Lo spettacolo decadente del passaggio del comando negli Stati Uniti

di Pepe Escobar

L’inaugurazione della stagione del “programma di cambio di regime” di Joe (Biden) e Kammy (Harris) non poteva essere altro che una stanza piena di specchi che riflettono l ‘”élite politica” americana.
Lo spettacolo decadente del passaggio del comando negli Stati Uniti

Durante gli anni 2000, mi sono trovato faccia a faccia con la Green Zone di Baghdad diverse volte. Sono rimasto e ho lavorato nella instabile e pericolosa Zona Rossa, come puoi leggere nel mio libro scritto nel 2007.
Quindi abbiamo pensato che il retrocesso dell’Impero americano sarebbe stato inevitabile.
Ma anche così, non avremmo mai immaginato una tale ripetizione grafica: una replica integrale della Green Zone di Baghdad nel cuore della capitale imperiale, Washington; con muri, filo spinato, posti di blocco e guardie pesantemente armate.
Questo panorama è tanto più significativo perché pone fine a un ciclo geopolitico, la fine del “nuovo ordine mondialequando l’impero iniziò a bombardare l’Iraq 30 anni fa: la Desert Storm lanciata il 17 gennaio 1991.
La Zona Blu è ora “protetta” con un massiccio dispiegamento di truppe: ci sono più di 26.000 soldati dentro e intorno al Campidoglio, molto di più dell’Afghanistan e dell’Iraq messi insieme. “The Forever Wars”, sono tornate al punto di partenza.
Proprio come a un normale iracheno non è stato permesso di entrare nella Green Zone, a un normale americano non è permesso entrare nella Blue Zone.
E come la Green Zone irachena, quelli all’interno della Blue Zone sono visti da metà della popolazione come una forza di occupazione.

Solo la satira è in grado di rendere giustizia poetica. Quindi benvenuto al presidente più popolare della storia, solo Joe assumerà il timoroso comando della sua guardia pretoriana. Il Sud del mondo ha già visto questo orribile spettacolo molte volte. Ma non l’avevamo mai visto come un film di successo di Hollywood, girato nella mecca dell’Occidente-
In caso di dubbio, diamo la colpa alla Cina

Stato d’assedio a Washington

Nel frattempo, intrappolata nella Blue Zone, la Casa Bianca nei discorsi ufficiali ha messo insieme una lista infinita di “realizzazioni”. La folla si scatenerà quando gli orribili disastri di politica estera di Trump saranno finiti, una cortesia dello psicopatico americano Mike Pompeo che ha fatto di tutto per screditare la diplomazia ufficiale.
Tuttavia, grande attenzione deve essere rivolta a un elemento chiave: “La colossale ricostruzione delle forze armate” così definita dai media mainstream.

Questo è il fattore che giocherà un ruolo chiave oltre il 20 gennaio. Per più di una ragione il generale Flynn è stato estremamente impegnato a mostrare “le prove” che i militari sono “impegnati” nell’ologramma del nuovo capo.

E poi c’è il dramma senza fine del 3 novembre. La colpa deve essere adeguatamente condivisa. L’arresto dei “terroristi domestici” non è sufficiente. Vedremo presto come sarà essenziale considerare “l’interferenza straniera”.

Giuramento Biden e Harris


Abbiamo già sentito il direttore dell’intelligence nazionale (DCI) John Ratcliffe affermare categoricamente che “la Repubblica popolare cinese ha cercato di influenzare le elezioni del 2020”.
Ratcliffe si riferiva a un rapporto inviato al Congresso il 7 gennaio dal “difensore civico” Barry Zulauf.
Tutta questa farsa impazzisce quando il documento viene letto, Zulauf accusa nientemeno che l’alto comando della CIA, di aver nascosto i dati dell’intervento straniero.
L’alto funzionario afferma che gli analisti hanno utilizzato standard diversi. La Russia, ovviamente, è colpevole dall’inizio. Ma la Cina ha il vantaggio del dubbio.
Ascolta Langley, abbiamo un problema .

Per Pompeo Minimo (ex capo della CIA, “… noi mentiamo, imbrogliamo, rubiamo abitualmente”) il Partito Comunista Cinese è il più grande male della storia. Quindi come non avrebbe interferito con le elezioni?
Allo stesso tempo, per la fazione Deep State (Democratici), la Russia è perennemente colpevole di … qualunque cosa.
Questa spaccatura all’interno delle fogne americane – ora “piene di specchi” -si riverbera deliziosamente sulla Zona Blu / Zona Rossa.
Inutile dire che, sia nel rapporto del “difensore civico” che nella lettera di Ratcliffe, non c’è assolutamente alcuna prova concreta di “interferenza cinese”.
Per quanto riguarda la Russia, ancora una volta, questa è solo una falsa accusa. La fazione democratica dello “stato profondo” è ancora impegnata a cercare prove per incolpare Mosca (l’ultima tattica si concentra su una giovane donna che potrebbe aver rubato il laptop “Pelosi” per venderlo presumibilmente all’intelligence russa).

L’intero Sud del mondo, compresa la “Green Zone” di Baghdad, non ha avuto spettacolo migliore di cui ridere Le banane sono vendute nella Blue Zone?

Fonte: Portalba.org

Traduzione. Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM