L’ISIS in Siria sta raccogliendo forza per nuovi attacchi, mentre gli Stati Uniti stanno salvando i leader del “califfato”


I miliziani dello Stato islamico stanno conducendo un’operazione ad Al-Abra (“Attraversamento”) nella provincia di Deir ez-Zor per salvare i membri dell’IG 1 che sono sopravvissuti alla battaglia con le forze curde sotto Baguz. Come affermato, citando fonti locali, l’agenzia di stampa italiana Difesa e Sicurezza, i resti LIH 1 , in un agguato nel deserto siriano, hanno lanciato attacchi contro le forze governative e i curdi, per dare il tempo per riscattare i ribelli superstiti. Alle “operazioni di salvataggio” partecipano i leader delle cosiddette forze di sicurezza interne dell’IG (“ingimasi”) e le forze di “Al-Rikaz” – gli ex “reclutatori” dei terroristi. Dettagli letti nel materiale dell’agenzia di stampa federale .

Pulizia generale dopo un campo insanguinato
Le forze filo-americane, che occupano Baguz, sono ora impegnate nella “pulizia generale” dopo la battaglia. Anche dopo l’intenso bombardamento dell’aviazione americana su parte dell’ultima roccaforte dello Stato islamico nella zona di Bagus, è rimasto un gran numero di terroristi – quelli che erano stati fortunati a scappare segretamente, e quelli che si sono liberati dall’accerchiamento , e poi hanno preso il vecchio percorso.

L’obiettivo principale delle “Forze Democratiche della Siria” (SDF) filo-americane sono diventate le caverne nell’area di Jafra Hill, situata nell’area di Bagus. Era lì, secondo le dichiarazioni del rappresentante ufficiale della SDF, Mustafa Bali , che gli ultimi gruppi militanti si nascondono. La coalizione statunitense ha già inflitto diversi potenti colpi a queste grotte. Come il portavoce della coalizione, Scott Rawlinson , ha sottolineato , al momento, le azioni della coalizione sono focalizzate sulla prevenzione dell’ISIS da “essere rigenerati e creare interazioni interne”.

Va notato che tutti i leader dello Stato islamico sono stati portati via dai curdi della coalizione degli Stati Uniti – per esempio, Abu Suhaib al-Iraqi , l’ex “emiro dell’addestramento al combattimento”, noto come il “terzo uomo nella ISIS”, è stato recentemente catturato sotto Baguz . Le forze della coalizione hanno immediatamente consegnato un funzionario dell’Isis, insieme ai suoi amici, alla base della coalizione nel campo petrolifero di Al-Omar. Vengono consegnati anche tutti i militanti dello Stato islamico che sono interessanti per il Pentagono.

“Rifugio sicuro” per chiunque sia disposto a lavorare per gli Stati Uniti
Al momento, le forze kurde e la coalizione statunitense non stanno affrontando questo compito: quasi ogni giorno, le forze curde stanno subendo perdite durante gli attacchi delle “cellule dormienti” dell’ISIS in tutta la Siria orientale. Rappresaglie – arresti, ulteriori misure di sicurezza nelle città curde – finora non danno un risultato significativo.

In parte, ciò può essere spiegato dal fatto che i militanti ISIS che si sono arresi ricevono assistenza dai loro patroni americani – per questo, i terroristi sopravvissuti devono solo raggiungere la “zona di sicurezza” di 55 chilometri intorno alla base militare americana di At-Tanf, situata illegalmente nella provincia di Homs.

Foreign Fighters europei

Come si è saputo, l’esercito americano ha stazionato gli islamisti sopravvissuti nel campo di addestramento del gruppo Kuvvat Shahid Ahmad al-Abdu, uno dei quattro gruppi filoamericani di opposizione moderata operanti nella zona dei 55k. I militanti dell’ISIS hanno ricevuto “aiuti umanitari” dai loro sponsor – tende, coperte, armi leggere e dispositivi per la visione notturna.

Gli Stati Uniti che cercano di preservare le risorse più preziose
I terroristi dello Stato Islamico hanno ufficialmente abbandonato i tentativi di controllare il territorio siriano, affidandosi invece a un gran numero di preoccupanti attacchi terroristici, ha ricordato all’esperto militare, capo redattore del Centro di Informazione e Analisi di Kassad, Boris Rozhin . Al momento, entrambi i militanti dell’ISIS, che sono fuggiti dall’accerchiamento, e le forze americane stanno cercando di salvare i leader più preziosi del gruppo e le risorse più preziose dei terroristi.

“Nell’area di Al-Baguz, restano piccoli gruppi di militanti, sopravvissuti ai funzionari dell’ISIL che non potevano sfuggire all’ambiente, agli emir, agli ingimasi (dipendenti del loro cosiddetto servizio di sicurezza interna) e ad altri significativi cifre, per il ritiro di cui sono stati compiuti sforzi coordinati. Sono portati sul territorio del deserto siriano a sud di Deir-ez-Zor, o sul territorio dell’Iraq alla provincia di Anbar, dove ci sono zone che sono mal controllate dal governo e dalle formazioni sciite, ha detto l’analista del centro di Kassad.

L’analisi degli attacchi, che sono registrati da fonti obiettive, parla di una serie di attacchi contro l’esercito siriano nell’area da Abu Kemal a Deir ez-Zor , e continuano gli attacchi terroristici ai checkpoint della SDF sulla riva orientale , suggerendo che una serie di misure sono state prese o per disperdere le forze per la realizzazione di alcuni obiettivi dell’ISIL nell’area, oppure si tratta di esportare alcune figure preziose o proprietà preziose – documentazione, oro, denaro “.

Agenzia di stampa federale
L’esistenza di una prigione segreta della coalizione statunitense nell’area di Al-Omar, dove tengono i militanti dell’Is catturati vivi, si inserisce nella pratica che il Pentagono ha usato dall’inizio della guerra in Iraq.

“Preziosi funzionari che hanno informazioni sulle attività del gruppo e gestiscono formazioni significative, hanno accesso agli archivi, alla documentazione o alle attività operative dell’ISIS, che gli Stati Uniti di solito tolgono ai kurdi. Lo stesso vale per i mercenari stranieri che hanno combattuto come parte dell’ISIS.

Questo, da un lato, è spiegato dal desiderio di monopolizzare l’accesso alle informazioni che possono essere ottenute da questi individui, dall’altro aumenta la possibilità di nascondere i fatti “scomodi” sulle attività di questi individui – come sono entrati in Siria, come hanno contattato con vari servizi speciali dei paesi della NATO, – ha spiegato la fonte della FAN. – Se necessario, questo personale in custodia può essere utilizzato in futuro per attività terroristiche e altre operazioni segrete.
L’attività dei militanti nella regione di At-Tanfa è vantaggiosa per gli americani, poiché risolve due compiti contemporaneamente: i terroristi ISIS sopravvissuti, avendo accesso alle catene di approvvigionamento, possono essere nuovamente disturbare le forze governative e le città pacifiche in tutta la Siria meridionale, mentre contemporaneamente bloccano il “ponte sciita” Iran “Beirut che è uno degli obiettivi principali della base militare di Al-Tanf. Allo stesso tempo, gli sforzi delle forze irachene e filo-iraniane, che stanno cercando di chiudere il confine tra Homs e la provincia irachena di Anbar, sono attualmente insufficienti. Tuttavia, in generale, i combattenti dell’Isis non sono in grado di tentare di far rivivere il loro “califfato” nel territorio della Siria e dell’Iraq.

“Le dichiarazioni di Trump sulla” vittoria finale su ISIS “sono, ovviamente, premature, ma questo [sequestro di aree in Siria o in Iraq] è improbabile. Ora hanno addirittura dichiarato ufficialmente che stanno passando alla tattica degli attacchi separati sulle infrastrutture e fanno affidamento su un gran numero di attacchi individuali per dimostrare che l’ISIS sta operando e conservando le sue capacità operative.

D’altra parte, il livello di popolarità del gruppo si è notevolmente ridotto e non saranno in grado di catturare intere aree per un lungo periodo. Dal raid, per conquistare qualcosa – sì, ma per mantenerla – no “, riassume la testa pensante del centro di analisi” Kassad “.

Fonte: Riafan.Ru

Traduzione: Sergei Leonov

2 Commenti

  • Orazio
    4 Aprile 2019

    Bello quando dicono gli amerikani, che sono contro l’ISIS….

  • eusebio
    4 Aprile 2019

    L’obiettivo della base di Al Tanf è quello di tagliare la via dei rifornimenti iraniani-irakeni a Damasco, come lo è l’immaginata restituzione della Crimea all’Ucraina che dovrebbe tagliare i rifirnimenti russi.
    Sempre nell’ottica della sicurezza di Israele, che dovrebbe essere garantita dall’annessione delle alture del Golan.
    Per adesso solo il sostegno cinese a Russia, Iran e Siria impedisce un’escalation nel conflitto, anche se gli USA sono stanchi economicamente e militarmente di guerre, con l’equipaggiamento usurato e difficoltà nell’arruolamento.
    L’insistenza degli ebrei nel voler restare in Palestina ha qualcosa di patologico, gli assiri annientarono il regno di Israele e ne dispersero la popolazione, lo stesso fecero i babilonesi con il regno di Giuda e tentarono di fare i monarchi seleucidi di Siria, mentre ci riuscirono Vespasiano e Adriano che massacrò 600000 ebrei mettendo l’ebraismo fuori dalla Palestina per quasi 2000 anni.
    Adesso uno staterello che non riesce nemmeno ad occupare Gaza vorrebbe disgregare tutto il medio oriente e pure mezza Europa per raggiungere l’obbiettivo, facendo combattere gli altri.
    Purtroppo per lui la possente economia cinese sostiene i suoi nemici, mentre quella iperindebitata USA se non taglia immediatamente le spese militari lasciando lo staterello al suo tristissimo destino rischia la bancarotta.

Inserisci un Commento

*

code