L’individualismo liberale si compone di una destra e di una sinistra

[vc_row css_animation=”” row_type=”row” use_row_as_full_screen_section=”no” type=”full_width” angled_section=”no” text_align=”left” background_image_as_pattern=”without_pattern”][vc_column][vc_column_text]di Davide D’Intino
Come da destra si sente ripetere «non c’è più nessuno che dica qualcosa di destra», da sinistra lamentano «non c’è più nessuno che dica qualcosa di sinistra».
Entrambi gli schieramenti, travasando le culture d’origine in un organismo affetto da emiplegia, hanno tacitamente accettato che i filoni politico-culturali da cui traevano origine prima di cristallizzarsi nelle semplificazioni del parlamentarismo borghese venissero fagocitati, e progressivamente erosi, dall’ideologia liberale.
Allora, per mitigare lo smarrimento delle rispettive identità, la destra si spaccia per liberal-conservatrice e la sinistra per liberal-democratica, entrambe ostinate a non ammettere la contraddittorietà di queste, ossimoriche, definizioni.
Chi non si sia fatto ipnotizzare dalla mistificatoria risemantizzazione del lessico politico operata dagli autori liberali e veicolata dal ceto politico più demagogico e sfacciato che la storia ricordi, sa bene come, al giro di boa, il liberalismo, per sua stessa natura, finisca per escludere sia il conservatorismo sia la democrazia, entrambi incompatibili, da un lato con la sua hibrys necessariamente progressista, dall’altro con il suo individualismo metodologico.
Posto che destra e sinistra non sono due entità metafisiche ma coordinate geografico-assiali della politica, la cui fisionomia cambia nel tempo e nello spazio esprimendo, quindi, connotati relativi e transitori, se per destra si intende la vocazione per la patria e per sinistra la vocazione per il popolo, è evidente che il posizionamento di entrambe nel campo liberale frustrerà le aspettative di chiunque si aspetti che le rispettive, supposte identità abbiano una declinazione fattuale.
Così come il solo modo per stare con la patria è stare con il popolo, il solo modo per stare con il popolo è stare con la patria. Ed evidentemente ciò non può essere fatto da chi, come i liberali, ritiene che patria e popolo siano concetti astratti, mentre il concetto di individuo no.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM