repubblicano del Senato Mitch McConnell ha affermato che l’inazione di Biden è il problema perché sta incoraggiando i nemici in Medio Oriente, dicendo: “Il momento per iniziare a prendere sul serio questa aggressione era molto prima che gli americani più coraggiosi perdessero la vita”.

Che esilarante che Biden venga deriso per il suo atteggiamento accomodante. Nel corso della sua lunga carriera, è stato uno dei politici più guerrafondai di Washington. Ha sostenuto le guerre NATO guidate dagli Stati Uniti nell’ex Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libia, Siria e attualmente in Ucraina. L’unica cosa codarda di Biden è che è uno strumento vile del complesso militare-industriale e un patetico psicopatico.

Biden è anche noto per il suo brutto carattere e il suo carattere macho istintivo. Possiamo essere abbastanza certi che le provocazioni repubblicane sulla sua presunta politica pusillanime in Medio Oriente lo faranno arrabbiare. Biden ha già assunto una sconsiderata posizione militarista nel sostenere l’aggressione israeliana. La scioccante uccisione di massa di oltre 26.000 civili palestinesi sotto un brutale blocco della fame ha scioccato il mondo e in particolare i popoli arabi e musulmani. Eppure Biden non ha interrotto il suo “incrollabile sostegno” a Israele.

Biden ha portato l’imperialismo americano fuori dal pantano dell’Afghanistan per portarlo in un pantano ancora più grande del Medio Oriente. Sotto la spinta dei suoi altrettanto stupidi rivali politici, gli americani stanno precipitando ulteriormente verso il disastro.

Base USA in Iraq

Con oltre 50 basi militari sparse in tutto il Medio Oriente in 10 paesi e con oltre 50.000 soldati statunitensi di stanza nella regione, gli americani sono bersagli facili per la resistenza. L’avvento dei droni e della nuova tecnologia missilistica è un nuovo regno di guerra a cui gli americani non si sono adattati con le loro guarnigioni di terra in deserti remoti e con le sgargianti navi da guerra.

La morte di tre soldati americani era da tempo sulla carta. Gli stupidi politici americani pensano che si vendicheranno. Non hanno idea di cosa li aspetta, data la lunga storia di aggressioni, provocazioni e occupazione illegale degli Stati Uniti nella regione. Il sostegno al genocidio di Israele, le scene strazianti di bambini fatti a pezzi dalle bombe americane, il bombardamento dello Yemen – il paese arabo più povero – le folli minacce all’Iran, l’insopportabile arroganza americana e decenni di impunità stanno tutti emergendo nel mondo Medio Oriente.

Gli stupidi politici americani si stanno scavando una fossa e non hanno la consapevolezza di come invertire la situazione. Democratici, repubblicani, Biden, Trump e così via sono tutti una nave di sciocchi.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Lo stupido e “macho” sistema elettorale statunitense spingerà Biden in una guerra condannata

  1. Chiunque si aspetti un guizzo di buon senso in questa pericolosa situazione è un beato illuso. Il motivo è semplice e conosciuto allo stesso tempo : l’impero ha solo un argomento da proporre al mondo,la forza delle armi,e la sua catastrofica fiducia nella vittoria finale. Cosa succederà da qui a breve è quasi impossibile da prevedere,di sicuro se escalation sarà gli sviluppi sono imprevedibili ed egualmente disastrosi per l’egemone semplicemente perché la possibilità di perdere non è affatto contemplata da qui probabilmente l’idea di rischiare il tutto per tutto. Io credo ,soprattutto, che in caso di attacco militare vero e proprio contro l’Iran ,sia le forze americane nella regione sia Israele stesso pagheranno un prezzo immenso . La resistenza in questo momento è armata fino ai denti e si scagliera contro di loro con enorme violenza e da una grande quantità di direzioni, e con armi che proprio non si credeva che avessero. Brutto affare. Davvero un brutto affare.Sento puzza di Afganistan per Washington.

  2. La fine dell’impero anglo sionista (e del sistema liberal democratico globalista e mercantile occidentale) si avvicina a velocità sempre maggiore … le “grandi democrazie dell’occidente” non possono invertire il corso ineluttabile della storia che sta per condannarle in maniera definitiva ! Il crollo di un impero non può essere indolore nè per chi lo guida (le èlite al potere) nè tantomeno per i servi più oltranzisti ! Questi, alla vista della nave che affonda, si lanceranno in mare caoticamente e disperatamente, ma per moltissimi di loro sarà troppo tardi, come è giusto che sia !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM