Lo stato coloniale israeliano è stato smascherato per quello che è

La democrazia israeliana non costituisce un ostacolo al genocidio, proprio come lo storico colonialismo anglo-americano negli Stati Uniti, in Canada e in Australia

La settimana scorsa il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto in cui trova “ragionevoli motivi per ritenere che la soglia che indica che Israele ha commesso un genocidio sia stata raggiunta” a Gaza. Ciò è avvenuto quando il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiedeva un cessate il fuoco immediato.

“La leadership esecutiva e militare israeliana e i soldati hanno intenzionalmente distorto i principi dello jus in bello [giusta condotta in guerra], sovvertendo le loro funzioni protettive, nel tentativo di legittimare la violenza genocida contro il popolo palestinese”, secondo una sintesi del rapporto del Consiglio per i Diritti Umani. “ Anatomia di un genocidio ”.
Sapete che qualcosa di veramente malvagio sta accadendo quando anche il partner criminale di Israele, gli Stati Uniti, si sono astenuti per consentire l’approvazione del voto di cessate il fuoco presentato da 10 stati membri non permanenti. Ma secondo il tipico stile statunitense, continua a consentire il genocidio poiché il Washington Post ha riferito che “nuovi pacchetti di armi” per Israele sono stati autorizzati e “includono più di 1.800 bombe MK84 da 2.000 libbre e 500 bombe MK82 da 500 libbre.

Nel frattempo, anche il Dipartimento di Stato americano deve ora riconoscere che Gaza sta soffrendo la carestia o è vicina a questa.

“Mentre possiamo dire con sicurezza che la carestia è un rischio significativo nel sud e nel centro ma non è presente, nel nord è allo stesso tempo un rischio e molto probabilmente è presente almeno in alcune aree”, ha detto a Reuters un funzionario.

Nel presentare il suo rapporto, la relatrice speciale delle Nazioni Unite Francesca Albanese (nella foto sopra) ha accusato Israele di aver violato tre dei cinque atti elencati nella Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite: uccidere membri di un gruppo specifico; causare gravi danni fisici o mentali; e infliggere deliberatamente condizioni di vita intese a provocare la sua distruzione fisica totale e parziale.

Ha anche scoperto che gli atti genocidi sono stati approvati da alti funzionari militari e civili israeliani. Questi atti, sostiene, fanno parte di un “processo di cancellazione coloniale-coloniale”, che è “in corso da più di 70 anni”.

Per decenni, l’opinione pubblica occidentale è stata convinta che Israele fosse l’unica democrazia in Medio Oriente. Ma ciò che viene trascurato e nascosto è che tutte le democrazie anglo-americane sono state storicamente progetti di genocidio colonialista, negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.

Ecco perché, commentando la guerra di Gaza, lo storico israeliano Ilan Pappé ha definito Israele l’ultimo progetto coloniale. Pur rivendicando quasi sempre un livello morale elevato e scopi nobili, tale colonialismo, come ora sappiamo, era il gemello storico e malvagio delle democrazie anglo-americane. Era anche l’immagine speculare dell’imperialismo genocida della “vecchia” Europa.

Ma perché? Non posso fare di meglio che citare un corrispondente erudito.

“[La demonizzazione] è stata essenziale per delegittimare la resistenza palestinese all’occupazione e all’oppressione perpetua e, ora, è essenziale per legittimare il genocidio agli occhi dell’Occidente”, ha scritto. “[Ciò] è coerente con la mentalità imperialista/colonialista/razzista che, nel corso dei secoli, ha considerato che gli schiavi, i colonizzati, gli occupati e gli oppressi devono accettare il loro giusto destino, che non hanno il diritto di resistere violentemente ai loro proprietari di schiavi, colonizzatori, occupanti e oppressori e che, se questi esseri inferiori osano mai farlo, meritano una punizione esemplare… Questa mentalità disumanizzante è praticamente obbligatoria per i membri del gruppo etnico immigrato in qualsiasi stato coloniale di insediamento, dal momento che nessun quadro morale potrebbe giustificare tale azione. agli esseri umani ciò che deve essere fatto alla popolazione indigena che deve essere espropriata, dispersa e, spesso, sterminata affinché un progetto coloniale di insediamento abbia successo”.

Gaza, emergenza umanitaria per massacro israeliano

Israele ritiene l’intera popolazione di Gaza responsabile delle atrocità commesse da Hamas il 7 ottobre. Secondo la stessa logica, il mondo non dovrebbe ora ritenere i cittadini israeliani responsabili del genocidio?

Il paese è stato a lungo descritto in Occidente come una democrazia solitaria e coraggiosa in lotta per la sopravvivenza, costantemente minacciata da arabi animaleschi e palestinesi terroristici. Il rovescio della medaglia è che si tratta di uno stato coloniale che espropria e che ora, a quanto pare, cerca di eliminare la popolazione indigena.

Fonte: South China Morning Post

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Lo stato coloniale israeliano è stato smascherato per quello che è

  1. Ci tengo a precisare che quello dei nazi adunchi (altro nomignolo degli ebrei) non ha la dignità di stato, ma è un’entità con le seguenti caratteristiche: sionismo, illegalità, terrorismo e pulsioni genocide.

    Cari saluti

  2. Non e’ da ora che si smaschera Israele come entità genocida. Basti pensare che nel 1948, disgraziata data della sua nascita, la popolazione araba di Palestina era d’ oltre 1.5 milioni di persone, ed occupava il 98% del territorio. I sionisti dai 4 ai 500 Mila, ne occupavano meno del 2%. Dopo oltre 70 anni di massacri, evacuazioni armate forzate, e conflitti la popolazione sionista e’ passata a quasi 10 milioni, ed occupa il 98 % delle terre prima palestinesi. Gl’ arabi in Palestina stanno stipati ormai tutti a Gaza, due percento del territorio, e fanno fatica ad arrivare a tre milioni di persone. Un tale grafico in completa INVERSIONE demografica e territoriale si può definire e spiegare solo come SEGREGAZIONE E GENOCIDIO.

    1. Ho letto l’articolo del bravo giovane palestinese, addirittura troppo buono con i nazi adunchi dell’entità sionista e in generale con gli ebrei ovunque siano incistati nel mondo, nonostante la sua stessa famiglia ne abbia subito la violenza cieca e vile.

      Io sono fra quelli che fin da subito ha notato che si cercava di attribuire tutta la colpa di quanto sta accadendo a Gaza al pur criminale netanyahu, questo da parte delle prostitute mediatiche usa e europoidi, perché una volta ultimata la distruzione della Striscia di Gaza e completate le uccisioni di donne e bambini palestinesi, fungerà da “capro espiatorio” e attraverso il suo “sacrificio” ebrei e usa cercheranno di ripulire la loro immagine internazionale, addossando a lui tutti i crimini che hanno commesso in solido.

      Inoltre, come ha sostenuto il Filosofo Russo Aleksandr Dugin, i nostri peggiori nemici sono proprio i liberali, sanders e warren compresi.

      Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM