L’India non si farà intimidire in un contesto multipolare

di MK Bhadrakumar

L’atmosfera cupa che ha regnato martedì al Consiglio degli Affari Esteri (CFR) a New York durante l’ intervento del ministro degli Affari Esteri S. Jaishankar era prevedibile nel contesto del conflitto diplomatico tra India e Canada sull’assassinio di un secessionista sikh a Vancouver nel giugno, che sarebbe stato “ coordinato ” dal Canada con Washington sulla base dell’intelligence fornita dai “Five Eyes”.

Tuttavia, il focus principale dell’evento ha assunto una svolta apertamente geopolitica, con i padroni di casa del CFR che hanno chiesto al ministro indiano di parlare della crescente presenza dell’India sulla scena globale e della sua visione della situazione internazionale che coinvolge Russia e Cina, nonché sul ” limiti” delle relazioni USA-India.

Non è un segreto che la faida tra Canada e India, nella quale Washington ha interferito, abbia uno scopo geopolitico più profondo. Il Financial Times , il quotidiano occidentale percepito come il più vicino all’amministrazione Biden, ha pubblicato la settimana scorsa un articolo intitolato Il problema Modi dell’Occidente, il cui titolo riassume bene il problema principale: “ Gli Stati Uniti e i loro alleati coltivano l’India come paese partner economico e diplomatico. Ma è sempre più difficile ignorare la tendenza autoritaria del suo primo ministro .

L’articolo avverte: “ L’India sta emergendo come uno dei più importanti partner stranieri dell’America come baluardo contro la Cina. Gli Stati Uniti hanno investito molto nel rafforzamento delle relazioni con Nuova Delhi come parte della loro più ampia strategia per migliorare le relazioni nella regione dell’Indo-Pacifico. Quest’anno, la tendenza ha subito un’accelerazione… Se le prove confermano le affermazioni del Canada, Washington dovrà affrontare un atto di equilibrio tra il suo vicino più vicino e un alleato sempre più importante ” .

Chiaramente, Jaishankar, la cui esperienza e competenza nella gestione delle relazioni USA-India in acque agitate e autunni miti non ha eguali all’interno dell’establishment indiano, è stato incaricato da Modi di contenere le conseguenze della disputa con il Canada sulle relazioni dell’India con gli Stati Uniti. In effetti, l’insoddisfazione dell’Occidente nei confronti dell’“India di Modi” è essenzialmente legata alla politica estera indipendente del Paese e alla sua resistenza a diventare un alleato nel senso tradizionale del termine e, quindi, a personalizzare la propria performance sulla scena globale in conformità con “l’India di Modi”. con l’ “ordine basato su regole” che rafforza l’egemonia degli Stati Uniti sulla politica globale.

Normalmente, gli Stati Uniti avrebbero cercato un compromesso con l’India, ma i tempi sono cambiati e gli Stati Uniti sono impegnati in una lotta per la supremazia globale con la Cina (e sempre più all’ombra di un asse sino-russo), che è ovviamente un gioco ad alto rischio.
La posta in gioco è una partita in cui Washington assegnerebbe un ruolo all’India e si aspetterebbe molto dalla leadership di Modi.

Nel complesso, Jaishankar ha optato per un approccio ibrido. Da un lato, sosteneva che l’India avrebbe avuto una politica estera indipendente in sintonia con un ordine mondiale multipolare. Ma d’altro canto, la sua tesi principale era che Washington sarebbe stato estremamente stupido a rischiare la partnership con l’India.

Modi premier indiano

La mentalità del blocco è obsoleta
Si può immaginare che la missione di Jaishankar sia come un iceberg di cui è visibile solo la punta, almeno per il momento. Tuttavia, le sue dichiarazioni al CFR di New York forniscono alcuni indizi ragionevoli. Fondamentalmente, Jaishankar ha raggruppato i suoi pensieri in tre gruppi interconnessi: l’ordine mondiale emergente e le relazioni USA-India; Il posto della Russia nell’ordine delle cose; e la sfida dell’ascesa della Cina. Si tratta di una rara visione dell’architettura dell’attuale visione del mondo dell’India, che può essere riassunta come segue:

L’ordine mondiale sta cambiando e anche gli Stati Uniti si stanno “ riadeguando radicalmente al mondo ”. Dobbiamo vedere in parte le “ conseguenze a lungo termine ” della sconfitta in Iraq e Afghanistan, ma soprattutto la realtà secondo cui è cambiato il dominio degli Stati Uniti nel mondo e il suo potere relativo rispetto alle altre potenze nell’ultima decade.

È chiaro che ” il mondo è diventato in un certo senso più democratico, e se le opportunità sono più universali “, è del tutto naturale che appaiano altri centri di produzione e di consumo e che avvenga una ridistribuzione del potere – “ ed è quello che è successo .”

Consapevole di questo cambiamento, Washington ha già iniziato ad “ adattarsi ” a un ordine mondiale multipolare senza dirlo, e “ cerca attivamente di modellare i poli e il peso dei poli ” in modo da avvantaggiarla.

In altre parole, gli Stati Uniti immaginano un mondo in cui non è più possibile lavorare solo con i propri alleati. Il QUAD è una dimostrazione lampante di questo nuovo fenomeno e i decisori americani meritano di essere congratulati per la loro “ immaginazione e pianificazione” .

In breve, gli Stati Uniti stanno già entrando in un ordine mondiale che presenta “ centri di potere molto più fluidi e molto più dispersi ” – molto spesso molto più regionali, a volte con questioni diverse e teatri diversi che producono le proprie combinazioni. Ciò significa che non è più realistico cercare soluzioni nette ai problemi.

India Impianti raffinazione petrolio

Gli Stati Uniti non devono perdere di vista “l’enorme opportunità ” di collaborare con l’India per rafforzare gli interessi reciproci, ponendo l’accento sulla tecnologia, poiché l’equilibrio di potere nel mondo è ancora un equilibrio tecnologico. Gli Stati Uniti hanno bisogno di partner che possano tutelare i propri interessi in modo più efficace, e il numero di partner è limitato. Pertanto, per lavorare insieme, gli Stati Uniti devono raggiungere una qualche forma di intesa con i propri partner.

Dal punto di vista dell’India, il numero di paesi che potrebbero diventare partner è ancora più limitato e gli Stati Uniti rappresentano infatti una scelta ottimale per l’India. Pertanto, l’India e gli Stati Uniti oggi hanno un’urgente necessità di lavorare insieme, con la maggior parte della partnership legata alla tecnologia, mentre una “piccola parte” potrebbe estendersi alla sfera della difesa e della sicurezza, e una terza parte potrebbe riguardare la politica.

Il fatto è che oggi il Sud del mondo è molto diffidente nei confronti del Nord del mondo ed è utile che gli Stati Uniti abbiano amici che pensano e parlano bene dell’America. L’India è uno dei pochi paesi in grado di colmare la polarizzazione della politica globale – Est-Ovest, Nord-Sud.

Jaishankar ha sottilmente rafforzato l’argomentazione persuasiva di cui sopra con la tacita cautela secondo cui l’amministrazione Biden non dovrebbe avanzare richieste irrealistiche alle politiche indipendenti dell’India o mettere in discussione i suoi interessi fondamentali, per non andare contro l’obiettivo desiderato.

L’argomentazione è stata rafforzata attirando l’attenzione su una realtà geopolitica sorprendente: la Russia sta voltando le spalle alla sua ricerca di identità europea, durata tre secoli, e sta compiendo sforzi considerevoli per creare nuove relazioni nel continente asiatico. La Russia fa parte dell’Asia, ma il suo perno è ritagliarsi un ruolo forte come potenza asiatica. In effetti, questo ruolo è importante.

Per quanto riguarda l’India, le sue relazioni con la Russia sono rimaste “ estremamente stabili dagli anni Cinquanta ”. Nonostante le vicissitudini della politica mondiale o della storia attuale, entrambe le parti sono state attente a mantenere relazioni “ molto, molto stabili ”. Questo perché Delhi e Mosca hanno capito che esiste una ” base strutturale ” per la collaborazione tra i due Paesi e, quindi, entrambe le parti prestano ” grande attenzione a mantenere il rapporto e ad assicurarsi che funzioni” .

I boschi sono bellissimi, bui e profondi…
Il messaggio implicito di questo pensiero è che, data la centralità del partenariato strategico russo-indiano, è praticamente impossibile isolare l’India. Jaishankar avrebbe potuto sostenere la sua tesi descrivendo a lungo il faccia a faccia tra India e Cina al confine (in termini fattuali dal punto di vista indiano), ma, significativamente, senza attribuire motivazioni al comportamento cinese o addirittura affrettarsi a caratterizzare in termini pittoreschi di autocompiacimento.

La parte più intrigante è stata quando Jaishankar ha avuto una mentalità abbastanza aperta da razionalizzare la presenza della Marina cinese nell’Oceano Indiano e ha rifiutato categoricamente di associare l’appartenenza dell’India al QUAD a questa presenza.

Jaishankar ha respinto l’idea banale diffusa dagli analisti americani di un “ filo di perle ” cinese attorno all’India e ha invece osservato con calma che il costante aumento della presenza navale cinese negli ultimi 20-25 anni è il riflesso del forte aumento delle dimensioni della Marina cinese.

Portaerei indiana

Dopotutto, ci si può aspettare che lo schieramento di una marina più grande sia visibile negli schieramenti di un paese. Detto questo, è del tutto realistico che l’India si prepari per una presenza cinese molto più ampia di prima.

È importante notare che oggi le preoccupazioni marittime non si oppongono ai due paesi. Questi sono, per natura, problemi che i paesi devono risolvere tra loro. In retrospettiva, la presenza americana nell’Oceano Indiano è oggi diminuita, lasciando dei vuoti in un momento in cui le minacce sono effettivamente aumentate.

Ma l’India non ritiene che il QUAD sia necessariamente adatto a un ruolo anti-Cina, perché sarebbe “ un po’ antiquato puntare il dito contro un altro Paese ”. Certamente, ci sono beni comuni globali da proteggere e “ ci sono preoccupazioni che possono essere affrontate meglio se i paesi lavorano insieme ”.

Inoltre, l’India non è più sicura che gli Stati Uniti risponderebbero a un altro tsunami in Asia con la stessa velocità e magnitudo di quanto fecero per lo tsunami nell’Oceano Indiano nel 2004. I tempi sono cambiati, i livelli di forza sono cambiati e le capacità sono cambiate. La Cina è uno dei paesi le cui capacità sono aumentate. Ma l’India lavora con i paesi “ che può e non con quelli con cui non si può ”.

In effetti, è continuato il cambiamento di tono del discorso indiano a seguito dei brevi scambi tra il primo ministro Narendra Modi e il presidente cinese Xi Jinping a margine del recente vertice BRICS.

Le dichiarazioni di Jaishankar hanno chiarito che le relazioni dell’India con la Russia non sono negoziabili, mentre, sorprendentemente, il governo Modi sta anche proteggendo le difficili relazioni con la Cina dalle interferenze di una terza parte esterna, avendo cura, presumibilmente, di lasciare strade aperte per la normalizzazione delle relazioni e dei legami attraverso canali bilaterali per il prossimo futuro.

Alla fine, se l’ agenda Five Eyes di Stati Uniti e Canada mirava a minare l’autonomia strategica dell’India, Jaishankar l’ha respinta. È interessante notare che a un certo punto ha fatto il commento sarcastico secondo cui l’India non è né un membro dei Five Eyes né risponde all’FBI.

In sintesi, Delhi preferisce trattare il conflitto con il Canada come una questione bilaterale di terrorismo in tutte le sue manifestazioni, compreso il secessionismo, che si inserisce anche nel contesto più ampio dell’atteggiamento politico lassista di Ottawa nei confronti delle legittime preoccupazioni dell’India in materia di sicurezza e della sua propensione a continuare a interferire negli affari interni dell’India come custode dell'” ordine basato sulle regole” .

MK Bhadrakumar

Fonte: Indian Punchline

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “L’India non si farà intimidire in un contesto multipolare

  1. Che umiliazione dover permettere, ad un ospite Indiano per giunta, di assestare una serie di sberle diplomatiche come non si era mai visto. E doverle accettare anche. A quest’ora avranno tutti la cacarella a Washington! Era l’ora! Il cerchio si stringe, anzi il cappio si stringe sempre più al collo di chi il mondo lo voleva sottomesso e obbediente. Suddito e povero. Il vento ha cambiato direzione…ne sono felice

  2. Calma e occhio lungo, avanziamo verso la vittoria totale, Ivan il terribile disse”la prima e la seconda Roma furono distrutte la Terza Roma che è la russia Mosca non lo sarà mai.

  3. Chiedo informazioni recenti sul comportamento del nuovo ministro degli esteri inglese e sulla sua volontà di accentuare l’aggressività inglese anche nel mar nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM