"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Lo Ius Soli come nuovo totem della sinistra mondialista

di Luciano Lago

La sinistra mondialista ed il PD in particolare sono quei soggetti politici che hanno fatto entrare il mercato e il grande Capitale Finanziario come unico dominus nel sistema, supremo regolatore ed entità a cui tutto deve essere sacrificato: i diritti sociali, le difese del lavoro, le leggi per la cittadinanza, la sopravvivenza delle piccole imprese, le risorse nazionali e l’agricolura nazionale, l’artigianato tradizionale e quant’altro risulti incompatibile con il nuovo sistema dei mercati aperti e della globalizzazione.

Gli attuali responsabili di governo e del Partito sono gli stessi soggetti che si sono collegati ai mostri sacri della finanza mondiale da cui dipendono in toto per qualsiasi scelta politica di governo.

Questi screditati esponenti della sinistra mondialista oggi cavalcano la società multiculturale e lo “Ius Soli” come un Totem a cui tutto la società italiana dovrebbe inchinarsi ed accettare come traguardo indiscutibile e “scelta di civiltà”.
Da questa ostinazione nel negare la realtà e la vera natura di questa pretesa “scelta di civiltà si evidenzia il fanatismo ideologico di cui sono intrisi tutti gli esponenti di questa classe politica che fra l’altro si dimostra sempre più intollerante e ed assolutista.
Telegiornali, quotidiani e siti web dicono tutti, grosso modo, la stessa cosa: “slitta la riforma sulla cittadinanza”. Adesso non si riesce a farla passare ma, con tutta probabilità, si farà più in avanti di sicuro. Non si può non approvare: “e’ una scelta di civiltà”, sostengono, rassegnatevi.

Il Pd vorrebbe passare per un partito moderato, di centrosinistra, dei ceti medi, soltanto perché ha abiurato la vecchia matrice comunista, come anche quella socialdemocratica, per convertirsi e passare, armi e bagagli, al liberalismo ed al globalismo dei mercati.

Questa sinistra borghese e filo capitalista che ha fatto dell’Unione Europea un riferimento irrinunciabile risulta quindi il vero pilastro del Sistema, anzi avoler ben vedere in Italia è il Sistema. Sono loro i fanatici del pensiero unico liberal e politicamente corretto. Loro hanno consegnato l’Italia all’oligarchia europeista e sono fanaticamente a favore dell’annientamento di ogni identità nazionale e culturale. Non sono moderati sono fanatici ed ideologizzati.
La sinistra mondialista (ed i suoi complici) ha come suo obiettivo quello di distruggere le differenze religiose, etniche, culturali, in nome di un universalismo astratto ed inumano, e al contempo vogliono liberare l’individuo da tutti i legami (religiosi, etnici, familiari, sessuali) e da tutte le identità. Sono postmoderni che vogliono portare all’estremo la logica nichilista della modernità.  Il vecchio sogno della massoneria si avvera.

I fanatici dello Ius soli

Abbandonato da tempo il vecchio mito della “lotta di classe” la sinistra ha trovato adessso il nuovo mito, il totem ideologico con cui ammantarsi di progresso e di scelta di civiltà: lo Ius Soli.
Una legge concepita da chi vuole consegnare la cittadinanza a tutti i figli di immigrati in funzione dell’idea che gli uomini siano tutti intercambiabili, che sia sufficiante nascere in Italia per essere italiano, è un concetto tipico del pensiero economico globalista che si relalizza nel meticciato e nella società multiculturale.

Sono gli stessi autori delle scelte contro il lavoro ed i diritti sociali, gli esponenti della sinistra mondialista i più zelanti esecutori del disegno neoliberista che si attua contro i lavoratori, contro le famiglie e le classi sociali subordinate, con la disarticolazione sociale e l’immissione di nuove masse di mano d’opera disponibile allo sfruttamento ed alla sostituzione anagrafica, come prescritto dai piani dell’ONU, del FMI, della Goldman Sachs, dei Soros, dei Peter Southerland, dei Mark  Zuckerberg e compagnia cantante, nel progetto definito di un nuovo sistema mondializzato e regolato dalle centrali del potere finanziario dominante.

Coloro che oggi cercano lodevolmente di opporsi e di manifestare contro lo Ius Soli vengono catalogati come “retrogradi”, reazionari, quando non razzisti, fascisti e nostalgici di un mondo che non c’è più.
Nessuna meraviglia, si tratta di una vecchia tecnica, in realtà la sinistra mondialista cerca di alzare lo schermo dell’antifascismo per occultare la sua subordinazione ai potentati finanziari ed alle centrali di potere sovranazionale che pilotano verso la destabilizzazione sociale del paese. Si nota un certo nervosismo negli esponenti della sinistra mondialista: è il terrore di essere scavalcati e smascherati presso l’opinione pubblica per le loro responsabilità di voler ridurre l’Italia ad un grande campo profughi per migranti economici e per l’africanizzazione strisciante che diventa la prospettiva reale di questo paese.

La difesa delle identità e delle comunità locali è il maggiore ostacolo al trionfo del mondialismo.

Lo avevamo già scritto e sostenuto da tempo: Quale fattore può’ ostacolare la vittoria definitiva del progetto mondialista? La disperata resistenza di coloro (individui, popoli e comunità’) che si frappongono all’assimilazione ed alla distruzione della propria cultura contro il non-essere dell’omogeneizzazione, dello sradicamento, della dissoluzione nella malsana brodaglia del cosmopolitismo mondialista. Prendere esempio dalle comunità indigene, dalle comunità etniche di altri continenti (i mapuche in America Latina, gli ungheresi in Europa) ed altri paesi.

Questa resistenza è’ l’unico fattore che rimane valido ad ostacolare il progetto mondialista quando, assieme ai vari settori di popolo, si coalizza per dare luogo ad una lotta senza quartiere per contrastare l’offensiva delle centrali di potere che dirigono il progetto del “Nuovo Ordine Mondiale” globalizzato.

Per questo le persone che vogliono oppporsi devono mobilitarsi oggi perchè domani non ci sarà più tempo quando il progetto diventerà irreversibile. Scendere in piazza e gridare la propria rabbia ed il proprio dissenso, fermarsi in protesta sui luoghi di lavoro, alzare la voce e contrastare i servitori del grande capitale e del nuovo ordine mondiale è un dovere di tutti coloro che non vogliono essere sottomessi.

*

code

  1. Citodacal 1 settimana fa

    “Sono loro i fanatici del pensiero unico liberal e politicamente corretto. Loro hanno consegnato l’Italia all’oligarchia europeista e sono fanaticamente a favore dell’annientamento di ogni identità nazionale e culturale. Non sono moderati sono fanatici ed ideologizzati”. (cit. dal testo)

    Invero si dimostrano abbondantemente come i fanatici del lassismo, ovvero più che fanatici opportunisti, o semplicemente ingenui (ma nel migliore dei casi). La via verso l’abbattimento d’ogni limite e vincolo in realtà non difende alcunché, non è in grado di tracciare alcuna linea del Piave per cui dover sputare sangue (rischiando d’apparir fanatici sul serio); secondo la logica dell’abbattimento e della liberalizzazione acefala, tutto diventa negoziabile seguendo le dinamiche più bieche e disumane del più spinto mercantilismo; niente merita d’essere difeso strenuamente fino in fondo, poiché un simile atteggiamento diventa una costrizione illiberale; tutto invece può essere messo in discussione – e in maniera dogmaticamente priva di dogmi – poiché questa opportunità inebria del sapore del liberalismo, e poco importa se, alfine, risulti sostanzialmente inconcludente ai fini d’una vera formazione umana: basta che il cane abbia la facoltà di mordersi la coda di continuo.
    Sotto questo aspetto dunque, codesti appaiono piuttosto come “fanatici” dell’antifanatismo – e dunque sostanzialmente simili agli ignavi danteschi –, poiché essi stessi bollano di fanatismo qualsiasi asserzione o presa di coscienza che non intenda abbassarsi oltre una certa soglia nella società liquida o fluida, ove tutto diventa intercambiabile senza più un vero senso logico, ma solo in funzione della fruibilità immediata, temporanea e contingente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 1 settimana fa

      Per me si tratta di un gruppetto di idealisti a 20.000 euro al mese che se la cantano e suonano da soli,mentre nella societa’ nessuno li segue piu’; c’e’ qualcosa di morboso nella pervicace volonta’ di andare incontro al fallimento e al suicidio politico.Alle prossime elezioni saranno sotterrati e buttati nella pattumiera della storia e i nostri nipoti studieranno sui banchi di scuola “il grande tradimento”,perche’ di questo si tratta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Silvia 1 settimana fa

        Bisogna vedere se i grandi potentati “democratici” occidentali in tal caso accetteranno i risultati delle elezioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Michele 1 settimana fa

          Ci racconteranno la storiella degli hacker russi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. te roman 1 settimana fa

    Le istituzioni nazionali sono state sovvertite da tempo.Praticamente esistono solo per servire il progetto globalista delle elites finanziarie che vogliono rendere permanente il loro dominio . La elezioni non servono a nulla perche anche qualora suddetti poteri non riuscissero a truccarle come hanno fatto in Francia ed Austria, i loro apparati non riconoscerebbero autoriita’ad un governo espressione della volonta’ popolare. Lóccidente e’saldamente nelle mani di questi poteri ,che controllano i media e la cultura attraverso le quali riescono ad instupidire le masse. Purtroppo cio’che la grande maggioranza dei cittadini vogliono non e’espressione della loro capacita’di discernimento ma adesione a modelli socialmente accettabili al punto che i piu’bisognosi di autoaffermazione si traformano spesso in contenitori di ideologie di cui non comprendono origine e scopi. Ius soli ,teoria del gender ,promozione dell’aborto come contaccettivo,promiscuita’di massa ,meticciamento forzato, sono veleni imposti alle popolazioni occidentali con il chiaro intento di distruggerle. Come osservato dalláutore dell’articolo , lo scopo finale di tanta animosita’e’palese, ma non aspettiamoci che nei libri di storia questo periodo sia ricordato come un grabde tradimento, e’ piu’probabile che venga descritto come una grande vittoria delle forze progressiste . Perche’cio’non avvenga e’necessaria un alzata di scudi. E ‘necessario che almeno un potere abbia la forza di ribellarsi . Bergoglio ,Merkel,Macron’, Renzi , Gentiloni , Berlusconi, Taiani,i Carabinieri,la magistratura,etc.etc. sono tutti parte dell’establishment ,schierati a sostegno di quei valori europei ,che di europeo non hanno nulla ma provengono dalle raffinate menti dei creatori di ideologie per addomesticare le masse. La risposta a questo abominio e’nella storia ,quella storia che questi poteri hanno blindato assegnando a quegli uomini che li hanno combattuti ed ai loro ideali , il marchio di male assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 1 settimana fa

    Si potrebbe dire ironicamente: “un po’ meglio questo delle nozze fra culattoni e dei travestiti che adottano bambini” … un piccolo passo in avanti!
    Tutto meno che le questioni sociali che pesano come macigni nel mondo reale. Così è la sinistra lustrascarpe della grande finanza.
    D’altra parte, non possono essere che questi i risultati dell’infamia politica chiamata democrazia, meretrice del libero mercato.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mario Rossi 1 settimana fa

    Una volta sono vissute intere generazioni di italiani che credevano nella rinascita dalla guerra, credevano nella democrazie e credevano negli ideali espressi nella prima parte della costituzione italiana. Con il tempo e con un piccolo aiutino della CIA questi uomini con la schiena dritta sono morti e soprattutto sono stati sepolti. Sepolti dai giovinotti del 68, nullafacenti piccole merde di cane (direbbe il vecchio Clint) che immemori e ignoranti dei sacrifici dei loro padri hanno pensato di arricchirsi senza limite svendendo la costituzione di questo sfortunato lembo di terra! Sono traditori della patria e del sangue dei combattenti esseri immondi che bivaccano sopra i cadaveri putrescenti dei cosiddetti italiani medi, anchessi annichiliti e svuotati nelle loro forze una volta così enormi e fiere. Adesso io che sono figlio di coloro che i sacrifici li hanno fatti davvero cerco di studiare, conoscere, capire e vedo come essi sono stati imbrogliati e mi incazzo! si mi incazzo ogni minuto in cui vivo in questa terra e giuro davanti a dio e davanti agli uomini che mai e poi mai mi sentiròparte di questo sistema a costo di dovere fare la fame e mai e poi mai muoverò un dito a loro favore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace