L’isteria dell’aggressione “israeliana” contro la Siria… cause e obiettivi

Gli attacchi dell’entità israeliana alla Siria, che sono aumentati notevolmente negli ultimi tempi, sia attraverso attacchi aerei e missilistici, sia attraverso l’uso dei suoi ben noti metodi sporchi, facendo esplodere autobombe, come è successo nell’area di Mezzeh, hanno sollevato molti interrogativi sulle ragioni di questa isteria israeliana, sebbene l’entità viva in condizioni che potrebbero spingerla verso la guerra civile da un momento all’altro.

Questa isteria “israeliana” non può essere compresa se non la collochiamo nell’ambito degli sviluppi in accelerazione che si stanno verificando nella regione e nel mondo. Si tratta di sviluppi le cui arene non possono essere separate l’una dall’altra, poiché tutte le arene si sono intrecciate e collegate, e alcune si influenzano a vicenda.

Se guardiamo rapidamente agli sviluppi in atto nella regione e nel mondo, la maggior parte di essi è stata sorprendente per il duo “israeliano-americano”, poiché questo duo immagina che, lanciando attacchi contro la Siria in questo modo indiscriminato, influenzerà lo slancio di questi sviluppi o ridurne la portata.

In prima linea in questi sviluppi successivi c’è il riavvicinamento iraniano-saudita , che è caduto come un fulmine sul duo “americano-israeliano”, che ha distrutto per sempre il vecchio piano di questo duo di formare una NATO “arabo-israeliana” guidata dall’America, contro l’Iran.

Il riavvicinamento arabo-siriano, che culminerà in un riavvicinamento siro-saudita e siro-egiziano, soprattutto dopo l’annuncio dell’intenzione dell’Arabia Saudita di presentare un invito ufficiale al presidente siriano Bashar al-Assad a partecipare al vertice arabo che si terrà a Arabia Saudita, il che significa contrastare il piano “americano-israeliano” di assediare, indebolire e dividere la Siria.

Il riavvicinamento saudita-iraniano e l’accelerazione dell’apertura araba alla Siria hanno inferto un duro colpo al movimento di normalizzazione con l’entità israeliana, anzi, hanno fatto riflettere sulla fattibilità di questa normalizzazione molti paesi arabi che avevano relazioni normalizzate con questa entità. Si è inflitto un altro duro colpo al piano di assedio e indebolimento dell’asse della resistenza (Iran-Siria-Hezbollah-Palestina) .

Il clamoroso riconoscimento da parte di Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff USA, dell’incapacità delle forze ucraine e della NATO di recuperare dalla Russia le terre abitate dalla maggioranza dei russi in Ucraina, non può essere disgiunto da quanto sta accadendo nella regione
Le forze russo-cinesi, che hanno cominciato a togliere il tappeto da sotto i piedi all’America nel mondo, in particolare nella regione del Medio Oriente, soprattutto dopo la sponsorizzazione cinese dell’accordo iraniano-saudita, sono un duro colpo per l’egemonia degli USA e dei suoi alleati.

Aereo spia USA avvicinatosi all’Iran e fatto allontanare

Quello a cui stiamo assistendo sono gli attacchi aggressivi alla Siria, o la detonazione di auto esplosive e ordigni esplosivi, come è successo a Mezze , o come è successo a San Pietroburgo nel nord-ovest della Russia, quando gli agenti della NATO hanno fatto saltare in aria un intero caffè solo per assassinare un blogger militare russo! L’aereo militare americano per violare lo spazio aereo iraniano, che si è allontanato dopo essere stato avvertito dalla forza navale iraniana, tali episodi sono il massimo che il duo “americano-israeliano” può fare, per vendicare il fallimento dei suoi piani per indebolire l’asse della resistenza e dell’alleanza russo-cinese.

Fonte: AL Alam.ir

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM