"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Iran ottiene “luce verde” dal Governo di Damasco per una base navale in Siria

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha approvato la realizzazione di una base navale iraniana nelle vicinanze della base aerea di Hmeymim, utilizzata dalla forza aerea russa in Siria, secondo fonti ufficiali della Repubblica. Il quotidiano Nezavisimaya Gazeta sostiene che è andato a buon fine l’accordo di concessione della base aerea all’Iran.
Le stesse fonti confermano che il Presidente Al-Assad ha dato la sua approvazione per una base navale che sia utilizzata per realizzare attacchi aerei contro lo Stato Islamico.

Non c’è una conferma ufficiale di queste informazioni ma la questione era stata impostata dal primo ministro israeliano Natanyahu nel corso della sua riunione con il presidente russo Vlady Putin, la scorsa settimana, lo scrive la Nezavisimaya Gazeta.

Riassumendo i risultati della sua riunione con il leader russo, Netanyahu ha motivato la sua visita a Mosca con gli sforzi di Teheran per assicurarsi una presenza permanente in Siria.
Per quanto non siano ancora chiare quali siano le condizioni accordate, è sicuro che senza il consenso tacito di Mosca, Assad non avrebbe approvato i piani di Teheran.

Mohammad Bagheri, comandante delle forze iraniane, aveva detto che l’armata iraniana avrebbe potuto presto necessitare di basi in Siria e nello Yemen. In quel momento quella dichiarazione fu considerata come propaganda ma adesso la situazione sembra essere cambiata,  considerando che Teheran è uno degli alleati chiave di Damasco nella lotta contro i gruppi terroristi.

Marina Iraniana

“Se le truppe iraniane parteciperanno alle operazioni militari in Siria, Assad andrà a vincere”, questo lo ha affermato l’esperto militare Yury Netkachev. “Questo è uno scenario molto azzardato, visto che gli Stati Uniti, Israele ed i membri della NATO come la Turchia, che pure è parte del processo di pace accordato nel convegno di Astana, lavoreranno vigorosamente contro questo.

Nel frattempo il politologo esperto dell’Iran, Yury Netkachev, ha detto che l’Iran potrebbe svolgere un ruolo molto importante nell’assicurare che la Siria abbia capacità di difesa. Secondo le dichiarazioni ufficiali l’Iran ha inviato soltanto consiglieri militari ed istruttori in Siria. Tuttavia secondo dati non ufficiali, la Forze armate iraniane, principalmente quella dei Guardiani della Rivoluzione (CGR), stanno partecipando ai combattimenti in questo paese.

Le forze iraniane in Siria hanno fatto molto per salvare il regime ma potrebbero fare molto di più, ha enfatizzato l’esperto.
Adesso si aspetta una conferma ufficiale da parte di Al-Assad.

Netanyahu, nell’apprendere la notizia, rischia di prendersi un accidente cerebrovascolare.

Fonte: Russia insider

Traduzione: J.Manuel De Silva

*

code

  1. Mardunolbo 9 mesi fa

    “…Netanyahu, nell’apprendere la notizia, rischia di prendersi un accidente cerebrovascolare….” le vie del Signore sono infinite !
    Gloria al Signore che comanda la Storia umana !
    Per l’Europa dei popoli non è l’Iran islamico che fa paura ma il suo nemico pieno d’odio che agisce da decenni manovrando la sua colonia oltre oceano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 9 mesi fa

    Cosa vuoi che sia per una base! Noi in Italia ne abbiamo più di 100 yankee.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 9 mesi fa

    L’Iran è il muro tra i due mondi, che la Russia si sia alleata alla Persia ed la Cina sia il volano economico e finanziario di questo Regno orientale non potrà dare nessuna possibilità di successo all’Occidente, se non salvare il salvabile. La Russia in Libia, ed in futuro simpatizzare con la Tunisia, il Marocco…se la Russia attuerà la giusta strategia in Libia avrà dalla sua parte tutto il Nord Africa, il Sud, ed i paesi dell’Europa del Sud non avranno la forza di contrastare l’attrazione Russo-Cinese un Impero come quello Medo-Persiano che farà resistenza a Babilonia. Il Sud è alleato all’ Oriente, è il Regno del Sud. L’Orso russo è stato ferito diverse volte dal 2014, il Dragone cinese ha offerto l’assistenza necessaria per incoraggiare economicamente la Russia, ogni volta che riceve una ferita l’aggressione aumenta, ed la Russia e la Cina vogliono contare in Africa, la Russia si muove al livello militare la Cina finanziariamente. Due potenti braccia che metteranno sotto pressione l’Europa del Sud. La Russia donerà l’Ordine ai paesi che hanno subito le primavere arabe, questa sua volontà di contrastare il Caos sarà l’energia che permetterà alla Russia di fidelizzare con tanti paesi del Nord Africa senza l’uso della forza. Se la Russia risponderà come sta facendo con l’Ordine al Caos potrà vivere di rendita imperiale per i prossimi anni. A paesi distrutti offri la serenità e ti ameranno per decenni. La Russia e la Cina raccoglieranno solo dividendi per la politica del Caos ha fatto troppi danni, ed basta una leva per sollevare il Nord Africa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ubaldo Croce 9 mesi fa

    Bibi-Pipi-Netanyahu deve capire ch’è finita l’epoca di rompere le scatole ad altri popoli con la scusa dell’olocausto etc.etc.etc.
    Israele DEVE capire che deve vivere in pace con tutti gli altri popoli,in nome del lavoro,rispetto reciproco e della pace.
    Israele,data la capacità dei suoi abitanti,specialmente di certa élites,potrebbe fare,insieme al libano e ai palestinesi una nuova Svizzera nel vicino Oriente.
    Ne guadagnerebbero tutti,nessuno escluso.
    Purtroppo,a causa di certe pericolosissime deviazioni messianiche ancora insite in certe élites ebraiche,tutto cio’
    rischia ancora di essere solo un lontanissimo miraggio. Ma se certa gente usasse un po’ di cervello….
    Cordiali saluti.
    Ubaldo Croce

    Rispondi Mi piace Non mi piace