L’Iraq chiede la fine dell’occupazione israeliana delle alture siriane del Golan

Il ministro degli Esteri iracheno Muhamad Ali al-Hakim ha denunciato nuovamente l’occupazione delle alture siriane del Golan da parte del regime israeliano.

Condanniamo l’occupazione del Golan siriano da parte delle forze israeliane. Queste forze devono lasciare il Golan in conformità con le risoluzioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) “, ha detto sabato il ministro degli Esteri iracheno.

In un discorso tenuto al 18 ° vertice dei capi di Stato e di governo del movimento non allineato (MPNA o MNOAL), tenutosi a Baku, capitale dell’Azerbaigian, Al-Hakim ha sottolineato nello stesso modo che la sovranità nazionale e l’integrità della Siria devono essere rispettate.

Israele aveva occupato la maggior parte dell’altopiano del Golan, circa 1800 chilometri quadrati, dopo la guerra dei sei giorni nel 1967, e aveva incorporato quel territorio siriano nel suo sistema legale nel 1981, il che significa un’annessione di fatto . Tuttavia, molti paesi e organizzazioni in tutto il mondo rifiutano di legittimare tale annessione.

Condanniamo l’occupazione del Golan siriano da parte delle forze israeliane. Queste forze devono lasciare il Golan siriano secondo le risoluzioni dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) “, ha dichiarato il ministro degli Esteri iracheno Muhamad Ali al-Hakim.

Il governo di Damasco sottolinea che il recupero delle alture del Golan, che sono parte integrante della Siria e ancora occupate dal regime israeliano, è la priorità della Siria.

Il governo di Damasco aveva denunciato l’occupazione illegale del Golan da parte del regime di Tel Aviv e ha promesso di liberare ogni centimetro quadrato del suo territorio dalle forze occupanti, chiunque esse siano.

In un altro momento nelle sue osservazioni, il ministro degli Esteri iracheno ha espresso il sostegno di Baghdad alla nazione palestinese, che subisce decenni di occupazione e atti criminali da parte di Israele. “Sosteniamo il popolo palestinese e il suo diritto di creare uno stato sovrano con Al-Quds (Gerusalemme) come capitale”, ha affermato.

Milizie sciite in Iraq presidiano frontiere

Il regime israeliano continua le sue politiche colonialiste e di occupazione in Palestina e in Siria con il sostegno del governo degli Stati Uniti, che ha riconosciuto la presunta sovranità del regime di Tel Aviv sugli alture siriane del Golan, una misura simile alla sua dichiarazione arbitraria su Al -Quds (Gerusalemma), la sacra città palestinese che ha riconosciuto come la capitale di Israele.

La Palestina, la Siria e molti altri paesi si oppongono alle decisioni illegali di Washington, rilevando che tali misure non possono cambiare lo status del Golan, né quello di Gerusalemme.

Nota: Con questa dichiarazione il Governo dell’Iraq ha confermato la sua posizione dalla parte dell’asse della Resistenza, che comprende la Siria, Hezbollah, l’Iran e la Palestina. In questo senso le autorità di Damasco hanno salutato la dichiarazione del ministro iracheno come un gesto dimostrativo di alleanza e cooperazione con la Siria e con gli altri paesi che resistono alle politiche imperialiste ed alle aggressioni di Israele.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • eusebio
    27 Ottobre 2019

    L’entità canaglia sionista ha sempre più nemici nella regione, i suoi abitanti fanno sempre più uso di psicofarmaci per sopravvivere al terrore di vivere in quelle condizioni, se il governo siriano spingerà i curdi ad attaccare i loro ex alleati USA che controllano i pozzi di petrolio siriani e il governo irakeno farà sloggiare le poche centinaia di soldati USA rimasti in Irak a gestire le milizie mercenarie ISIS, spesso comandate da ufficiali israeliani (ne beccarono uno in Libia, si spera sia stato torturato e giustiziato) il panico li farà espatriare in massa.

  • Sed Vaste
    27 Ottobre 2019

    Ma esiste ancora l’Iraq ? Non mi risulta libia e Iraq son stati fantoccio dove regna l’anarchia piu totale non si sa chi comanda ! Gli ebrei Vanno e vengono dove vogliono laggiu’/ disfano congiurano corrompono tutto bella forza ci vuole poco a corrompere quattro beduini morti di fame , eretz Israel gia’ esiste solo che non si puo dire bisogna che LA vittima eterna Israele continui a “chiagnie e fotte”Poi con l’invenzione fraudolenta dell’olocausto inventato dai suoi Rabbini delinquenti ha messo una zavorra sull’occidente difficile da tirare via , adesso in italia ci sta quella liliana segre l’ebrea da reparto geriatrico che difende gli interessi di quei bugiardi patentati dei suoi connazionali sanguisughe eterne del povero popolo tedesco colpevole di essere innocente !!

Inserisci un Commento

*

code