L’intelligence iraniana ha sequestrato un carico di contrabbando di fabbricazione americana che sarebbe stato inviato ai rivoltosi nel paese persiano

Il capo dell’ufficio del ministero della Giustizia nella provincia meridionale iraniana di Hormozgan, Mojtaba Qahremani, ha affermato che la grande spedizione comprende oltre 6.000 pistole stordenti. Secondo il funzionario, gli agenti dell’intelligence hanno sequestrato il carico da una nave vicino alla città portuale di Khamir, come hanno riferito i media iraniani.

L’indagine preliminare indica che le armi stordenti sono state spedite in Iran allo scopo di incitare rivolte e caos, ha aggiunto Qahremania, sottolineando che due persone sono state arrestate durante l’operazione di intelligence.
All’inizio di questo mese, il Ministero dell’Intelligence iraniano e il Dipartimento dell’Intelligence del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica hanno annunciato di aver smantellato una rete di agitatori, sostenuta dagli Stati Uniti, che stava complottando per scatenare rivolte nel Paese.

Un’ondata di proteste ha colpito l’Iran lo scorso anno in seguito alla morte della donna curda iraniana Mahsa Amini, arrestata con l’accusa di aver violato le rigide regole iraniane sull’uso dell’hijab, il copricapo islamico per le donne. La violenza che ne è seguita è costata la vita ad almeno 200 persone.

Teheran ritiene che le potenze straniere, tra cui gli Stati Uniti e Israele, stiano alimentando i disordini sul suo territorio per rovesciare il governo islamico salito al potere dopo la rivoluzione del 1979.

Nota: La sobillazione di rivolte in Iran è una costante della strategia USA per rovesciare il regime di Teheran che è il principale nemico degli USA e di Israele. Il pretesto delle rivolte viene di volta in volta creato dalla propaganda occidentale, l’ultimo è quello di una pretesa rivolta delle donne iraniane contro il velo (hijab) che è tipico della religione islamica sciita e che viene utilizzato in quasi tutti i paesi islamici. Curiosamente questo avviene soltanto in Iran e non negli altri paesi di religione islamica.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “L’intelligence iraniana ha sequestrato un carico di contrabbando di fabbricazione americana che sarebbe stato inviato ai rivoltosi nel paese persiano

  1. Già … perchè l’occidente non ci riprova con l’Afghanistan, dove si impone non il velo, ma il burqa ? E tutti gli altri paesi islamici dove magari si infliggono anche punizioni corporali in pubblico ? Com’è che i democratici di casa nostra non gridano allo scandalo ? E’ ovvio, non sono di interesse geopolitico per USA-UK-UE e SIONISTI !
    IRAN = bastione della resistenza contro l’imperialismo liberista e globalista !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM