Lo scacchiere geopolitico si sta rivoltando contro l’impero americano

placeholder


di Pepe Escobar

Lo scacchiere geopolitico è in perpetuo movimento – e mai più che nell’attuale incandescente congiuntura.
Dalle discussioni tra gli studiosi cinesi – in particolare quelli della diaspora asiatica e americana – emerge un affascinante consenso sul fatto che non solo la Germania/UE abbia perso la Russia, forse irrimediabilmente, ma che la Cina abbia guadagnato la Russia, con un’economia altamente complementare alla propria e forti legami alla maggioranza globale del sud/globale che può beneficiare e aiutare Pechino.

Nel frattempo, un ristretto numero di analisti di politica estera atlantisti sta ora cercando di cambiare il discorso su NATO e Russia, applicando i rudimenti della realpolitik.

La nuova narrativa è che sarebbe “strategicamente sciocco” per Washington sperare di sconfiggere Mosca, e che la NATO sta sperimentando la “stanchezza dei donatori” mentre il guerrafondaio in felpa di Kiev “perde credibilità”.

Traduzione: è la NATO nel suo insieme che perde completamente la sua credibilità, poiché la sua umiliazione sul campo di battaglia ucraino è ora dolorosamente visibile all’intera maggioranza mondiale.

Inoltre, la “stanchezza dei donatori” si traduce nella perdita di una grande guerra. Come ha ripetutamente sottolineato l’analista militare Andrei Martyanov, “ la ‘pianificazione’ della NATO è uno scherzo. E sono invidiosi, dolorosamente invidiosi e gelosi .

Una via credibile è che Mosca non negozi con la Nato – mera appendice del Pentagono – ma offra ai singoli Paesi europei un patto di sicurezza con la Russia che ovvi alla loro necessità di adesione alla Nato. Ciò garantirebbe la sicurezza di qualsiasi paese partecipante e ridurrebbe la pressione esercitata su di esso da Washington.

C’è da scommettere che le più importanti potenze europee potrebbero accettarlo, ma non certo la Polonia – la iena d’Europa – ei chihuahua del Baltico.

Allo stesso tempo, la Cina potrebbe offrire trattati di pace a Giappone, Corea del Sud e Filippine, il che porterebbe alla scomparsa di una parte significativa dell’impero americano dalle basi.

Il problema, ancora una volta, è che gli Stati vassalli non hanno né l’autorità né il potere di rispettare un accordo che garantisca la pace. Gli uomini d’affari tedeschi sono sicuri che prima o poi Berlino potrebbe sfidare Washington e fare affari con la partnership strategica Russia-Cina perché avvantaggia la Germania.

Eppure la regola d’oro non è ancora stata rispettata: se uno stato vassallo vuole essere trattato come uno stato sovrano, la prima cosa da fare è chiudere le principali diramazioni dell’Impero dalle basi e sfrattare le truppe americane.

L’Iraq ha cercato di farlo per anni, senza successo. Un terzo della Siria rimane occupato dagli Stati Uniti, anche se questi ultimi hanno perso la loro guerra per procura contro Damasco a causa dell’intervento russo.

Il progetto ucraino, un conflitto esistenziale
La Russia è stata costretta a combattere un vicino e un parente che semplicemente non può permettersi di perdere; e come potenza nucleare e ipersonica, non lo farà.

Anche se Mosca sarà in qualche modo strategicamente indebolita qualunque sia l’esito, sono gli Stati Uniti – secondo l’opinione degli studiosi cinesi – che potrebbero aver commesso il loro più grande errore strategico dalla fondazione dell’Impero: trasformare il progetto ucraino in un conflitto esistenziale e impegnarsi l’intero Impero e tutti i suoi vassalli in una guerra totale contro la Russia.

Per questo non ci sono negoziati di pace e si rifiuta persino un cessate il fuoco; l’unico risultato possibile immaginato dagli psicopatici neocon straussiani che dirigono la politica estera statunitense è la resa incondizionata della Russia.

Nel recente passato, Washington poteva permettersi di perdere le sue guerre preferite contro il Vietnam e l’Afghanistan. Ma semplicemente non può permettersi di perdere la guerra contro la Russia. Quando ciò accadrà, e già si profila all’orizzonte, la rivolta dei vassalli sarà di vasta portata.

È chiaro che d’ora in poi la Cina e i BRICS+ – la cui espansione inizierà al vertice in Sudafrica del prossimo mese – daranno il via all’indebolimento del dollaro USA. Con o senza India.

Non ci sarà una valuta BRICS imminente, come sottolineano alcuni grandi punti di questa discussione . Il campo d’azione è immenso, gli sherpa sono solo alle prime fasi del dibattito e le linee principali non sono ancora state definite.

L’approccio BRICS+ si evolverà dal miglioramento dei meccanismi di regolamento transfrontaliero – come hanno sottolineato tutti, da Putin al direttore della Banca centrale Elvira Nabiullina – alla possibile creazione di una nuova valuta a lungo termine.

Sarà probabilmente uno strumento di trading piuttosto che una valuta sovrana come l’euro. Sarà progettato per competere con il dollaro USA negli scambi, inizialmente tra i paesi BRICS+, e in grado di aggirare l’ecosistema egemonico del dollaro USA.

La domanda chiave è quanto a lungo la falsa economia dell’Impero – decostruita clinicamente da Michael Hudson – può resistere in questa guerra geoeconomica ad ampio spettro.

Tutto è una ‘minaccia alla sicurezza nazionale’
Sul fronte della tecnologia elettronica, l’Impero non si è fermato davanti a nulla per imporre la dipendenza economica globale, monopolizzando i diritti di proprietà intellettuale e, come osserva Michael Hudson, “estrarre rendita economica dall’imposizione di prezzi elevati per chip di computer ad alta tecnologia, comunicazioni e produzione di armi ” . .

In pratica non sta succedendo molto, a parte il divieto a Taiwan di fornire chip di pregio alla Cina, e la richiesta fatta a TSMC di costruire, al più presto, un complesso di produzione di chip in Arizona.

Il presidente di TSMC Mark Liu, tuttavia, ha osservato che la fabbrica deve affrontare una carenza di lavoratori con ” le competenze specialistiche necessarie per installare apparecchiature in una fabbrica di semiconduttori “. Il decantato impianto di produzione di chip dell’Arizona di TSMC non inizierà la produzione fino al 2025.

La principale richiesta del vassallo Impero/NATO è che la Germania e l’UE impongano una cortina di ferro commerciale al partenariato strategico Russia-Cina e ai loro alleati, garantendo così un commercio “senza rischi”.

Com’era prevedibile, il Think Tankland americano è andato in tilt, con i contributori dell’American Enterprise Institute che hanno dichiarato con rabbia che anche la riduzione del rischio economico non è sufficiente: ciò di cui gli Stati Uniti hanno bisogno è una rottura franca con la Cina.

In effetti, va di pari passo con la distruzione da parte di Washington delle regole del libero scambio internazionale e del diritto internazionale, e con il trattamento di tutte le forme di commercio e scambi finanziari e SWIFT come “minacce alla sicurezza nazionale” per il controllo economico e militare degli Stati Uniti.

Non sarà quindi la Cina a imporre sanzioni commerciali all’Ue, che resta un importante partner commerciale di Pechino, ma Washington a imporre uno tsunami di sanzioni ai Paesi che osano rompere il boicottaggio commerciale imposto dagli Stati Uniti.

Russia-RPDC incontra Russia-Africa
Questa settimana, lo scacchiere ha visto due mosse rivoluzionarie: la visita di alto profilo del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu in Corea del Nord e il vertice Russia-Africa a San Pietroburgo.

Shoigu è stato accolto a Pyongyang come una rockstar. Ha avuto un colloquio personale con Kim Jong-Un. La reciproca buona volontà offre la possibilità che un giorno la Corea del Nord aderisca a una delle organizzazioni multilaterali che aprono la strada al multipolarismo.

Questa sarebbe senza dubbio un’Unione economica eurasiatica allargata (EAEU). Ciò potrebbe iniziare con un accordo di libero scambio EAEU-RPDC, come quelli conclusi con Vietnam e Cuba.

