L’ipocrisia “libera” dei media occidentali: Rupert Murdoch

Lo sviluppo di Internet e, di conseguenza, delle tecnologie di comunicazione ha portato all’ampliamento dell’ambito della “guerra dell’informazione” nonché ai grandi vantaggi che ha portato.

Grandi media, innumerevoli portali di notizie e piattaforme di social media… Tutti questi hanno notevolmente accelerato e diversificato l’accesso delle persone alle informazioni. Ora, ogni persona con accesso a Internet può seguire ciò che sta accadendo in qualsiasi parte del mondo con un solo clic.

Questa “libertà” è ampiamente presentata come il mezzo di libertà della nuova era. Naturalmente, questa libertà è valida fintanto che rimane entro i confini tracciati dagli Stati Uniti e dalle élite che controllano i media per i loro interessi.

Per dirla più semplicemente, l’imperialismo fa uno sforzo particolare per mantenere il suo monopolio stabilito nel campo dei media e dell’informazione, come in tutti gli altri campi, senza alternative. Quando un’alternativa emerge al di fuori dei paesi sotto il suo comando, attacca rapidamente. L’arma più grande che ha usato in questo attacco è ovviamente “democrazia e libertà”.

Uno dei rappresentanti più importanti di questa egemonia è Rupert Murdoch. Diciamo all’inizio quello che diremo alla fine, se l’organizzazione che state leggendo oggi ha un collegamento con Murdoch, significa che la notizia è stata preparata direttamente o indirettamente secondo gli interessi di Murdoch e della classe che rappresenta.

Esempio di Rupert Murdoch

Rupert Murdoch è un capo dei media australiano e azionista di News Corporation, con sede a New York, Stati Uniti.

Murdoch, che ha iniziato la sua carriera con giornali, riviste e televisione nella sua nativa Australia, ha ampliato la sua azienda ai media britannici e americani ed è diventato uno dei proprietari di media più importanti e ricchi al mondo.

Murdoch con Trump

Murdoch e il suo impero dei media stanno conducendo una campagna contro la Cina, usando i media come un’arma politica. Murdoch, che possiede diversi importanti media come The Wall Street Journal, The Sun, The Australian e Fox News, usa il suo potere mediatico come un’arma contro la Cina. Inoltre, così facendo, descrive la Cina come un paese “anti-libertà” e “opprimente”.

Questo, a sua volta, porta alla formazione di una serie di tensioni diplomatiche, soprattutto nelle relazioni Australia-Cina. Contrariamente al clima mediatico della Cina “oppressiva”, il 70 per cento della carta stampata “libera” in Australia è nelle mani di questo magnate dei media capitalisti.

Ciò significa che in organizzazioni come Sky News Australia, Australian News. Net e The Australian controllato da Murdoch, le notizie sulla Cina non sono modellate dai fatti ma da motivazioni politiche che provengono dalla proprietà di Murdoch. Inoltre, questa fabbricazione si ripete non solo in Australia, ma anche nella maggior parte delle emittenti in cui Murdoch è penetrata. Ebbene, non è questa una contraddizione per i paesi occidentali, che non abbandonano il concetto di “libertà di stampa”? No. La “libertà di stampa” di cui parlano è valida solo per le organizzazioni che ripeteranno la propria narrativa. Fin dall’inizio, questo è ciò che hanno apertamente sostenuto.

In altre parole, non è più un segreto che ogni passo compiuto dalla Cina come Paese sovrano, dal sistema politico cinese al concetto stesso di socialismo, dalle politiche uigure della Cina alle sue mosse tecnologiche, questi passi sono stati manipolati e, secondo i media di Murdoch, le masse sono state tratte in inganno dal regime. Una narrativa tutta a favore dell’imperialismo occidentale.
C’è una miriade di disinformazione sulla Cina diffusa dai media Murdoch. L’affermazione che il coronavirus abbia avuto origine a Wuhan, l’affermazione che la Cina abbia interferito nelle elezioni in Australia, il presunto lavoro forzato per gli uiguri e ovviamente le accuse di “furto di tecnologia”… Quando la fonte di tutte queste notizie, anche la fonte di le sue fonti, viene esaminata, le impronte ti condurranno a un’organizzazione di radiodiffusione in cui Murdoch è il suo capo.

Questa è una tale manipolazione che le menzogne ​​anticinesi prodotte sotto la guida di un magnate dei media conservatore di destra come Murdoch diventano i più grandi argomenti di individui e organizzazioni che si definiscono “libertari” e talvolta persino “di sinistra”. Questa è in realtà una grande contraddizione, ma questa contraddizione è insita in uno dei personaggi principali dell’ipocrisia occidentale.

A parte queste motivazioni politiche riguardanti la Cina in Occidente, coloro che vogliono ottenere informazioni concrete avranno sicuramente difficoltà. Perché nei media occidentali, compreso Murdoch, la narrativa cinese è completamente circondata da motivazioni politiche. L’Occidente sta cercando di riflettere la monofonia che ha creato attraverso figure come Murdoch come una “politica cinese”. Allo stesso tempo, i giganti dei social media occidentali sono impegnati a “etichettare” i media cinesi. Mentre “media controllati dallo stato” è ora diventato una connotazione negativa, scrivere per gli interessi del capo dei media capitalisti di destra come Murdoch è diventato sinonimo di “media liberi”.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • Benedetto le donne
    Inserito alle 18:20h, 11 Ottobre Rispondi

    Il grande merlo indiano (usa) dice e tutti ripetono la stessa cosa sono tutti merli indiani con la sindrome di Venezia.

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 22:24h, 11 Ottobre Rispondi

    +- siamo rimasti al 1941 (e anche al 1948 del libro “1984”), data del famosissimo film CitizenKane(QuartoPotere), a parte il fatto che esisterebbero anche: primo potere (politico?), secondo(economico?), terzo(giudiziario?) quinto(tv?), sesto(interrete), …

  • Giorgio
    Inserito alle 07:54h, 12 Ottobre Rispondi

    Secondo i partiti di destra e di sinistra italiani, la stampa (e anche Tv e rete internet) è libera solo se è in mano ai gruppi monopolistici / multinazionali privati, che ci raccontano la realtà a seconda dei loro interessi economici e di potere ….

  • antonio
    Inserito alle 10:05h, 12 Ottobre Rispondi

    in Occiidente pare che i crimini non vengano più perseguiti – esempi a decine nella storia – dalle Tween Towers al North Stream 1 e 2 – dagli attentati finto ISIS di Parigi Nizza Berllno – dalle pandemie ai vaccni nocivi obbligati – dalla moneta dollaro sterlina euro monopolio delle famglie sioiniste – dai golpe cileni argentini e ucraini dei santi romani – dal monopolio illegale dell’ informazione – dalle elezioni manipolate ( i voti di Vita in Alto Adige a migliaia spariti )

    • Giorgio
      Inserito alle 16:26h, 12 Ottobre Rispondi

      Eh si caro ANTONIO …. il tuo commento è ineccepibile …. e mettiamoci, qui da noi, anche i responsabili delle “stragi” sul lavoro ….
      3 morti al giorno (in media) ogni santo giorno da decenni …. Fa più di 1000 ogni anno … e continua cosi ….
      Vi risulta siano dietro le sbarre i responsabili dei disastri alla ICMESA (Seveso 1976), Tyssen Group di Torino, Funivia del Cermis, i vertici delle FS per la strage di Viareggio, quelli dell’ILVA di Taranto, quelli del ponte Morandi ….. e tanti altri ?
      E’ molto più facile buttare dentro i piccoli delinquenti di periferia (e spesso neanche quelli) …..
      che manager, banchieri, politici, militari e colletti bianchi …. andare più in alto non si può ….
      e se qualche volta si arriva in alto …. poi arrivano indulti, prescrizioni, domiciliari …..

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 18:09h, 12 Ottobre Rispondi

    ricollegandomi a ANTONIO e GIORGIO, a parte il fatto che x quanto riguarda ponteMorandi è stato ipotizzato “probabilmente minato la notte precedente” “parallelepipedi pressoché integri anneriti alle estremita’, come se fossero stati sottoposti ad una fonte elevata di calore” “monoliti in calcestruzzo armato”_”come tagliati da una enorme sega circolare o fusi da una altrettanto enorme lancia termica” “Ponte Morandi: ancora filmati fasulli” “escluso che sul camion ci fossero i dispositivi elettronici per telecomandare la demolizione” “come le torri gemelle magari con la nano termite” “energia al laser puntata direttamente sui due punti poi crollati” “disintegratori molecolari” (rif. pianetaX.wordpress.com), davànti a molte procure avrebbe manifestato “Associazione governo del popolo Asp”, denunciando troppi cittadini italiani vittime di sistema che sarebbe eversiv persistente däl 1989 all’interno di istituzioni italiane tramite abuso modello45 in modo tale che criminali denunciati nn risultino indagati

Inserisci un Commento