L’Iran e la Russia condurranno una esercitazione navale congiunta nell’Oceano Indiano

L’Iran, la Russia e la Cina condurranno una esercitazione militare navale congiunta per la prima volta dalla vittoria della rivoluzione islamica (1979).

Il contrammiraglio Hossein Janzadi, comandante in capo della Marina iraniana, è arrivato martedì a Mosca (8 ottobre) per partecipare a una conferenza che riunisce i capi delle forze navali dei paesi della costa del Mar Caspio che si terranno a San Pietroburgo .

“I capi delle forze navali dei cinque paesi costieri del Mar Caspio firmeranno un accordo di cooperazione militare in questa conferenza”, ha affermato Hossein Janzadi.

Incontro fra i comandanti navali di Russia e Iran

Il comandante ha anche citato le prossime esercitazioni navali Iran-Russia: “Quando due o più paesi decidono di organizzare esercitazioni militari congiunte, ciò significa che esiste una cooperazione su larga scala tra di loro”.

Il contrammiraglio Hossein Janzadi ha affermato che l’imminente esercitazione Iran-Russia mira a rafforzare le capacità di combattimento delle forze iraniane e russe e contribuire a ripristinare la sicurezza collettiva in alcune aree. “Il coordinamento necessario è già stato fatto e l’Iran e la Russia hanno completato i preparativi. Prevediamo che le esercitazioni congiunte vengano eseguite alla fine dell’anno in corso, nell’area dell’Oceano Indiano “, ha affermato il comandante in capo della Marina iraniana.

Seconda esercitazione navale iraniano-russo-cinese

Più tardi, il generale di brigata Qadir Nezami, responsabile degli affari internazionali e della diplomazia della difesa dello stato maggiore delle forze armate iraniane, ha dichiarato lunedì (7 ottobre) che la Repubblica islamica dell’Iran condurrà presto una seconda esercitazione navale congiunta trilaterale con Cina e Russia nelle acque internazionali e libere dell’Oceano Indiano del Nord e del Mare di Oman, per la prima volta dalla vittoria della Rivoluzione islamica.

Le esercitazioni militari perseguono normalmente diversi obiettivi, incluso il trasferimento di esperienze tattiche e militari. A volte, queste inviano messaggi politici ed evidenziano un’alleanza tra gli organizzatori delle manovre. Le esercitazioni militari congiunte sono generalmente soggette ad analisi politiche e militari e sono essenziali negli sviluppi strategici “, ha affermato Qadir Nezami.

Fonte: remere TV

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • eusebio
    9 Ottobre 2019

    La Russia non può installare una base navale in Iran, dovrebbe essere la Cina ad insediarsi tipo a Bandar Khomeini per difendere il milione circa di barili di petrolio giornalieri che importa dall’Iran.

  • atlas
    10 Ottobre 2019

    non sono sciita (tutt’altro), ma apprezzo gl’iraniani: non si piegheranno MAI al giudeo, non sono BASTARDI

    nemmeno gli arabi lo sono, ma non tutti hanno lo stesso grado di fede

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code