La Russia è la prima potenza nella EAEU e può ignorare le sanzioni contro la RPDC, mentre BRICS+, SCO o ASEAN hanno troppi dubbi. Una delle principali priorità di Mosca è lo sviluppo dell’Estremo Oriente, una maggiore integrazione con le due Coree e la Northern Sea Route, o Via della Seta Artica. La Corea del Nord è quindi un partner naturale.

Portare la RPDC nella EAEU farà miracoli per gli investimenti nella BRI: una sorta di copertura di cui Pechino attualmente non gode quando investe nella RPDC. Questo potrebbe diventare un classico caso di ulteriore integrazione tra BRI e EAEU.

La diplomazia russa, ai massimi livelli, sta compiendo ogni sforzo per allentare la pressione sulla Corea del Nord. Da un punto di vista strategico, questo è un vero punto di svolta; immaginate l’enorme e sofisticatissimo complesso industriale e militare della Corea del Nord, aggiunto alla partnership strategica tra Russia e Cina, e che capovolge l’intero paradigma Asia-Pacifico.

Anche il vertice Russia-Africa di San Pietroburgo è stato un punto di svolta, lasciando apoplettici i principali media occidentali. Non era niente di più o di meno che la Russia annunciasse pubblicamente, con parole e fatti, un partenariato strategico globale con tutta l’Africa, anche se un Occidente collettivo e ostile conduceva una guerra ibrida – e un’altra – contro l’Afro-Eurasia.

Putin ha mostrato come la Russia detenga una quota del 20% del mercato mondiale del grano. Nei primi sei mesi del 2023 ha già esportato in Africa 10 milioni di tonnellate di grano. Oggi la Russia fornirà gratuitamente a Zimbabwe, Burkina Faso, Somalia ed Eritrea 25-50.000 tonnellate di grano ciascuno nei prossimi 3-4 mesi.

Putin ha fornito i dettagli di circa 30 progetti energetici in Africa, l‘espansione delle esportazioni di petrolio e gas, le ” applicazioni non energetiche uniche della tecnologia nucleare, specialmente in medicina “, il lancio di un impianto industriale vicino al Canale di Suez, i cui prodotti saranno esportati in tutta l’Africa, e sullo sviluppo dell’infrastruttura finanziaria africana, in particolare collegandola al sistema di pagamento russo.

Ha anche sostenuto legami più stretti tra l’EAEU e l’Africa. Un panel al forum, intitolato “EAEU-Africa: Horizons of Cooperation”, ha esaminato le possibilità, che includono una più stretta connessione continentale con i BRICS e l’Asia. Potrebbe essere in lavorazione un torrente di accordi di libero scambio.

La portata del forum è stata piuttosto impressionante. C’erano pannelli sulla “de-neocolonializzazione”, come “Raggiungere la sovranità tecnologica attraverso la cooperazione industriale” o “Nuovo ordine mondiale: dall’eredità del colonialismo alla sovranità e allo sviluppo”.

Naturalmente si è discusso anche del Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INSTC), i cui protagonisti sono Russia, Iran e India, che si apprestano a promuoverne l’estensione cruciale in Africa, sfuggendo alle coste della NATO.

A margine della frenetica azione di San Pietroburgo, il Niger ha conosciuto un colpo di stato militare. Anche se il risultato finale resta da vedere, è probabile che il Niger si unisca al vicino Mali nel riaffermare la sua indipendenza da Parigi in politica estera. L’influenza francese viene “azzerata” anche nella Repubblica Centrafricana (RCA) e nel Burkina Faso. Traduzione: la Francia e l’Occidente vengono estromessi in tutto il Sahel, passo dopo passo, in un processo irreversibile di decolonizzazione.

Attenti ai pallidi cavalli della distruzione
Queste mosse sulla scacchiera, dalla Corea del Nord all’Africa alla guerra dei chip alla Cina , sono cruciali quanto l’imminente e sconvolgente umiliazione della NATO in Ucraina. Tuttavia, non solo il partenariato strategico Russia-Cina, ma anche i principali attori del Sud del mondo/maggioranza globale sono pienamente consapevoli che Washington vede la Russia come un nemico tattico in preparazione della guerra totale contro la Cina.

Allo stato attuale, la tragedia irrisolta del Donbass tiene occupato l’Impero e lo allontana dall’Asia-Pacifico. Eppure Washington, sotto la guida degli psicopatici neocon straussiani, sta sprofondando sempre più nella disperazione, rendendola ancora più pericolosa.

