L’invito di Germania e Francia ad applicare sanzioni contro la Russia di Nalvany è inaccettabile: María Zakharova

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha osservato che tutte le inchieste dell’ufficio del procuratore generale russo nel quadro della Convenzione europea sulla mutua assistenza giudiziaria in materia penale sono state ignorate.
Mosca considera inaccettabile la dichiarazione congiunta dei leader dei ministeri degli Esteri tedesco e francese con l’appello a introdurre sanzioni contro la Federazione Russa a causa della situazione con Alexey Navalny, ha detto mercoledì la portavoce del ministero degli Esteri Affari esteri della Russia, Maria Zakharova.

“La dichiarazione dei due ministri è inaccettabile per il suo contenuto e il suo tono, indica l’assoluta riluttanza di Parigi e Berlino a confrontarsi con i fatti che sono stati ribaditi in numerose occasioni dai rappresentanti russi”, ha sottolineato il diplomatico. “Invece di un’adeguata cooperazione con la Federazione Russa per chiarire le circostanze di quanto accaduto al blogger, i governi di Germania e Francia si sono ora rivolti a minacce e tentativi di ricatto diretti contro di noi. Esortano l’Unione europea ad approvare nuove sanzioni contro le persone fisiche e giuridiche russe “, ha aggiunto.

I diplomatici hanno notato che tutte le inchieste dell’ufficio del procuratore generale russo nel quadro della Convenzione europea sull’assistenza giudiziaria reciproca in materia penale sono state ignorate. “Facciamo spesso notare ai nostri colleghi quanto sia inaccettabile ignorare le nostre numerose richieste su varie linee. Non c’è stata alcuna reazione “, ha detto.

A quanto pare, erano completamente coinvolti negli intrighi dietro le quinte. Le consultazioni russe sia attraverso i canali bilaterali che al Segretariato tecnico dell’OPCW per ottenere spiegazioni adeguate sono state apertamente sabotate “, ha aggiunto Maria Zakharova.

Macron con la Merkel

Non ha escluso la possibilità che Berlino e Parigi prendano il controllo della “coalizione anti-russa” che si sta formando nell’Unione europea nonostante le numerose garanzie di adesione all’associazione con la Russia.

Da parte nostra confermiamo che se i nostri colleghi sono disposti a riconsiderare questo corso di confronto, riducendo i tentativi di pressione, le possibilità di normalizzare il dialogo sono aperte”, ha detto il diplomatico. Altrimenti, trarremo le nostre conclusioni. In ogni caso, non riteniamo possibile “business as usual” con Berlino e Parigi “, ha concluso.

Fonte: Tass.com

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti

  • giulio
    8 Ottobre 2020

    i due kapò si stringono attorno al boss americano e alla sua nato!
    Oramai è guerra anche se non dichiarata e senza armi nucleari!
    Dal baltico al caucaso, al mar cinese l’imperialismo tracotante Usa-Nato e i suoi sgherri si stanno scatenando in un ultimo disperato tentativo di distruggere le poche forze che ancora lo contrastano!
    In genere, quando un nemico lancia un’offensiva, la controparte prepara la sua controffensiva…vedremo se ci sarà!

  • alessandro parenti
    8 Ottobre 2020

    Le tante forze che sempre più lo contrastano.

    • giulio
      9 Ottobre 2020

      beato te che ne vedi tante! io vedo fondamentalmente solo russia, cina e iran che poi sono le stesse che si opponevano anche 30 o 50 anni fa.
      I palestinesi, poveracci, possono fare ben poco, idem gli Hezbollà o i venezuelani e i cubani.
      Insomma le forze che si contrappongo all’imperialismo sono sempre le stesse e non vedo tutti i nuovi compagni di cordata che forse tu vedi…anzi, visto il disfacimento della vecchia Urss con il conseguente passaggio nell’orbita imperialistica e nato di tanti paesi ex “socialisti” mi sembra che il numero dei ribelli sia andato notevolmente scemando più che rinfoltirsi! ma spero di essere io a non saper contare! Non vorrei dare l’impressione del “disfattista”…anzi dico che è meglio pochi ma buoni però evitiamo di raccontarci favole!

Inserisci un Commento

*

code