Lo strano caso di un’America in fiamme

di Gordon Duff (*)

Per un decennio o più, il mondo ha visto rivolte che non erano affatto rivolte, Maiden Square, Hong Kong, Tripoli, Il Cairo e hanno visto attacchi terroristici, Parigi, Boston e altri. Tutti questi eventi sono stati messi in scena.

Ora gli Stati Uniti sono in fiamme.

C’è qualcosa in comune qui? Non ci vuole un genio a capire che l’Ucraina è stata rovesciata da un complotto della CIA o che la primavera araba, la serie di false rivoluzioni, seppur fallite, sono state organizzate come anche in Siria, ognuna con le sue caratteristiche.

Ora quelli che hanno capovolto il mondo sono pronti a rivoltarsi
verso l’interno, anche se “di nuovo”, e fare un passo negli Stati Uniti verso l’incubo orwelliano previsto dopo le elezioni del 2016 dagli analisti politici .

Gli strumenti furono perfezionati nel mondo post 11 settembre, alimentati da guerre false, falso terrorismo, trilioni di ricchezza rubata e una burocrazia di sicurezza che ora impiega due milioni di americani, quasi quanto le prigioni americane.

Dov’è il “cuore oscuro” dell’America profonda?

Ora è tempo che l’America tragga beneficio dagli anni di conoscenza ed esperienza acquisiti dalla US Army Intelligence School a Fort Huachuca, in Arizona, dove sono stati formati quelli che progettavano un Maidan e Hong Kong.

Ora vediamo le stesse facce bruciare auto della polizia e gruppi leader di rivoltosi stranamente ben curati e quasi interamente bianchi in una dozzina di città, la storia è sempre la stessa, pacifiche proteste degli afroamericani e poi i manifestanti contro i manifestanti, e il inizia il bruciore del fuoco e il saccheggio, “al momento giusto”.

I violenti rivoltosi? Sono bianchi, ma più di questo, è una ripetizione di ciò che avevamo visto così tante volte, potrebbe essere stato per le strade di Dallas nel 1963 o di Hong Kong oggi.
Chi sono “loro”, i giocatori in questo teatro della strada?
Forze speciali dell’esercito americano / Intelligence dell’esercito
Appaltatori di intelligence come Black Cube e gruppi legati a DeVos-Prince
, la “regalità” della comunità mercenaria
Polizia sotto copertura e rappresentanti dell’FBI Washington Field Office.
Gli agenti politici finanziati dai think tank conservatori di Washington
La scienza di reclutare “mob flash” usando i social media e dirigere la guerra urbana è una specialità dell’esercito americano. In effetti, è così che oggi gli Stati Uniti preferiscono combattere guerre, a mezzo ribelli, terroristi, uccisioni mirate e propaganda nera.

Ora questo marasma si è rivoltato contro gli Stati Uniti in un anno elettorale in cui l’attuale presidente è a due cifre alle urne e giustamente accusato del più grande disastro della storia.

Incendi e saccheggi negli USA

Quale delle politiche di Trump sta mantenendo l’esercito, la CIA e la polizia, tra gli altri, lavorando mano nella mano per distruggere l’America? Sono le enormi agevolazioni fiscali per i ricchi? Può essere la riduzione della popolazione attraverso una cattiva gestione della pandemia? Difende Israele, per quanto folle o assurda sia diventata quella nazione?
Ci sono ragioni più sinistre o importa qualcosa?

Ground Zero Minneapolis

L’uccisione di George Floyd, una guardia di sicurezza del locale notturno, da parte di diversi agenti di polizia, tra cui il collega di lunga data di Floyd nel locale notturno El Nueveo Rodeo, Derek Chauvin, ha suscitato presunte proteste civili “organiche”.

Tuttavia, non c’è nulla di “organico” in tutto ciò, non la strana coincidenza di Floyd e del suo assassino, o di uno di loro, essendo qualcuno che doveva conoscere personalmente e conoscere abbastanza bene, qualcosa che i media hanno scoperto e poi rapidamente nascosto, come gli fosse stato ordinato.

Ritorniamo qualche settimana. Gli americani stavano morendo, quindi solo decine di migliaia, non oltre i 100.000 morti in questo scritto. I rivoltosi avevano fatto irruzione nel Campidoglio del Michigan a Lansing, trasportando armi, alcune armi militari completamente automatiche con riviste di grande capacità, pronte in deposito per intimidire i legislatori.

La polizia non ha fatto nulla.

Le organizzazioni coinvolte, nonostante la pandemia, lavoravano apertamente da uno stato all’altro, guidando gli stessi galleggianti, le stesse macchine, viaggiando per migliaia di miglia e, avete indovinato, sebbene fosse illegale, la polizia non ha fatto nulla.

Naturalmente, queste organizzazioni sono state finanziate da Betsy DeVos, sorella di Erik Prince, la mano sospettata dietro una dozzina o più di conflitti in tutto il mondo.

Quindi, quando si è scoperto che per molti di coloro che trasportavano apertamente armi militari negli edifici governativi era legalmente proibito possedere armi o persino votare a causa di condanne penali e problemi di violenza domestica, la polizia non ha fatto nulla.

Ora la polizia sta facendo tutto, in particolare di fronte a proteste pacifiche in dozzine di città. Più sono pacifiche, più violenta è la polizia.

Poi di nuovo, aspetta solo un po ‘e si presentano le stesse facce, i tagli di capelli “alti e stretti” di tipo militare su quelli che lanciano cocktail molotov e pezzi di cemento. Nessuna protesta può rimanere pacifica mentre la polizia militarizzata richiede violenza per scatenare i loro “cani più feroci e le “armi minacciose”, come l’ha definita Donald Trump in un Tweet di sabato 30 maggio 2020.

Poi ci sono gli eserciti di adolescenti bianchi di periferia portati dai social media, ogni video li mostra, e nessuno tranne quelli che stanno cercando di mantenere pacifiche le proteste si pone la domanda, perché sono qui?

Anche questa risposta è semplice, l’uso da parte della CIA e dell’esercito americano dei social influencer per organizzare eventi violenti. La CIA e la Army Intelligence adorano gli “adolescenti bianchi”, i figli di privilegi e disaffezione, che sono più facilmente portati alla violenza.
A cosa pensi che servano i videogiochi?
Il software specializzato utilizzato per organizzare e “scatenare”, una versione modificata dello stesso software utilizzato dai gruppi politici, ha mappato ogni nazione della terra e identificato centinaia di migliaia di “influencer” primari alimentati con “materiale seminato” e, per la parte di livellosuperiore , da mettere sul libro paga.

Sotto di loro ci sono milioni, in ogni nazione, che sono profilati da un’intelligenza artificiale (intelligenza artificiale) secondo cui gli Stati Uniti non esistono, alcuni li hanno trovati “utili”, altri mirati all’arresto o peggio.

Ho lavorato su questi programmi e ho il software. L’ho visto schierato in Egitto in prima persona, ma anche in altre nazioni, creando strati di mappe che mostrano ogni quartiere, mappe che etichettano, classificano e identificano non solo migliaia ma milioni.

Dietro i dati c’è la pianificazione e la capacità, e tale pianificazione e capacità esiste in così tante nazioni, capacità che ora stiamo vedendo dispiegate negli Stati Uniti da elementi criminali che sono, di fatto, nel governo degli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, l’organizzazione che lo fa, la pianificazione e le capacità, per l’esercito americano è Google Idea Groups / Google Jigsaw, che lavora con Facebook e una serie di aziende tecnologiche e guidata dall’ex consigliere per la sicurezza della Casa Bianca Jared Cohen.

Jared Cohen, come impiegato di Google, insegna guerra irregolare usando i social media all’esercito americano. Cohen tiene regolarmente lezioni a West Point su questo argomento specifico.

Conclusione

Abbiamo identificato le organizzazioni, agenzie di intelligence, civili o militari o siano esse politiche, il che significa “globalista”, come attori principali.

Potremmo anche presumere che ogni evento sia monitorato e sfruttato, infatti sappiamo che lo è. Possiamo anche supporre che molti, nemmeno la maggior parte o anche tutti gli “atti” siano messi in scena?

Si avvia quindi un processo che inizia con “a chi giova?” Di rado è la risposta a “terroristi” o “persone in cerca di libertà”. La risposta, invariabilmente, si rivolge ai “soliti sospetti”.

Tuttavia, non saranno nominati, non saranno accusati, non saranno indagati o investigati. Possiedono il Senato degli Stati Uniti, uno dei quali è il procuratore generale degli Stati Uniti e controllano 5 su 9 giudici della Corte suprema degli Stati Uniti.

Hanno sempre controllato le armi e le prigioni.

Controllano la stampa, certamente controllano Internet, infatti, possiedono Internet, è il loro parco giochi, il loro strumento.

Allora ci si potrebbe chiedere, che dire delle aspirazioni autentiche dell’umanità che cercano la libertà? Tuttavia, se esistessero tali, le capacità di corrompere o distruggere gli stessi sono il motivo per cui Google è Google.

E se si guardasse in giro per il mondo, usando gli strumenti che si possono ottenere, tutti che coinvolgono Internet, che sono tutti filtrati e contorti, censurati e seminati di fiacchezza, quale purezza di cuore si potrebbe trovare?

Se esistesse, Facebook lo vieterebbe. Google lo eliminerebbe dalla lista. YouTube lo censurerebbe.

Se esistesse, i media lo chiamerebbero terrorista e gli Stati Uniti scatenerebbero droni contro di esso.

Polizia USA

Sarebbe sanzionato.

Per le strade dell’America, migliaia di persone stanno lottando per la propria vita contro una agguerrita polizia militarizzata che da tempo si è allineata con elementi globalisti.

Non esiste una linea che separa la polizia dai militari, la polizia dalle agenzie di spionaggio o la polizia, di fatto, dai criminali.

Per due decenni, l’obiettivo principale dell’esercito americano è stato quello di creare un clima mondiale in cui in tutto il mondo esistessero controlli dello stato di polizia, sorveglianza totale, controllo totale e manipolazione.

La “comunità imprenditoriale” del mondo lo richiede.

Ora, qui negli Stati Uniti, i trucchi usati contro la Libia, la Siria e l’Ucraina sono tornati a casa per essere utilizzati qui.

*Gordon Duff è un veterano dei combattimenti marini della guerra del Vietnam che ha lavorato per decenni sui veterani e sulle questioni relative ai prigionieri di guerra e si è consultato con i governi sfidati da problemi di sicurezza. È redattore senior e presidente del consiglio di amministrazione di Veterans Today , in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook ” (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Farouq
    2 Giugno 2020

    La spiegazione è semplice e naturale, il mostro che non trova più avversari facili come prima (sono nate nuove potenze) si autodistrugge, sfoga la rabbia che possiede e si autopunisce, è impazzito

  • Monk
    2 Giugno 2020

    Parliamo male degli yankee quanto vogliamo ma a ‘sto giro la questione è diversa, non raccontiamoci cazzate, i mongoloidi neri e bianchi che saccheggiano negozietti di poveri cristi per poi essere massacrati di botte, della morte del gorilla non gliene frega una sega, chiaro? Tutta l’ala sinistrata radical chic globalista negriera, compresi gli stessi negri, stanno attuando il piano del deep state infame: rovesciare Trump. Potrà non piacere ma è sempre meglio dei froci clinton obama e compagnia negra danzante. Gli sbirri che si inginocchiano fanno capire che sono a un passo dal colpo di stato e non menatela con le questioni razziali con i negri in diversi posti di comando in tutta la nazione….la figlia del sindaco di New York è stata arrestata durante gli scontri e non ha la carnagione bianca, due pubblici ministeri della città sono stati arrestati per aver gettato bottiglie molotov alla polizia, i vip di sto cazzo come De Niro inneggiano alla rivolta e me la menate con i diritti violati dei manifestanti? Quese sono solo zecche che meriterebbero di essere disintegrati. Decidetevi, con gli Obama o contro.

  • Man
    2 Giugno 2020

    Cosa non si fa per vincere le elezioni e tiranneggiare il Mondo: come prima più di prima. Certo a volte gli Yankee ci azzeccano le analisi. Chapeau.

  • Teoclimeno
    2 Giugno 2020

    Non c’è bisogno di andare negli Stati Uniti per capire come funziona il Sistema, basta vedere quello che sta succedendo in Italia sotto i nostri occhi. A proposito: oggi 2 Giugno, festa della “Repubblica delle Banane”. Grandi discorsi tromboneschi. Una tragica farsa che non fa più ridere nessuno.

Inserisci un Commento

*

code