Tutto questo mentre la “giungla” dei BRICS+ mette in moto i necessari meccanismi in grado di mettere da parte il “giardino” unipolare occidentale, mentre un’Europa impotente viene spinta nell’abisso, costretta a separarsi dalla Cina, dai BRICS+ e dalla maggioranza mondiale di fatto.

Non è necessario essere un esperto meteorologo per vedere da che parte soffia il vento della steppa, mentre i Pale Horses of Destruction seguono il ritmo della scacchiera e il vento inizia a ululare.

Pepe Escobar

fonte: Sputnik Globe

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Lo scacchiere geopolitico si sta rivoltando contro l’impero americano

  1. Il dittatore fascista USA di Biden assieme ai suoi burattini di piccoli dittatori fascisti-nazisti assassini di massa dei paesi UK-UE-Giappone -Corea del Sud potrebbe decidere di invadere è occupare tutta l” Africa !
    Una bella guerra “giusta” “democratica” FASCISTA COLONIALE USA-NATO contro i paesi Africani che fanno affari con Russia e Cina potrebbe essere molto utile al” impero USA !
    Tutti i popoli occidentali per colpa della ossessiva propaganda filo-USA operata in internet si illudono di essere liberi e di poter fare fare quello che vogliono e di essere loro a decidere !
    Una bella guerra coloniale facile -facile USA-NATO per la riconquista del” Africa potrebbe far capire ai popoli occidentali che vivono in una dittatura fascista dove si per gioco il popolo perde tempo a votare illudendosi di contare qualcosa !
    Con la conquista del ” Africa ci sarebbero milioni schiavi NERI da deportare nei paesi USA-NATO !
    Ci sarebbero anche milioni di schiavi BIANCHI dei paesi USA-NATO da inviare in Africa per colonizzare le nuove terre !

  2. La Russia esitante e indecisa sul proprio ruolo nella guerra non era di beneficio né per se stessa, né per gli altri attori della guerra.
    Adesso, invece, avendo contezza di essere in guerra, il comportamento russo risponde all’interesse di tutti.
    Come esempio parallelo indicherei l’opera di Ivan Gončarov, “Oblomov”, pigro e benestante signore. Egli, pienamente consapevole che un suo collaboratore lo derubava, per timore di danneggiare il ladro ne parlava sottovoce al proprio amico energico ed influente. Fu lo scatto d’ira dell’amico all’ennesima notizia negativa a liberarlo definitivamente del parassita. C’erano altre somiglianze con la Russia di oggi, ma quest’ultime finalmente superate. Il giudizio su questa mail è imprescindibile dalla consapevolezza che il popolo Russo, davanti alla nuova situazione, è lento a decidere, ma, presa la decisione, non pone indugi. Orbene, adesso i dubbi esistenziali sono spariti dalla mente dei Russi E CIO’ PUO’ CONTRIBUIRE ALLA PACE

  3. Per capire come si evolverà la “strategia di contenimento” militare degli yankee verso la Cina basta vedere un’articolo sulle batterie missilistiche mobili che gli americani hanno installato sulla cosiddetta prima catena di isole sul sito di Asia Times.
    La mappa riporta una sfilza di batterie che parte dal Sarawak malese nel Borneo e arriva al Giappone, facendo perno su Taiwan.
    Non ci sono dubbi che sull’isola già sono presenti queste batterie missilistiche mobili, appare evidente che dopo le elezioni presidenziali di gennaio Taiwan proclamerà l’indipendenza e diventerà il fulcro dell’aggressione militare americana alla Cina, la quale sta varando una nave da sbarco dopo l’altra per assaltare l’isola, inclusi mezzi da sbarco hovercraft in grado di arrivare a terra direttamente dalla terraferma.
    Intanto tra qualche settimana la portaerei cinese Fujian farà la sua crociera inaugurale, mentre la Cina sta costruendo 150 caccia j-20 di quinta generazione all’anno, contro la quarantina di F-35 che gli americani fabbricano nello stesso periodo.
    Il confronto è inevitabile, e visto che si svolgerà davanti alla costa cinese sarà vinto da Pechino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus