L’Iran contro la guerra ibrida occidentale

di Viktor Mikhin (*)

I paesi occidentali, soprattutto gli Stati Uniti, stanno cercando di replicare lo scenario dell’Afghanistan e dell’Iraq in Iran, creando il caos per distruggere il paese e saccheggiarne le risorse, ha affermato in modo onesto e veritiero Scott Bennett, ex ufficiale delle operazioni speciali dell’esercito americano. “L’Occidente è pienamente impegnato in un’assoluta campagna di disgregazione caotica del governo iraniano, dei settori religiosi e militari in Iran, come hanno fatto in Afghanistan e poi in Iraq, affinché si crei il caos e l’Iran sia diviso in regioni per il furto di risorse nazionali ”, ha detto Scott Bennett al Teheran Times. Lo stesso ha anche sottolineato che Israele è il principale istigatore dell’ostilità e delle manovre occidentali contro l’Iran, usando queste tensioni per portare a termine i suoi attacchi in Libano, Siria e Iraq.

Sta diventando sempre più chiaro che una campagna di terrorismo interno si sta scatenando contro l’Iran con il pretesto di false proteste presumibilmente in difesa dei “diritti umani”, come è stato fatto in Siria da Stati Uniti, Israele e NATO. Gli stessi poteri stanno usando metodi simili e gli stessi mercenari per partecipare alla tentata rivoluzione colorata, l’operazione per cambiare il regime iraniano. Molto probabilmente, questi terroristi sono una combinazione di fanatici wahhabiti, Mossad israeliano, sostenitori del partito Likud, supportati dalla CIA statunitense, dall’intelligence britannica MI6 e da alcuni elementi in Iraq, terroristi di al-Qaeda, al-Nusra, ISIS non distrutto (cioè , le tre organizzazioni bandite nella Federazione Russa), altri mercenari e teppisti assoldati e pagati dall’Occidente.

Il piano prevede che terroristi stranieri si infiltrino in Iran e causino conflitti interni, inimicizia tribale e settaria, conflitto tra sciiti, sunniti, alawiti, cristiani, ebrei e curdi che vivono in Iran. Le principali aree mirate a fomentare disordini, conflitti e violenze sono proprio quelle parti dell’Iran dove c’è una popolazione mista. Telefoni cellulari, social media e media occidentali sono ampiamente utilizzati nel processo. L’inizio è stato l’emergere di un movimento di protesta femminile per una falsa accusa secondo cui una donna sarebbe morta sotto tortura della polizia, quando in realtà era morta per complicazioni mediche causate da una precedente grave malattia.

Iran, disordini e violenza sobillati da CIA e Mossad

Le specificità della guerra ibrida, come sostiene Scott Bennett, sono una combinazione di operazioni su piccola scala che assumono la forma di azioni diplomatiche, informative, militari ed economiche contro l’Iran per creare una leva che può quindi essere utilizzata per destabilizzare il governo e creare il caos in Iran. Sul fronte diplomatico, le dichiarazioni ostili delle Nazioni Unite, di varie strutture della NATO e dell’Unione Europea saranno sempre più utilizzate per diffondere propaganda e disinformazione ad altri paesi sull’Iran, su presunti abusi dei “diritti umani”, sui programmi nucleari volti a minare l’egemonia occidentale e sicurezza.
Numerosi analisti riconosccono che la NATO e la UE stanno rafforzando le loro capacità di difesa non solo in Europa ma anche all’estero inclusa la regione del Golfo.
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha recentemente delineato gli elementi di una nuova dottrina della sicurezza europea, l’approccio dell’UE e della NATO alla sicurezza nel Golfo Persico. Le sue osservazioni al dialogo di Manama in Bahrain il 18 novembre riflettono quello che è ampiamente visto come un approccio nuovo e aggressivo volto a intensificare ulteriormente le tensioni nella regione, approfittando dell’atteggiamento estremamente ostile di molti paesi nei confronti dell’Iran.

Si può anche vedere come Israele sotto il regime di Netanyahu stia intensificando gli attacchi aerei aggressivi contro la Siria e continuando a invadere lo spazio aereo dell’Iraq e del Golfo Persico, attuando come manovre di avvistamento contro l’Iran. Le forze aeree israeliane e statunitensi condurranno la loro più grande esercitazione aerea congiunta da anni, simulando attacchi contro l’Iran. Gli aerei da combattimento di entrambi i paesi simuleranno voli a lungo raggio e attacchi contro obiettivi distanti, migliorando la prontezza per scenari di combattimento con l’Iran.
Negli ultimi anni, le forze di difesa israeliane e il comando centrale degli Stati Uniti hanno già condotto diverse esercitazioni congiunte, praticando attacchi contro l’Iran.

Nel luglio di quest’anno, il presidente Joe Biden e il primo ministro Yair Lapid hanno firmato una dichiarazione congiunta sul partenariato strategico USA-Israele, nota anche come Dichiarazione di Gerusalemme. Sottolinea l’impegno degli Stati Uniti “a non permettere mai all’Iran di acquisire un’arma nucleare, e che è pronto a utilizzare tutti gli elementi del suo potere nazionale per garantirlo”. Le successive esercitazioni congiunte sono state oggetto di incontri a Washington tra il capo di stato maggiore dell’IDF, il tenente generale Aviv Kochavi e funzionari statunitensi, tra cui il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, il generale Mark Milley e il comandante del CENTCOM, il generale Michael Kurilla.

Circa 3,5 miliardi di NIS (1 miliardo di dollari) sono stati stanziati dal budget per la difesa di 58 miliardi di NIS (17 miliardi di dollari) dell’IDF per le attività militari del prossimo anno relative a presunti attacchi contro l’Iran. Il ministro della Difesa uscente Benny Gantz aveva precedentemente avvertito il nuovo primo ministro Benjamin Netanyahu di “considerare la questione con molta attenzione” prima di lanciare un attacco contro l’Iran. “Israele ha la capacità di agire in Iran. Abbiamo la prontezza, le capacità di sviluppo e i piani a lungo termine che stiamo gestendo. Dobbiamo prepararci a questa possibilità e dovremo anche considerare molto attentamente questo problema prima di portarlo a termine “, ha affermato.

Guardie della Rivoluzione Iraniana

Tutto quanto sopra supporta abbastanza chiaramente l’argomento secondo cui è Israele la principale fonte di ostilità e manovre occidentali contro l’Iran e sta usando queste tensioni per effettuare attacchi in Libano, Siria, Iraq.

Le rivoluzioni colorate sono solitamente il bersaglio di campagne aggressive da parte dell’Occidente, e le guerre ibride sono fumo e fuoco per creare copertura e distrazioni per creare condizioni, caos e tensioni per lanciare queste rivoluzioni colorate.
Le guerre ibride includono il conflitto che gli Stati Uniti hanno creato in Iraq tra varie tribù e sette religiose, e in Libia e Siria, dove mercenari stranieri provenienti da Arabia Saudita, Qatar, Israele e Turchia sono stati assunti, finanziati e addestrati dalla CIA e dal Pentagono. Questo avviene anche oggi sotto la gestione del generale Lloyd Austin, ora Segretario alla Difesa. Lo scopo di queste operazioni era creare tensione, caos, conflitto e inimicizia tra i popoli delle regioni in modo che la ricchezza naturale potesse essere rubata. Basti guardare alla storia di queste operazioni negli ultimi 20 anni: Afghanistan, Iraq, Somalia, Libia, Siria, Libano, Yemen.

Viktor Mikhin, membro corrispondente di RANS, in esclusiva per The New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • nicolass
    Inserito alle 21:57h, 11 Dicembre Rispondi

    Nonostante lo schema utilizzato da Usa, Israele e Nato per imbastire rivoluzioni colore in paesi ostili sia sempre lo stesso fa specie che i paesi colpiti si facciano trovare sempre impreparati

    • Mondo Cane
      Inserito alle 01:43h, 12 Dicembre Rispondi

      Se sei attaccato da un branco di Bulli violenti protetti pure dalla Polizia e Giudici hai poche possibilità di difenderti !
      Il branco di bulli violenti sono le Nazioni USA-UK-UE-ISRAELE che sono protette dal ONU ( che funge in teoria da poliziotto e da giudice ) .
      Perfino le associazioni a delinquere internazionali Sportive-Olimpioniche-Scientifiche puniscono i paesi indifesi e premiano i paesi Bulli !

  • Nicholas
    Inserito alle 23:02h, 11 Dicembre Rispondi

    Si potrebbe applicare la stessa metodologia, nei paesi dell’occidente collettivo.
    Negli Usa, sarebbe facilissimo. Con tante etnie che ci sono scoppierebbero guerriglie ovunque.
    Anche in UK sarebbe facile.
    Pan per focaccia all’occidente collettivo

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 21:58h, 12 Dicembre Rispondi

      Negli USA si pratica da sempre la poliziesca repressione democratica -fascista -mafiosa PREVENTIVA anche usando delinquenti comuni ed associazioni di squadristi !
      Inoltre le “democratiche” forze di Polizia e paramilitari vanno giù di brutto quando ci sono manifestazioni di protesta SPARANO ADDOSSO A CHIUNQUE e spesso non si sa chi sia stato oppure ti arrestano i poliziotti dal grilletto facile per poi assolverli dopo due o tre anni dai fatti !
      Inoltre se gli USA hanno anche solo il sentore di manifestazioni organizzate da Stati Esteri non si fanno scrupoli nel devastare consolati, ambasciate ed arrestare i diplomatici sospetti o di sequestrare beni dello stato Straniero sospettato di tali azioni !
      Funziona da quasi 3 secoli il regime USA

Inserisci un Commento