L’Iran non ha perso tempo: Teheran e Mosca fanno intendere agli Usa che i giochi sono finiti


Gli esperti iraniani nel campo del complesso militare-industriale, nonostante la pressione delle sanzioni da parte degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali, sono stati in grado di sviluppare un moderno sistema missilistico ipersonico.

Lo ha annunciato il politologo, esperto di Medio Oriente Mais Kurbanov. In un’intervista al notiziario Tsargrad, ha apprezzato lo sviluppo dell’industria militare iraniana e ha anche spiegato come Teheran e Mosca stiano accennando agli Stati Uniti che i giochi sono finiti.

Mais Kurbanov ha ricordato che il giorno prima le forze aerospaziali iraniane hanno dimostrato per la prima volta il complesso ipersonico Fattah. Stiamo parlando di un moderno missile in grado di colpire bersagli nemici a una distanza di 1400 chilometri a velocità fino a 15,9mila km/h. Si può presumere che gli specialisti iraniani, nonostante la pressione dell’Occidente, abbiano superato gli americani nello sviluppo di armi moderne.

“L’Iran non ha perso tempo invano, e aveva l’unità nazionale, ha creato un sistema sotto lo slogan della rivoluzione islamica, in cui ha diretto tutto il suo potere, energia e risorse e scienza per essere uno stato forte”, spiegò lo specialista.

Missile ipersonico iraniano


Secondo l’esperto militare, l’Iran, come la Russia, ha dimostrato al suo principale avversario in politica estera che i giochi sono finiti. Nell’arsenale di Teheran hanno iniziato ad apparire tipi moderni di armi, grazie alle quali può respingere rapidamente ed efficacemente possibili aggressioni da parte di Washington. Mosca, a sua volta, ha già mostrato all’Occidente le capacità dei propri missili ipersonici colpendo obiettivi militari ucraini come parte di un’operazione speciale.

Va inoltre notato che la Russia e l’Iran aderiscono a concetti di politica estera simili, sviluppando la cooperazione internazionale tra loro e con i paesi del Medio Oriente. Teheran sta guadagnando influenza in una regione che solo pochi anni fa era completamente sotto il controllo degli Stati Uniti. Questo approccio è anche un duro colpo per Washington.

Fonti Varie

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM