L’isteria in un contesto di agonia non aiuterà l’Occidente

Sergei Lavrov ha il dono di riassumere concisamente l’essenziale della situazione. A volte gli bastano poche parole, che poi diventano “proverbali”. Non è chiaro se questo sarà il caso delle dichiarazioni del ministro degli Esteri durante l’intervista a tre stazioni radio (tra cui Sputnik ), ma una frase dell’intervista merita un’attenzione particolare.

Lavrov lo ha detto fin dall’inizio, rispondendo alla domanda se le continue dichiarazioni dell’Occidente secondo cui questo non si fermerà finché la Russia non sarà sconfitta strategicamente significano che c’è odore di grande guerra nell’aria. Il ministro ha subito dichiarato: ” L’escalation del tema della sconfitta della Russia, sottolineando l’importanza esistenziale di questa sconfitta per il futuro dell’Occidente, riflette non tanto uno stato d’animo bellicoso quanto agonia e isteria “.

Marianne Dunlop

*
di Pyotr Akopov

Lavrov ha spiegato che l’Occidente ha effettivamente capito da che parte tirava il vento. Altre dichiarazioni vanno nella stessa direzione: “ Perderemo la nostra influenza ”, “ La Russia rifarà il mondo con Cina, Iran, RPDC, Siria. Ciò non riflette una mancanza di fiducia, ma piuttosto il contrario: “capiscono che è attualmente in corso, come non esitano a chiamarla, una “battaglia” per la conservazione della loro egemonia e, di fatto, la formazione di un nuovo ordine mondiale multipolare ”.

Per alcuni, le parole ” agonia e isteria ” dell’Occidente possono sembrare esagerate, per altri è solo una frase di propaganda ben congegnata, ma in realtà Lavrov fa una diagnosi del tutto corretta. L’Occidente non è impazzito, al contrario, comprende molto bene l’essenza di ciò che sta accadendo, ed è ancora fiducioso nella propria forza e capacità di difendere il proprio dominio, ma allo stesso tempo diventa periodicamente isterico contro il fondo di agonia.

Operazione russa in Ucraina

L’agonia dell’ordine mondiale esistente, che l’Occidente (non ancora unificato, come negli ultimi decenni, o meglio subordinato alla leadership anglosassone) aveva costruito per secoli, un ordine mondiale che assicurava il dominio e l’egemonia della civiltà occidentale. Inoltre, a molti sembrava che rimanessero solo pochi passi per completare il processo di costruzione di un’umanità unificata, un mondo globalizzato e unificato sotto la guida degli anglosassoni. Il cosiddetto processo di globalizzazione avrebbe portato al fatto che l’Occidente semplicemente non avrebbe potuto avere rivali, paesi che potessero anche potenzialmente sfidarlo, perché gli stati-nazione sarebbero gradualmente scomparsi, avvolti nella rete delle multinazionali globali. E proprio quando il “luminoso futuro di un’umanità unita ” era così vicino, tutto cominciò ad andare storto.

È iniziata alla fine degli anni 2000 e uno dei fatti più sorprendenti è stata la crisi finanziaria del 2008. Ma le sue conseguenze devastanti per la reputazione dell’Occidente nel mondo avrebbero potuto essere superate se la Russia non avesse iniziato a “ seminare discordia ” a livello mondiale allo stesso tempo. La Russia, che già nel 2007, attraverso Putin, aveva dichiarato il suo disaccordo con l’ordine mondiale unipolare – e che poi ha cominciato a difendere i propri diritti e interessi in modo coerente – sta tornando alla grande.
La Russia era stata praticamente spazzata via mappa come una potenza minore, un attore regionale, e improvvisamente ricomincia a voler partecipare allo sviluppo delle regole globali del gioco.

Esercitazioni Russo Cinesi

In effetti, l’obiettivo iniziale della Russia non era tanto quello di creare un nuovo mondo multipolare quanto di ripristinare il suo spazio storico come Grande Russia. All’epoca, all’inizio degli anni 2000, l’Occidente avrebbe potuto teoricamente ancora mettersi d’accordo con la Russia se avesse voluto riconoscerne la sfera di influenza e rinunciare, in particolare, alle sue pretese sull’Ucraina. Ma gli anglosassoni non hanno colto il vento della storia e non hanno capito il significato del movimento: sembrava loro che il problema della Russia fosse profondamente secondario, che non fosse necessario concedere nulla e che la posizione e la leadership dell’Occidente nel mondo sarebbe stata preservata attraverso un corretto riaggiustamento delle priorità e degli alleati. L’Occidente ha perso il tempo e le opportunità, se non per consolidare la propria egemonia, almeno per rallentare il processo del suo smantellamento. Invece, le sue azioni hanno solo accelerato il processo di presa di coscienza da parte del resto del mondo dell’inizio del periodo di transizione, dell’inizio dell’era post-occidentale.

Da allora, il processo di estinzione della dominazione atlantica non ha fatto altro che accelerare, e dopo il 2022 è entrato in una fase aperta. Ciò non significa che la morte (cioè la perdita dell’egemonia globale occidentale) arriverà nei prossimi anni. Il processo potrà durare anche qualche decennio, ma è sicuramente diventato irreversibile. È di questa agonia che parla Sergei Lavrov, e non solo della posizione dell’Occidente nella battaglia per l’Ucraina.

Ed è proprio la comprensione dell’agonia che porta all’isteria, perché lo stesso Occidente ha alzato la posta nei confronti dell’Ucraina, dichiarando la vittoria della Russia assolutamente inaccettabile e equiparando la sconfitta dell’Ucraina alla propria. Tutte queste dichiarazioni secondo cui è in gioco il destino della leadership americana nel mondo non sono solo un tributo al consueto amore anglosassone per le grandi dichiarazioni, ma si trasformano anche in profezie che si autoavverano.

Non occorre però essere profeti per prevedere il futuro delle ambizioni atlantiche: esse stanno crollando, l’Occidente perde terreno, è banalmente a corto di munizioni (e non parliamo nemmeno della potenza del complesso militare-industriale)., ma degli strumenti di controllo del mondo). Certo, l’isteria può essere usata per mobilitare temporaneamente le proprie forze e perfino sconcertare e confondere il nemico, ma non può cambiare il corso della storia o la volontà della Russia.

fonte: RIA Novosti via Storia e Società

Traduzione: Gerard Trousson

5 commenti su “L’isteria in un contesto di agonia non aiuterà l’Occidente

  1. Isteria?? Francamente i leader occidentali intesi come UE e Nato stanno dando proprio i numeri!! Qua siamo in patologie ben più grazie che una banale crisi isterica fine a se stessa solitamente. Qua giocano con le vite una e ed il destino di popoli interi. Siamo a livelli hitleriani!!

  2. Non distruggete i barconi approdati in italia con gli emigranti, serviranno a noi per emigrare, ci hanno rovinati l’europa se questa guerra non finirà presto e durera ancora fallirà.

    1. l’Europa è uno specchietto per allodole che non avrebbe mai dovuto nascere!! E’ stata creata con il preciso intento di arrivare a questa conclusione. Anche se i sionisti avevano previsto in finale diverso. Saluti

  3. Sembra che Biden stia prendendo in considerazione l’ipotesi di trasferire 1,6-8 milioni di profughi di Gaza negli USA, si può immaginare con quale piacere i palestinesi si accaseranno presso il popolo sottomesso agli ebrei che ha contribuito con le bombe a sterminarli.
    Il genio malefico del popolo ebraico, peraltro avviato all’estinzione in quanto perlopiù omosessuale, il figlio di Soros ha un gigantesco fidanzato nero (secoli di matrimoni tra primi cugini dentro i ghetti per tenere in famiglia il patrimonio ha portato il patrimonio genetico degli ebrei alla completa degenerazione), si manifesta anche in queste strategie di mettere cristiani e islamici, bianchi e neri, gli uni contro gli altri, mentre loro saccheggiano e poi si spostano.
    Il fatto che le potenze eurasiatiche vogliano ridisegnare il quadro geopolitico internazionale da speranza, alla Russia l’egemonia in Europa dopo aver brutalmente soppresso il regime quisling sionista di Kiev con i banderiti sua milizia mercenaria, alla Cina l’egemonia in Estremo Oriente, dove nessuna potenza gli si può opporre, oggi la terza portaerei cinese Fujian con catapulte elettromagnetiche da 80000 tons ha iniziato il viaggio inaugurale mentre la quarta portaerei da 100000 tons è in avanzato stato di costruzione, e il Medio Oriente in mano all’Iran, dopo aver rovesciato le monarchie sunnite-wahabite che opprimono milioni di sciiti.
    Chiaramente l’entità sionista sarà sgonfiata, non c’è posto per gli ebrei in Palestina.
    Per impedirne il ritorno si potrebbe scavare un canale dal Golfo di Aqaba alla depressione del Mar Morto, in modo da rendere salata la riserva d’acqua del lago di Tiberiade, e poi scavare un altro canale che congiunga la depressione allagata con il porto di Haifa.
    Meno terra e meno acqua in Palestina, meno possibilità per gli ebrei di tornarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM