APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Lo strano gioco della Guardia costiera. «Una volta è un caso, due volte una coincidenza, tre volte è un’azione del nemico»

di   Gian Micalessin

«Una volta è un caso, due volte una coincidenza, tre volte è un’azione del nemico». Matteo Salvini e il ministro delle infrastrutture Matteo Toninelli farebbero bene a rileggersi Ian Fleming.

Le azioni della nave Diciotti, il pattugliatore della Guardia Costiera, per la terza volta al centro di uno scontro con il Governo in meno di due mesi e mezzo, sembrano infatti più delle mosse studiate che non delle semplici coincidenze. La cronaca della sorda diatriba tra la Guardia Costiera, da una parte, e il Ministero delle Infrastrutture, da cui in teoria dipende, e il Viminale dall’altra inizia verso il 10 di giugno.

Mentre Salvini raccomanda la fine delle operazioni di soccorso davanti alla Libia e la nave Aquarius di Sos Mediterranee viene tenuta alla larga dai porti italiani, il pattugliatore Diciotti compie ben sette interventi in prossimità delle coste di Tripoli caricando 937 migranti. Migranti che Salvini e Toninelli si vedono costretti obtorto collo a far sbarcare a Catania.

Ma le incursioni della Diciotti non finiscono lì. Il 9 luglio il pattugliatore accosta il rimorchiatore Vos Thalassa e carica 67 migranti che stando ad una versione mai chiarita – minacciavano il personale di bordo colpevole di volerli sbarcare in Libia anziché in Italia.

La versione convince poco Matteo Salvini che fa capire di considerarla un pretesto per giustificare l’intervento dell’unità della Guardia Costiera. Ma la mossa fatale capace di portare allo scoperto lo scontro con la Guardia Costiera arriva mercoledì. Quel giorno il pattugliatore Diciotti interviene in soccorso di un barcone con 177 migranti proprio mentre il governo preme su Malta perché lo accolga in un suo porto.

Un intervento assolutamente immotivato visto che il barcone non è in pericolo immediato e viene effettuato, come nota Matteo Salvini, all’insaputa del Viminale. «I maltesi ieri avevano assunto la responsabilità di un intervento in aiuto di un barcone con 170 immigrati a bordo spiega il Ministro degli Interni – e una nave della Capitaneria di Porto italiana, senza che al Viminale ne fossimo informati, ha imbarcato gli immigrati mentre ancora si trovavano in acque maltesi, per dirigersi verso l’Italia». Ancora una volta , a dar retta a Salvini, la Guardia Costiera avrebbe approfittato di una situazione perlomeno lacunosa per contravvenire alle disposizioni del governo e metterlo in difficoltà.

Ed infatti l’esecutivo si ritrova, una volta di più, nell’imbarazzante posizione di negare l’accesso ai porti italiani ad una propria nave militare. Ma quali sono i motivi della sorda lotta? Per capirlo bisogna andare indietro fin ai tempi di Mare Nostrum quando le operazioni di soccorso vengono inizialmente affidate soltanto alla Marina Militare, escludendo proprio la Guardia Costiera. Un’esclusione durata solo pochi mesi visto che il governo Renzi nel 2014 allarga ben presto le operazioni ad una Guardia Costiera entusiasta di farne la propria bandiera. Talmente entusiasta da diventare successivamente la principale referente delle Ong con cui concorda decine di operazioni di soccorso fino al limite delle acque territoriali libiche.

Non a caso nel luglio di un anno fa l’allora Comandante generale delle Capitanerie di Porto Ammiraglio Vincenzo Melone – chiamato a deporre dalla Commissione Difesa del Senato sulle attività delle navi delle Ong già indagate dal procuratore di Catania Carmelo Zuccaro – non esita a difenderle a spada tratta. Una difesa scontata e obbligata visto che le missioni di soccorso ai migranti erano diventate la vera ragion d’essere della nostra Guardia Costiera e dei suoi vertici. Ora per colpa di Salvini il giocattolo si è rotto, ma loro, evidentemente, non hanno alcuna intenzione di rassegnarsi. Né tantomeno di rinunciarvi.

Fonte: Gian Micalessin

*

code

  1. 3 settimane fa

    Convocazione tramite voto delle camere del consiglio nazionale sulla sicurezza, dove mattarella come capo dell esercito
    dovra’ uscire allo scoperto , e ricbiesta di sostituzione della guardia costiera ,con la marina militare.
    blocco attorno alle acque territoriali , e in caso, accordi con i libici e sbarco con i mezzi anfibi , dei naufraghi che, se in pericolo di vita
    dovessero essere soccorsi dalla marina militare , basta guardia costiera che ritornino a fare il loro mestiere, e a far controlli sui natanti dei
    turisti, Salvini deve stanare mattarella e metterlo allo scoperto.
    Le forze armate sono con lui , nessuno che presti giuramento alla repubblica , sara’ mai un laido globalista servo delle elite
    che strangolano il paese,almeno nessuno dei migliori reparti dele forze armate, e su’ questo non ho dubbi.
    Salvini e Di maio stanino mattarella , e lo espongano al giudizio del popolo.
    Ormai siamo all escalation basta diplomazia , il governo deve mettere in pubblico chi gli scava il terreno sotto i piedi.
    E deve farlo alla svelta ,prima che il giuda Fico , guidi la fronda dei globalisti annidati nei 5s e faccia andare in minoranza
    il governo.
    Sara’ il giuda Fico ad accoltellare alle spalle il fronte sovranista . gia’ sta affilando il coltello dall arrotino del quirinale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 3 settimane fa

      Purtroppo, che le nostre attuali Forze armate, o almeno i loro vertici, siano tanto con Salvini e fedeli all’Italia, non ne sarei cosi’ sicura.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. amadeus 3 settimane fa

        Intanto questi Signori devono essere fedeli allo Stato Italiano e i suoi interessi e non a chi gli sta più simpatico, e per adesso devono prendere ordini e disposizioni da che i é stato eletto regolarmente dal Popolo Italiano, se non se la sentono ci sono le dimissioni o il Tribunale militare. E poi come mai la Guardia costiera é tanto interessata a dare una grossa mano alle ONG e agli scafisti ? dobbiamo essere maliziosi o ingenui.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. amadeus 3 settimane fa

    Intanto bisogna destinare con effetto immediato, ad altro incarico chi é a capo e i suoi fiancheggiatori, di queste azioni gravissime lesive agli interessi dello Stato e poi disporre un inchiesta militare per valutare i provvedimenti da prendere incluso il Tribunale militare per i responsabili che chiaramente prendevano ordini dai nemici dello Stato Italiano. Se non si va decisi, da quì non si esce e continueremo a importare clandestini manifestando nel contempo una chiara debolezza nell’affrontare e risolvere problemi di interesse nazionale. Quindi il toro va preso per le corna senza guardare in faccia a nessuno, non é possibile continuare a dormire con i serpenti nel letto !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 3 settimane fa

    Silvia , li conosci ? ci parli? conosci i baschi amaranto? o quelli del san marco? del tuscania o dell el alamein
    Hai mai maneggiato chesso’ un garand un fal una mg 42/59 , di cosa parli? di ciance da salottiera mentre carezzi il gatto?
    Ricordi cosa successe in portogallo? e chi guido’ li l esercito? lascia perdere cara torna a dare crocchette al gatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Massimo 3 settimane fa

      Lei parla dei vertici , non ha tutti i torti basta leggere la fabbrica della sconfitta di Pierò Baroni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mardunolbo 3 settimane fa

      …x Anonimo che risponde a Silvia. Dove vivi ? non ci sono più se non nelle sfilate nostalgiche (ridotti di numero e di valori) le truppe d’elite delle Forze Armate !
      Chi scrive ne faceva parte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 3 settimane fa

        X mardundeche .Dove vivi tu semmai, io vivo proprio dove l’ el lamein ha la zona di esercitazione
        val di merse colline metallifere, poi ripigliati mardundeche, la brigata ha casomai
        incorporato il savoia cavalleria, che prima non aveva, e ha lasciato solo il tuscania
        che comunque era come sai di carabinieri. per il resto ha gli stessi organici.
        Rispetto al numero di brigate complessive dell epoca servizio obbligatorio ,i corpi speciali
        son rimasti allo stesso organico , mentre il totale degli altri reparti e’ ovviamente calato.
        posa il fiasco prima di postare.
        Visto che il fal a calcio ripiegabile l hai posato da un pezzo.sei ancora confuso dai troppi
        botti di srcm? ti ricordi l acronimo? ” solo rumore……. come mardundeche’?”
        lascia perdere in quei boschi di macchia mefiterranea ora dureresti 10 secondi netti.
        se vuoi far la prova avvertimi e vienimi a trovare da fine settembre in poi.
        Josey wales

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 3 settimane fa

          Non posso che ridere ! ah,ah,ah “….quante illusioni fai rivivere tu !”. ti vedo povero illuso addentrarti nella macchia col pugnale fra i denti con le soldatesse a culo eretto per fare il soldato tutto d’un pezzo…
          Mi ricorda molto il muso duro dei marines a testa rapata che sanno obbedire anche massacrando civili per nulla. Il resto della zucca ha qualche neurone galleggiante in fluido spermatico-adrenalinico.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mardunolbo 3 settimane fa

      In Portogallo fu eliminato il governo di Salazar ad opera di Usraele dato che il governo di destra-cristiano era sommamente sgradito alle elite apolidi.
      Arrivò subito dopo Caetano che fu eliminato con la rivoluzione dei garofani “alla Maidan”, sempre ad opera dei soliti…
      Quindi di che cianci ,anonimo ? Inoltre che c’entra il Portogallo con ‘Italia “moderna” e sinistramente sinistrata ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 3 settimane fa

        Riposa il fiasco mardundo , il paragone era chiaro, alla affermazione che i vertici dell esercito non sono
        affidabili ho risposto che in occasione dei fatti del portogallo l esercito si mosse senza aspettare i vertici
        ovvero era un osservazione tecnica, tu hai risposto da vecchia carambana con un interpretazione ideologica
        manifestando tu, semmai, un attitudine da povero nostalgico della palestra di ardimento.
        Hai subito le conseguenze dovute arintronamento dai botti delle srcm subiti ingioventu,’ e, provato dal fiasco usato come antidoto, per
        lenire la nostalgia dei bei tempi del tuo evidente guru junio valerio, no hai afferrato un osservazione tecnica.
        Poi i rimbombi che hai nel cervello uniti agli echi degli eia eia ,hanno fatto si che
        la tua natura di balilla incanutito , tirata pavlovianamente in ballo dall aver io citato il portogallo ,t ha giocato
        un brutto scherzo da cane di pavlov , o meglio cane di Farinacci.
        Stasera minestrina , oppure latte coi biscotti e poi a nanna, lascia stare il fiasco ,ti gioca brutti scherzi.
        josey wales

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 3 settimane fa

          ah,ah,ah ! oh.oh.oh ! bravo,bene, proseguire così e, mi raccomando, schiena diritta e mento insù.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. 3 settimane fa

            caro inane cantore dei colonnelli greci , a te invece consiglio olio di alloro per i reumatismi e l artrite
            deformante, mi raccomando non usare l ‘ a te piu caro olio di ricino, metti gli occhiali e non sbagliare
            flacone , mentre sei a cambiarti il pannolone a causa di prostata incipiente ,che ti causa vedo anche una
            certa comprensibile astiosita’ ,occhio a non confonderli
            tuo josey

            Mi piace Non mi piace
  4. The Crow 3 settimane fa

    Ok, qui c’è qualcosa che veramente non torna.
    Possibile che un capitano della marina militare, sulla sua nave, sapendo quali siano le direttive imposte dal Governo che lui DEVE seguire, faccia invece l’esatto contrario non una, non due ma per ben tre volte?
    Ma che diamine!
    Adesso abbiamo anche la guardia costiera che fa di testa propria?!
    Quante bustarelle prendono da chi preme affinché s’intensifichino gli sbarchi?
    Perché ci credo assai poco che questo capitano abbia manie “suicide” riguardo la propria carriera.
    E basta con la solita solfa “sono in pericolo, dobbiamo soccorrerli e portarli in Italia”… ma che, ci siamo solo noi in tutto il mediterraneo?
    Malta, Grecia, Libia e tutti gli altri stati sono nell’Atlantico?
    A questo punto direi che non solo si è capito, ma è palese che codeste persone agiscano non con la testa, ma col portafogli.
    Possiamo fare qualsiasi cosa contro costoro, ma restano sempre in pieni.
    Quindi, prima di arrivare a scelte estreme, sarebbe il caso di colpirli dove fa più male: dritto dritto al portafogli e al conto in banca.
    L’unico modo per zittire la gente è lasciarla senza un centesimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. 3 settimane fa

    Corvus aspetta…….. sei sicuro che rischi la cariera??????
    E se fosse, sei sicuro che in altra carriera le benemerenze acquisite ,con le sue
    imprese non verrebbero lautamente ricompensate? teniamolo d occhio
    e vediamo se desse le dimissioni dove, da chi e per che stipendio dovesse essere assunto.
    Ma non sara’, se il caso fosse, certo cosi’ scemo da farsi pagare adesso ovviamente.
    Ps corbus, il corvo come tutti i contadini sanno, e’ l uccello piu’ intelligente che esista, cerca di corrispondere alla natura del tuo nick.

    PPs vedi anche cosa significa corax e chi fosse corace ,, magari ti aiuta
    Saluti josey wales contadino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. 3 settimane fa

    Corvus corax
    su’ corax t aiuto

    http://www.perlaretorica.it/reto/corax/

    Corace invece, contemporaneo di Empedocle cercatelo da solo ,
    te lo consiglio insegna l uso del cervello come pochi altri.
    nessuna opera di lui e’ integralmente pervenutaci ma le sue idee si.
    Andreotti in un noto aforisma dette elementare esempio di tale scuola
    guess wich one?

    Corvus corax vedi di far onore a tal nick
    Josey wales

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 3 settimane fa

      Mi chiedo di che protezioni godano e a quali logge appartengano il comandante della 18i e il comandante della guardia costiera per contravvenire agli ordini del governo,parlare coi giornalisti e non essere rimossi….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gino 3 settimane fa

        il cognome è ebreo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. giannetto 3 settimane fa

        E’ una verifica del fatto che con nuovi governi, dis-allineati dal trend incancrenito dei precedenti, si aprono fatalmente contenziosi al calor bianco con gli apparati dello Stato e le leve di trasmissione del potere (stampa, magistratura, esercito) rimaste in mano agli infami pédé. Agiranno da quinta colonna.
        Che la farsa “diciotti” fosse stata organizzata mediaticamente come disgustosa commedia speculante sul “buon cuore”, già l’ho detto. Ora apprendo da un giornalista d’inchiesta che fu, di base, organizzata come una provocazione.- Mi domando: “Quali sono le cricche che ne cavano immediato, e mediato, vantaggio”. Chi ci mette in queste condizioni? E per leccare il sedere a chi? E in cambio di che cosa? – Per anni abbiamo organizzato, e ancora organizziamo, recuperi di “migranti”, esibendo la farsa di falsi naufragi (ben più numerosi di quelli reali) e invece li imbarchiamo senza affanni in acque territoriali libiche.
        Malta è una piccola isola che non vuole migranti; Pantelleria è molto più piccola, ma è stata trasformata in una passerella di transito per l’Itaglia, che è l’eldorado dell’Africa intera. Una passerella ormai ridotta a una latrina. – Beninteso w Salvini, che intende interrompere questa farsa tragico-delinquenziale, ma come dicevo, era scontato lo scontro frontale con i piddini infami, che conservano in mano loro le leve di trasmissione del potere.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mardunolbo 3 settimane fa

          occhio Giannetto che qui bazzica anche il militardunpezzo col pugnal fra i denti. A parlare in chiaro dei militari schierati con piddì si rischia di essere tagliati a fette da pugnale !
          Personalmente sono d’accordo poichè ho visto e vedo come si è ridotta l’etica ed il senso di patria nelle nuove leve militari (da 40 anni circa).
          Del resto se l’Italia avesse tra i militari ancora un senso di onore, avrebbero messo da parte l’obbedienza i governi traditori ed avrebbero preso il potere come fu con il tempo dei colonnelli, in Grecia.
          Anche lì ,i greci, tutti sinistri, sopportarono male la sterzata e quando finì furono tutti contenti ed approdarono con entusiasmo alla Grecia attuale svenduta ed umiliata. In un certo senso, sta bene a loro la botta…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Mardunolbo 3 settimane fa

          Giannetto, Lampedusa è stata trasformata nella pedana x l’Italia. Pantelleria, per fortuna, ha coste alte e rocce aguzze che permettono poco lo sbarco clandestino.
          Inoltre Lampedusa ha la sindachessa piddina, che fa quel che i traditori della nazione ordinano.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. giannetto 3 settimane fa

            @ Mardunolbo – Faccio ammenda. Non so che raptus mi era preso, ma mi è scappato “currenti digito” Pantelleria invece di Lampedusa. Chiedo scusa. Intendevo proprio Lampedusa, ma per lapsus che non mi so decifrare (ma penso proprio NON freudiano) mi uscì di tastiera Pantelleria. Pietà per un ultrasettuagenario! Quandoque bonus…. ecc. ecc..

            Mi piace Non mi piace
        3. Robyt 3 settimane fa

          “Malta è una piccola isola che non vuole migranti”. E come nell’ultimo caso della diciotti, i migranti non vogliono malta. Malta non è intervenuta a soccorrere i migranti mentre erano nella loro area (SAR) di competenza, perché l’imbarcazione ha rifiutato il loro soccorso dicendo che non ne avevano bisogno. Malta li ha quindi scortati lontano dalla loro isola e poi è arrivata la diciotti a caricarli. Sui nostri giornali continua a descrivere l’opera della diciotti come un salvataggio, ma è assolutamente falso, poiché altrimenti sarebbe dovuta intervenire malta, ma non si può salvare uno se non sta affogando e vuole navigare tranquillo fino in italia.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. vaffa 3 settimane fa

    A chi giova questa messa in scena?
    Chi ne trae un vantaggio elettorale?
    Chi sale nei sondaggi ed è acclamato a furor di popolo?
    Bisogna sempre dubitare di chi si dichiara vittima senza esserlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Brancaleone 3 settimane fa

    Quando un politico ( salvini) ha la pretesa di dare un giro di vite al nonsense creato dai governi scorsi, facendone il suo cavallo di battaglia, appurandone la piena adesione della maggioranza degli italiani, non si può permettere di essere trattato da coglione. E’ il ministro degli interni, non un sottosegretario senza portafoglio, ha tutti i mezzi per esercitare le facoltà che fino a prova contraria sono in suo potere. Ora se soprassiede quando gli tagliano la faccia, la prossima volta di diciotti ne arrivano trenta. Non è questo quello che vuole il popolo, lo testimoniano gli abitanti di ariccia, dopo la farisaica momentanea accoglienza di cui si è reso disponibili il bieco clero. Se salvini ha le mani legate allora lo dica , si dimetta e torni alle elezioni così si leva dalle palle i rossi travestiti. Se gli tremano le ginocchia c’è poco da fare. se parliamo della prima ipotesi, deve tornare alle elezione, forte di una maggioranza consistente, potrà fare un repulisti dei tanti pidocchi che gli fanno cerchio. Le mezze misure non sono ammesse : dosi massicce di ddt

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vaffa vaffa 3 settimane fa

      Chi è che ci quadagna dall’affaire 18i?
      Chi è che ne beneficia in termini elettorali?
      Chi è che deve dirigere il ministero degli interni?
      Lui no di sicuro, non ne ha il tempo, tra vacanze a milano marittima,tra una cena e l’altra,
      Tra una campagna elettorale e l’altra come puo trovare il tempo di lavorare?
      Io sarei estremamente felixe se andassimo nuovamente ad elezioni e le vincesse, avremmo cosi la prova provata che a parte sparare slogan non si differenzierebbe dai suoi amici del nazareno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Horus 3 settimane fa

    Tratto da:i tre giorni del condor

    C e un’altra cia all interno della cia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Animaligebbia 3 settimane fa

    Andiamoci piano,non e’ facile ripulire la sentina,Erdogan,col potere che ha ci ha impiegato un po’.La feccia sinistronza si e’ annidata molto in profondita’ dal dopoguerra ad oggi.Non e’ per niente facile e Salvini deve muoversi all’interno di uno stato di diritto con regole ideate per garantire un controllo e usate adesso per bloccare qualsiasi tentativo di modificare lo status quo,anche se si cerca di migliorare.I clandestini sbarcati dalla 18i a Catania hanno facolta’ di rifiutare la destinazione se non ne sono soddisfatti,scommettiamo sull’Albania?Un suggerimento a Salvini;ci sono centinaia di caserme dismesse sul territorio,da nord a sud,strutture gia’ attrezzate di dormitori,refettori,ambulatori,uffici e centro sportivo.Non si potrebbero adibire a centri di attesa per i richiedenti asilo?e,una volta rifiutato l’asilo(nel 95% dei casi)rimpatriarli?Vogliamo vedere che una volta trattenuti in una struttura non vorranno piu’ venire in Italia?Voglio raccontare la mia esperienza in MM:destinato a Messina,sui dragamine,una notte vengo svegliato dal nostromo che era il mio superiore,”Andiamo,vestiti subito e porta queste taniche in sala macchine,riempile e caricale nella mia macchina” “Nostromo,cercati un altro” “Come ti permetti,questo e’ un ordine ,ti faccio rapporto al comandante” “Ok fammi rapporto al comandante e scrivi si rifiutava di rubare il gasolio”.A questo punto il nostromo se ne va e dopo 4 giorni mi arriva il trasferimento,Nave Squalo Trapani.Al mio arrivo il secondo mi dice”la tua fortuna e’ che non abbiamo basi in Libia altrimenti ti avrebbero mandato li’.Con questo non voglio intendere che le forze armate siano fatte solo di questo ci sono persone valorose che rischiano la vita per una cosa in cui credono,ma di quali protezioni deve godere il comandante di una nave per disobbedire e non essere rimosso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Robyt 3 settimane fa

    La guardia costiera è totalmente fuori controllo. Hanno detto che a loro del governo eletto non frega niemte, loro continueranno a seguire i trattati internazionali della massoneria finanziaria e umanitaria. La guardia costiera si è fatta scudo con napolitano più di una volta da quando il gpverno è cambiato. Cmq in linea con il resto dei poteri forti ed occulti dello stato che hanno fatto partire in carica ben 3 procure contro il governo. A questo punto la mossa del governo di bloccare la nave prima in mare e poi al porto è stata fondamemtale: ogni giorno che quei traditori non sono in mare è un buon giorno per l italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace