APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

L’Ingerenza politica USA :una tradizione consolidata

USA L’ingerenza politica è molto reale e globale

di  Ulson Gunnar (*)

Gli Stati Uniti hanno dedicato più di un anno alle accuse contro la Federazione Russa in merito a presunte interferenze politiche durante le elezioni americane del 2016 .

Mentre le accuse spaziano da tutto, comprese le “notizie false” diffuse su Internet per dirigere i legami con l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe utilizzato per assumere il potere, nessuna prova deve ancora emergere per dimostrare che la Russia si è intromessa negli affari politici interni dell’America .

E mentre la Russia certamente possiede una presenza ampia e crescente attraverso i media internazionali, gli attacchi concertati contro questa presenza derivano maggiormente dal fatto che i decenni di controllo incontrastato sull’opinione pubblica globale da parte dei media degli Stati Uniti e dell’Europa si stanno ora spostando verso un equilibrio multipolare del potere spazio dell’informazione .

In netto contrasto con i sussurri e le ombre citati dagli Stati Uniti e dall’Europa in merito alla Russia, per iniziare a comprendere la portata delle interferenze politiche statunitensi all’estero, basta visitare il Dipartimento di Stato americano e il sito Web National Endowment for Democracy’s (NED) finanziato dalle grandi società private.

Ingerenza su scala industriale

L’intromissione degli Stati Uniti è così ampia che NED è suddiviso in più filiali (National Democratic Institute (NDI), International Republican Institute (IRI) e Freedom House) che a loro volta sono affiancate da organizzazioni parallele come l’Open Society Foundation di George Soros, USAID, il DFID del Regno Unito e molti altri.

Il sito Web NED è suddiviso in diverse regioni, tra cui:

Africa;
Asia;
Europa centrale e orientale;
Eurasia;
Globale;
America Latina e Caraibi e;
Medio Oriente e Africa settentrionale.

All’interno di ogni regione, NED elenca i suoi ampi finanziamenti per organizzazioni e fronti in oltre 100 diverse nazioni in tutto il mondo.

All’interno di ogni nazione, ci sono fondi NED destinati a un gruppo costituito da decine di organizzazioni che si presentano come società legali, piattaforme mediatiche, fondazioni, gruppi ambientalisti e ONG per la difesa dei diritti umani. Tutte queste creano collettivamente le componenti di una macchina politica usata per far pressione sui governi in carica, per prestare attenzione agli interessi degli Stati Uniti, o per il cambio di regime se questi falliscono.

NED ONG made in USA

Poiché il NED e i destinatari dei suoi finanziamenti sono sempre più esposti come una forma di sovversione politica, la NED ha deciso di elencare i suoi finanziamenti in alcune nazioni in termini molto generali, senza mai rivelare le organizzazioni o gli individui che ricevono denaro dagli Stati Uniti.

Molte organizzazioni in nazioni bersaglio rifiutano di rivelare i loro finanziamenti al pubblico. Molti hanno persino il coraggio di sollecitare donazioni pubbliche nonostante abbiano ricevuto (e nascosto) ampi finanziamenti dal governo degli Stati Uniti.

(———–)

Medio Oriente

È un dato di fatto, ammesso da importanti piattaforme mediatiche statunitensi come il New York Times , che l’intera primavera araba del 2011 sia stata il risultato di vasti preparativi diretti dal NED, dai suoi partner e dalle sue filiali.

Dopo aver contribuito a creare i conflitti che attualmente consumano il Medio Oriente, la NED finanzia ora una serie di attività in nazioni come la Siria per contribuire a prolungare i conflitti. Questo viene fatto aiutando e favorendo i miliziani jihadisti che combattono il governo di Damasco con il pretesto di fornire aiuti umanitari. Include anche l’assistenza nell’amministrazione del territorio sequestrato dai milziani dal controllo di Damasco.

La nazione iraniana, ancora da sobillare con le stesse violenze che attraversano la Siria, lo Yemen, la Libia e l’Iraq, ospita reti di gruppi finanziati dal NED e dalla CIA che vanno dai presunti attivisti, ai gruppi di miliziani (terroristi) diretti al rovesciamento violento del governo di Teheran.

Europa orientale

Fu nell’Europa dell’Est che la NED perfezionò quella che oggi viene chiamata la “rivoluzione dei colori”. È ora ammesso che il NED statunitense e altre agenzie statunitensi giocarono un ruolo fondamentale nel rovesciare i governi di Georgia, Ucraina e Serbia. È stato infatti il ​​rovesciamento del governo serbo sostenuto dagli Stati Uniti nel 2000 che il Kem Sokha della Cambogia ha citato come modello da replicare nel sud-est asiatico con l’assistenza degli Stati Uniti.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, le rivoluzioni colorate del NED spazzarono l’Europa orientale come una piaga, consumando la sovranità nazionale e piegando i territori ex sovietici a nuovi padroni a Washington, Londra e Bruxelles.

Più recentemente, mentre la Russia ha iniziato a riaffermarsi e a prendere decisioni in tribunale sia nell’Europa orientale che in quella occidentale, la NED si è nuovamente impegnata a rovesciare i leader che rifiutano di ridurre o eliminare i legami economici, militari e diplomatici con la Russia per volere di Washington.

Un primo esempio di questo include le proteste dell’Euromaiden 2013-2014 in Ucraina. Durante il periodo 2013-2014, i senatori statunitensi, incluso John McCain, avrebbero letteralmente preso parte alle fasi di protesta a Kiev per offrire un sostegno politico diretto ai disordini guidati dai circoli politici neo-nazisti.

US President Donald Trump (C-L) and Saudi Arabia’s King Salman bin Abdulaziz al-Saud

Russia

Sorprendentemente, mentre Washington accusa la Russia di ingerenza politica all’interno degli Stati Uniti, il NED elenca apertamente quasi 100 attività sovversive o organizzazioni che stanno finanziando all’interno della stessa Russia .

Oltre a ciò che è elencato sul sito Web di NED, gli Stati Uniti e l’Europa stanno fornendo figure di opposizione impopolari come Alexei Navalny, l’ormai defunto Boris Nemtsov, Yevgeniya Chirikova (Strategia 31 finanziata dal NED), Lev Ponomarev (Mosca, Helsinki, gruppo finanziato dal NED), Liliya Shibanova (GOLOS finanziato dal NED) e molti altri che sono stati ripetutamente arrestati per aver cospirato con diplomatici e finanzieri americani che sostengono le loro attività sovversive.

Se esistessero prove per dimostrare che la Russia ha fatto una delle forme di ingerenza sopra elencate, incluso il mantenimento di intere scuderie di personaggi dell’opposizione che filtrano regolarmente dentro e fuori dall’Ambasciata russa in una nazione bersaglio, questa azione sarebbe categoricamente condannata da Washington. Eppure Washington si impegna palesemente in sovversione politica palese, non solo in Russia, ma in (almeno) altre 100 nazioni in tutto il mondo, incluse le nazioni che gli Stati Uniti stanno attualmente occupando militarmente in modo aperto.

Per l’impero, ciò che è più temibile è la competizione. L’Impero anglo-USA cerca di essere l’unico potere egemone con tuttoquello che ne consegue. Gli Stati Uniti non si oppongono all’intromissione politica negli affari di una nazione sovrana, si oppongono all’ostruzione della propria ingerenza mondiale e cercano di eliminare altri che offrono alternative migliori alla sottomissione coercitiva di Washington, quindi si agitano perché hanno individuato nazioni come la Russia, la Cina e altre che hanno sempre più successo nel fare proprio questo.

Per quei paesi tentati di unirsi al carrozzone nel condannare le nazioni come la Russia e la Cina per intromissione politica, in primo luogo quelle stesse nazioni devono riconoscere e rendere conto del livello industriale con cui gli Stati Uniti interferiscono con i propri partner europei.

Per coloro che stanno portando denaro ella NED in tutto il mondo nella convinzione che stiano facendo avanzare in qualche modo un’agenda progressista liberale, in particolare di “democrazia”, questi devono chiedersi come giudicare di una nazione straniera che fa interferenza negli affari politici della propria nazione e se questo sia “democratico” o se sia costruito in modo favorevole ai principi di auto-determinazione della democrazia.

Non si può onestamente concludere che il denaro del NED sia destinato a sostenere la capacità di una nazione di determinare il proprio destino quando risulta chiaramente che Washington sta investendo queste enormi quantità di denaro per determinare in base ai propri interessi l’assetto politico di quella nazione.

* Ulson Gunnar, analista geopolitico e scrittore di New York, in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook ”

Traduzione: Sergei Leonov

*

code

  1. atlas 7 mesi fa

    anche NED è di Soros

    quindi chi si definisce ‘fascista’ e ‘nazista’ ‘anticomunista’ in Ukraina in realtà è servo degli usa democratico giudei contro la Russia, un finto nazionalismo truffatore ideale creato apposta insomma …

    c’è anche qui, ma non truffa nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. max tuanton 7 mesi fa

    Con Internet i Giudei hanno trovato L’equilibrio perfetto : diffamazione totale ognuno in preda a un delirio di onniscienzadi tutto e di tutti su vasta Scala ,chi mai potra pensare ad un solo Colpevole ,gli Ebrei ,ripeto non capite niente e piu vi spremete le meningi in commenti eloquenti vuoti non arriverete mai a smuovere un granello di sabbia, sono gli Ebrei al fondo Della musica a dirigere tutti I governi,ora dicono a trump di dire una coglionata e lui LA dice ,allastampa meglio ancora dei veri traditori ,a putin gli si dice fa te stesso cioe’ il nulla e’ sufficiente tanto con LA nostra pubblicita che ti ritagliamo addosso diventerai un semi dio ,su Blondet leggevo I commenti una selva di gigioni sembra di entrare in un bar ,sono inconsciamente diventati dei giudei anche loro Parlano del Nulla ,Blondet pifferaio magico si sente lusingato e con lui I vari mazzucco chiesa bagnai ecc mai si sarebbero aspettati di essere seguiti da tanti pecoroni pretestuosi una fossa comunedelle intelligenze ,ripeto non capire niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 7 mesi fa

      ma me la vuoi spiegare una cosa … ma tu…che minkia ci campi a fare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. HERZOG 7 mesi fa

    Da avanzi di popolo al quale lei appartiene atlas devo ammetere che pur scontato e confusionario svolge un lavoro discreto ,il
    Ghetto gliene Sara grato,cerca di fare l’agitatore come quei 2 in malafede parenzo e cruciani da patibolo.Tornando alle iene del Ghetto dovreste chiedervi perche il mieli mentana augias saviano ecc e i vari shabbat goym travaglio sgarbi fusaro ecc stiano sempre in TV a parlare di tutto delle piu insignificanti stupidate ,ve lo dico io! Perche’dopo atti di sottomissione assoluta ai piedi del padrone Ebreo hanno imparato a ripetere le parole d’ordine che fan tanto piacere al padrone : I’ll fascismo e’ una peste Hitler un mostro gli ebrei dei perseguitati dei martiri che non hanno mai fatto male a nessuno LA chiesa un covo di vipere ecc ecc questa gente I Giudei e’da secoli che creano imbrogli da per tutto appiccano I’ll fuoco ovunque con scandal I bancari ,sociali e’ l’Ebreo e’ il nemico Della famiglia tradizionale da secoli altroche’ ,I Nostri governanti sono solo meri esecutori ,non Capite niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 7 mesi fa

      se c’è uno che VIVE nel ghetto sei proprio tu; queste cose che scrivi qui le sanno tutti rosicamorti

      se tu le ri scrivi è perché ti compiaci che state gestendo una parte di umanità con metodi disumani, ma nulla è per sempre e lo sai bene anche tu. Mangia pure come un porco, il conto poi arriva.

      E dopo il caffè c’è l’amaro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bruno 7 mesi fa

      Ti ringrazio di cuore mi hai fornito una chiave di lettura ulteriormente illuminante basta vedere come i giornali dei giornalisti che hai citato hanno commentato il massacro dei palestinesi di venerdì scorso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio 7 mesi fa

    E poi ve la prendete con merdogan che ha appoggiato i terroristi in siria?? Non lo scuso di certo, ma come dicevo nell’articolo seguente ” merdogan è un criceto, sono gli ebrei che sono delle pantegane..” guardate che organizzazione capillare il cui fine ultimo è il dominio sul mondo e l’omicidio del maggior numero di persone possibile..
    Cari max ed herzog, avete come sempre ragione e, se fate caso, ogni sacrosanta volta che un vostro intervento è mirato a far capire chi sia il mandante di tutto il male che viviamo ecco che appare il paladino dei giudei ad arruffare i popoli, a darvi contro, a denigrare le voci libere perchè fanno paura.. certi non mangiano il maiale perchè non vogliono passare da cannibali… perchè a loro dire il maiale mangia la merda, come se fosse scemo come loro, loro che la merda, invece, ce l’hanno in testa…il lurido poi vorrebbe ammischiare le carte in tavola, ma noi sappiamo bene che quello che si manifesta in ucraina non è nazionalsocialismo ne fascismo, solo un immondezzaio di destrume al servizio dei giudei, ne più ne meno del lurido individuo che, non avendo altro modo di sentirsi vivo, rompe il cazzo a tutti rispondendo ad ogni post pubblicato dagli utenti in modo rozzo, volgare, prevaricatore, insultante e che alla fine di tutto poi piange come un vitello perchè gli cancellano i commenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bruno 7 mesi fa

      W Claudio W Herzog

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. atlas 7 mesi fa

      forse non hai capito che io non sono un ruffiano imbrogliapopolo sistemico democratico capitalista liberista destroide occidentalista nella melma come te. A me o mi si ama o mi si odia. Solo DIO è perfetto, quindi mi devi prendere a 360gradi non a 90: a 90 dietro mi scatta la ventola.

      E ti fai male

      Rispondi Mi piace Non mi piace