L’Iran arresta diversi altri affiliati di una rete terroristica sionista

L’Iran smantella un altro gruppo terroristico che operava in 4 province del paese ed era affiliato ad una rete recentemente catturata che lavorava per il Mossad.
Attraverso un comunicato pubblicato mercoledì, il Ministero dell’Intelligence iraniano ha denunciato l’arresto di elementi operativi di un nucleo di sabotaggio in operazioni di intelligence molto complicate effettuate in quattro province del Paese.

Secondo il rapporto, la banda era associata alla più grande rete terroristica-sionista che operava in diverse province ed è stata smantellata nel corso di varie operazioni di ricognizione, che si sono concluse con la cattura di 14 terroristi e il sequestro di 43 bombe che dovevano essere utilizzate per attentati nel paese.
Senza nominare le quattro province in cui la cellula terroristica è stata paralizzata, il Ministero dell’Intelligence iraniano ha affermato che i terroristi avevano legami con centri terroristici situati nei Paesi Bassi, Danimarca, Germania e Turchia.

Dettagli dell’operazione turca contro la rete di spionaggio del Mossad contro l’Iran | HISPANTV

Guardie della Rivoluzione Iraniana

Il Ministero ha annunciato alla fine di luglio che una rete terroristica, affiliata al servizio di spionaggio israeliano (Mossad), è stata smantellata mentre pianificava atti di sabotaggio in sei province di Teheran, Kerman, Isfahan, Kohkiluye e Boyer-Ahmad, Kurdistan e Mazandaran.

I membri della rete terroristica, sostenuti finanziariamente ed equipaggiati da Israele, progettavano di effettuare diverse operazioni terroristiche in queste province iraniane alla vigilia del mese lunare di Muharram (che segna le massicce cerimonie di lutto per il martirio del terzo imam di musulmani sciiti).

Esplosioni sulla tomba del comandante iraniano, il tenente generale Qasem Soleimani, ucciso nel gennaio 2020 in un bombardamento americano in Iraq, a Kerman, e in alcuni centri di riunione pubblica, nonché l’esplosione di torri di trasmissione e stazioni di servizio con il L’obiettivo di interrompere l’approvvigionamento del fabbisogno nazionale e quello delle esportazioni rientravano tra i loro complotti.
Una fonte informata, citata dall’agenzia di stampa FARS , ha affermato che si è trattato di un duro colpo inferto dalle forze iraniane alla più grande rete terroristica attiva nel paese negli ultimi 20 anni.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM