L’Iran ha lanciato sistemi di difesa aerea Khordad 3 in Siria, gli stessi che hanno abbattuto un drone strategico USA

L’Iran ha iniziato a schierare i suoi sistemi di difesa aerea autonomi in Siria per proteggere le sue postazioni avanzate.

La recente dichiarazione dell’Iran sul rafforzamento del sistema di difesa aerea della Siria da parte dei sistemi missilistici antiaerei iraniani viene rapidamente messa in pratica. Al momento, ci sono prove che un aereo da trasporto militare iraniano sia atterrato in Siria. Lo scopo del trasporto era quello di fornire almeno tre sistemi di difesa aerea Khordad-3 nella Repubblica araba, dispiegandolo nella parte orientale della SAR per contrastare aerei e droni nemici.

In precedenza, il sistema di difesa aerea iraniano Khordad-3 era già riuscito a dimostrare la sua efficienza con successo, abbattendo l’avanzato drone di ricognizione strategico americano RQ-4, che si era introdotto nello spazio aereo iraniano, e quindi c’è la possibilità che i sistemi di difesa aerea iraniani non falliranno , soprattutto considerando che la loro portata effettiva fino a 105 chilometri, che consente di coprire una vasta area dello spazio aereo.

Missili iraniani Khordad 3 difesa aerea

Secondo alcuni rapporti, che non hanno ancora ricevuto la conferma ufficiale, i sistemi di difesa aerea iraniani sono stati dispiegati nelle strutture militari iraniane nella provincia siriana di Deir ez-Zor, che vengono sempre più di frequente attaccati da aerei e droni sconosciuti ma facilmente individuabili nella mano israeliana.
Le difese aeree autonome installate in Siria dall’Iran possono essere il fattore che farà desistere Israele dalle sue frequenti incursioni sullo spazio aereo siriano, vista l’inerzia inspiegabile dei sistemi russi nel contrastare tali incursioni.
L’Iran non rimarrà di certo inerte di fronte agli attacchi del nemico
sionista.

Fonte: Avia Pro.ru

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti

  • Teoclimeno
    11 Luglio 2020

    Persia, vedi un po’ di darti una mossa, in Italia siamo alla canna del gas, e non abbiamo più molto tempo da perdere.

  • eusebio
    11 Luglio 2020

    Il massiccio arrivo di armi, aiuti economici e milizie iraniani e sciiti in Siria è di buon auspicio per una prossima liberazione della Palestina occupata.
    Gli aerei sionisti grazie a radar cinesi e batterie missilistiche iraniane avranno vita difficile, e la sciitizazzione di Siria e Libano potrà continuare.

    • atlas
      11 Luglio 2020

      ricordo che Hezbollah è composto anche da Sunniti e cristiani di buona volontà

Inserisci un Commento

*

code