APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

L’ISIS in Siria rimane presente solo nelle aree controllate da forze USA

I terroristi ISIS sono presenti solo nelle aree controllate dagli Stati Uniti in Siria – Ministero della difesa russo
Di Leith Aboufadel –
BEIRUT, LIBANO (12:00) – Le ultime sacche di resistenza dello Stato Islamico (ISIS) si trovano all’interno delle aree controllate dalle forze statunitensi, ha detto stamattina il portavoce del Ministro della Difesa russo, il generale Igor Konashenkov.

“Per quanto riguarda la situazione attuale nella Repubblica araba siriana, raccomandiamo al capo del Pentagono di esaminare la mappa che mostra la situazione in questo paese. Tutte le rimanenti sacche di resistenza dei terroristi Daesh in Siria si trovano solo in aree controllate dagli Stati Uniti “, ha detto Konashenkov.

Il portavoce ha osservato che il ministero della Difesa russo è stato sconcertato da “manipolazioni verbali” di Mattis riguardo alla situazione in Siria, sottolineando che l’espansione del gruppo terroristico Daesh in Siria era diventata possibile a causa di “omissioni criminali” degli Stati Uniti e della coalizione che avevano lasciato campo libero a questi terroristi.

Il generale russo ha risposto al segretario alla Difesa statunitense James Mattis, il qule aveva affermato che il presidente siriano Bashar Al-Assad stava creando problemi nel suo paese per aver invitato sia l’Iran che la Russia ad entrare in Siria.

Inoltre, il portavoce del Ministero della Difesa russo ha attaccato le iniziative degli Stati Uniti in Siria, aggiungendo che le armi da loro fornite, cadono spesso nelle mani dei terroristi.

“Per tutto questo tempo Washington si è concentrata sul finanziamento e sulle forniture di armi dirette alla finta” opposizione siriana “per un totale di centinaia di milioni di dollari. Tuttavia, la stragrande maggioranza delle armi e delle munizioni fornite dagli Stati Uniti era caduta nelle mani della branca siriana di al-Qaeda – Nusra Front [gruppo terrorista, bandito in Russia] e del Daesh, che aveva cercato, come Washington, di rovesciare il legittimo governo siriano, “Ha detto Konashenkov.

Nota: Strano che Matis abbia l’impudenza di criticare l’intervento della Russia e dell’Iran che hanno salvato la Siria da un destino di tipo libico. Il doppio gioco di Washington è stato da tempo scoperto e Mattis e quelli del suo giro dovrebbero almeno avere il pudore di tacere.
————————————————————–

Forze sciite sul confine Iraq-Siria

Le truppe irachene inseguono i terroristi dell’ISIS all’interno della Siria
Di Leith Aboufadel –

BEIRUT, LIBANO (12:50) – Sempre più concreta la coperazione militare tra l’Iraq e la Siria nella lotta contro il comune nemico: i gruppi terroristi alimentati dagli USA e dall’Arabia Saudita.
Nella stessa settimana in cui l’Air Force irachena ha effettuato un potente bombardamento aereo in Siria, le Unità di mobilitazione popolare (Hashd Al-Sha’abi), milizie sciite,  hanno lanciato un attacco diretto contro un gruppo di terroristi dello Stato islamico ( ISIS) individuati lungo il confine.

Secondo l’ala mediatica ufficiale delle Unità di mobilitazione popolare, le loro truppe hanno rintracciato i terroristi dello Stato islamico nel villaggio siriano Al-Atshana, dove hanno aperto il fuoco contro i miliziani.

L’ala mediatica della PMU ha aggiunto che lo Stato islamico ha subito pesanti perdite nelle sue file prima che si disperdessero dalla zona.

Le truppe irachene hanno ripetutamente preso di mira i terroristi dello Stato islamico in quest’area, mentre tentano di assicurare pienamente il confine tra Iraq e Siria.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Mardunolbo 4 mesi fa

    Spazzare via i ratti di fogna mercenari e tappare la bocca ai loro mandanti ! Ottimo che truppe irachene alleate dei siriani, spazzino via i ratti mercenari barbuti.
    Poi . come hanno già detto, via dalle palle gli americojons…per sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. amadeus 4 mesi fa

    Invece a creare problemi alla Syria sono proprio gli u.s che al contrario degli altri due, non sono stati invitati a occupano abusivamente il territorio Syriano nonostante le ripetute ingiunzioni a sloggiare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace