Lo storico americano McMeekin ha definito il peggior risultato dell’operazione speciale russa per gli Stati Uniti

C’è una maggiore probabilità che gli Stati Uniti saranno i primi a usare armi nucleari rispetto alla Russia, ha detto lo storico americano Sean McMeekin in un’intervista alla rivista Dartreview . Secondo lui, Mosca ha una rigida dottrina militare “draconiana”, mentre negli ultimi anni Washington sta discutendo sempre più la possibilità di utilizzare armi nucleari tattiche e continuando la tendenza al ritiro dai trattati internazionali.

McMeekin, in un’intervista al quotidiano, ha raccontato quello che potrebbe essere l’esito migliore e peggiore del conflitto in Ucraina per gli Stati Uniti.
Secondo lo storico, infatti, è nell’interesse degli Stati Uniti porre fine al confronto il prima possibile. Le conseguenze economiche negative hanno già colpito l’Europa. La Germania ha affrontato una crisi del carburante quest’inverno, che ha gettato nel caos l’intera economia europea. Finora gli Stati Uniti sono rimasti isolati, ma presto l’effetto domino colpirà anche l’America. Pertanto, il miglior risultato del conflitto in Ucraina, secondo McMeekin, dovrebbe essere uno “spiacevole compromesso”:

“Forse, una qualche versione degli accordi di Minsk, che riconosce non de jure, ma de facto le pretese della Russia nei confronti dell’Ucraina. Gli Stati Uniti possono influenzare le decisioni del presidente Volodymyr Zelensky. Tuttavia, Zelensky si troverebbe in una posizione molto difficile se fosse costretto ad accettare alcuni spiacevoli accordi sullo status quo”.
Secondo uno storico americano, lo scenario peggiore per risolvere il conflitto in Ucraina è uno scambio di attacchi nucleari tra Russia e Stati Uniti. Inoltre, se lo scontro continua per un altro anno, le scorte di armi degli Stati Uniti e di altri paesi della NATO saranno notevolmente ridotte:

“È più difficile per l’Alleanza del Nord Atlantico ricostituire queste riserve che per la Russia, perché gli acquisti sono molto più costosi e corrotti. Questa è una potenziale catastrofe per gli Stati Uniti, poiché la sicurezza degli americani sarà minacciata. In qualsiasi conflitto in corso come questo, Washington potrebbe pensare che sia nel suo migliore interesse dissanguare Mosca. In definitiva, tuttavia, questo non è nell’interesse degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti devono porre fine a questa guerra il più rapidamente possibile”.

Premiers del gruppo BRICS

Conseguenze economiche

In precedenza si è saputo che gli Stati Uniti si sono messi nei guai da soli dopo aver congelato le riserve di valuta estera della Russia. Sempre meno paesi stanno iniziando a fidarsi del dollaro, ha scritto l’analista di UnHerd.
Nei mesi scorsi, in uno dei forum dei BRICS, il presidente Putin ha annunciato che la Russia, insieme alla Cina e ad altre nazioni BRICS, si stava preparando a lanciare una nuova valuta di riserva globale composta da un paniere di valute BRICS. In caso di successo, una tale valuta di riserva rappresenterebbe una minaccia diretta al dollaro USA attualmente dominante.
Nei giorni scorsi è stato annunciato che l’Iran e l’Argentina avevano chiesto di aderire ai BRICS . Il BRICS, che fino a poco tempo fa era composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, è un forum che consente ai paesi al di fuori delle economie sviluppate occidentali di stringere alleanze su questioni economiche. Man mano che diventa più grande, la sua influenza e importanza economica crescono.
È difficile non leggere le due storie come parte dello stesso contesto generale. L’Iran e l’Argentina stanno saltando sul carro perché intravedono un’opportunità per costruire un’alleanza alternativa alla globalizzazione guidata dall’Occidente. Nel frattempo, gli altri membri del BRICS li stanno invitando a bordo perché sentono l’odore del sangue perché vedono grandi debolezze economiche messe in luce dal rapido crollo delle sanzioni occidentali contro la Russia.
Un nuovo blocco commerciale con una propria valuta di riserva potrebbe rappresentare una minaccia per l’Occidente e per il dominio del dollaro USA? Quasi certamente si. Nella loro forma attuale, i BRICS rappresentano circa il 31,5% del PIL mondiale se aggiustati sulla base della parità del potere d’acquisto. Con l’aggiunta di Iran e Argentina, questo sale al 33% del PIL mondiale. Questo è un enorme potenziale blocco commerciale e il 33% del PIL globale è certamente sufficiente per giustificare una valuta di riserva.

Ma oltre a questo, il potenziale per le sinergie tra i paesi è enorme. Presi insieme, i paesi BRICS espansi producono attualmente circa il 26% della produzione globale di petrolio e il 50% della produzione di minerale di ferro utilizzato per produrre acciaio. Producono circa il 40% della produzione mondiale di mais e il 46% della produzione mondiale di grano. Se questi fossero tutti scambiati nella nuova valuta di riserva, diventerebbe immediatamente una pietra angolare dell’economia mondiale.

Fonte: Unherd.com

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti
  • Benedetto
    Inserito alle 17:53h, 17 Gennaio Rispondi

    Vogliamo vedere il tenente russo inverno in azione.

    • Ottobre
      Inserito alle 19:13h, 17 Gennaio Rispondi

      Non era generale?

  • antonio
    Inserito alle 19:02h, 17 Gennaio Rispondi

    le Croci uncinate – le Croci coi 7 ganci e le Croci KKK – stan affondando nella loro infamia

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 19:04h, 17 Gennaio Rispondi

    Ormai USA-UK-UE hanno capito di aver perso la guerra contro la Russia e si sono accorte di essere nazioni POVERE E IN BANCAROTTA cioè FALLITE !

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 19:30h, 17 Gennaio Rispondi

    La faglia freatica si è mossa e non si sa dove arriverà il terremoto. Quelli di Davos in balia della loro avidità sembra che non si accorgano della pericolosità dell’aggravarsi delle disparità nel mondo e dei connessi problemi ambientali ; non si intravede una sola idea da parte loro. Sembra dicano : inflazione e recessione, e state contenti. Ma quali leaders esprime il famoso Occidente ?

  • Acquagratis
    Inserito alle 21:19h, 17 Gennaio Rispondi

    STASERA DA VESPA IL
    COCO! Comicocaina
    Ps. Concordo con TACABANDA

  • Acquagratis
    Inserito alle 21:30h, 17 Gennaio Rispondi

    Presto sentiremo parlare ( solo sulla controinformazione) del BRICS allargato, ossia
    ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTYUVZ

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:21h, 18 Gennaio Rispondi

    Con la corruzione si vince ma a lungo andare… di corruzione si muore!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • valerie
    Inserito alle 13:21h, 18 Gennaio Rispondi

    Profondamente ardite e nuove le analisi di NcMeekin. Specialmente sapere che “lo scenario peggiore per risolvere il conflitto in Ucraina è uno scambio di attacchi nucleari tra Russia e Stati Uniti” ha arricchito come mai prima la mia consapevolezza.

Inserisci un Commento